Kawasaki Ninja R2: in arrivo anche la 600 supersportiva con compressore?

Ancora moto con propulsori sovralimentati da Kawasaki, che sarebbe al lavoro sia su una ER-6, la S2, che su una supersportiva 600, la R2, entrambe dotate di compressore centrifugo. Scopriamole insieme.

Il Salone di Tokyo (30 Ottobre-8 Novembre) si avvicina, e con esso la curiosità del vedere per la prima volta modelli che verranno poi mostrati anche ad EICMA (19-22 Novembre). Alla luce delle ultime indiscrezioni, tra i più attesi c’è la R2 di Kawasaki, terza incarnazione del filone Supercharged della casa di Akashi.

E’ infatti di ieri la notizia, apparsa sul magazine giapponese Young Machine, di un nuovo brand registrato dagli uomini in verde. Dato l’accoppiamento con la sigla Ninja, si dovrebbe (il condizionale è di rito) trattare di una moto sportiva, cosa che farebbe pensare al completamento della line-up, con una versione ipervitaminizzata della ZX-6R.

kawasaki-s2.jpg

Questa moto seguirebbe le H2/H2R rilasciate l’anno scorso e, pur non essendoci stato alcun annuncio da parte dell’azienda giapponese, la S2 (di cui Motoblog aveva dato notizia in questo post), il cui nome è stato depositato di recente da Kawasaki e che dovrebbe essere una ER-6, quindi bicilindrico di 650 cc, dotata di compressore centrifugo, che potrebbe chiamarsi ER-6 SC.

Per tornare alla R2, fermo restando il trovarsi nel mezzo delle speculazioni più pure, così come il quattro cilindri 1000 della ZX-10 R è stato dotato di compressore centrifugo e montato sulla H2 ed H2R, la stessa cosa i tecnici in verde potrebbero aver fatto sull’unità della loro supersportiva 600.

Il risultato sarebbe quindi quello pubblicato dal magazine giapponese Young Machine, che mostra una moto in apparenza quasi identica alla H2, da cui differisce in realtà da alcuni particolari, a cominciare dalla presenza del serbatoio del gas del mono posteriore, sistemato sul lato destro, sopra allo scarico, che appare più piccolo di quello della sorella maggiore e pare confermare l’adozione di un motore di cubatura inferiore, ma in ogni caso a quattro cilindri.

Non avendo il problema di arrivare a superare la barriera dei 200 cavalli per 300 km/h di velocità massima, frutto dell’accordo tra i quattro costruttori giapponesi, potrebbe essere lecito attendersi una potenza dell’ordine dei 160 cavalli, un valore tale da non metterla in concorrenza né con la H2 né con la ZX-10R, ma ampiamente sufficiente a garantire prestazioni decisamente superiori alle tradizionali 600.

Imprescindibile, in questo caso, e diversamente da quanto accaduto per la H2, il contenimento dei pesi a livelli uguali o al massimo di poco superiori rispetto a quelli di una 600 sportiva tradizionale, per non vanificare i vantaggi dell’adozione di un motore sovralimentato e conservare la maneggevolezza delle concorrenti dotate di motore aspirato.

La curiosità sale, come scendono i giorni che separano da Tokyo Motor Show ed EICMA, che saranno forse utili per avere qualche informazione aggiuntiva da parte di Kawasaki, che si conferma tra le case più attive del momento quanto a novità.

Ultime notizie su Anticipazioni

Anticipazioni dal mondo delle due ruote con le ultime indiscrezioni, le interviste dei dirigenti, le tendenze del mercato, i rumors, le novità dei saloni moto.

Tutto su Anticipazioni →