Kawasaki Z1000SX MY 2017

Grandi novità di elettronica, per la Kawasaki Z1000SX ad Intermot. La sport-tourer in verde diviene più simile alla ZX-10R, senza dimenticare la verve da viaggiatrice.

Kawasaki legittima la sua presenza ad Intermot con quattro novità, a partire dalla Ninja 650 per andare alla ZX-10RR, passando per H2 Carbon e Z1000SX. Quest'ultima, in particolare, ha subito una serie di interventi mirati ad esaltarne sia le doti sportive che quelle di tourer.

Più appuntita nelle forme, si aggiorna facendo un po' il verso alla SBK-replica di casa, la ZX-10R (con la quale però non condivide il propulsore), andando incontro ai desiderata dell'utenza europea e statunitense, che attraverso sondaggi e ricerche di mercato, ha focalizzato le proprie richieste.

17zx1000w_40rgn1drf00d_c.jpg

Per la Z1000SX my 2017 gli uomini di Akashi hanno previsto un cupolino maggiorato e, sempre all'anteriore, un gruppo ottico con doppi fari a LED che promettono di migliorare l'illuminazione del 40%. Le novità però non si fermano all'estetica e, anzi, sono proprio quelle apparentemente invisibili, ad essere le più corpose.

17zx1000w_40rbk2drs2cg_c.jpg

Questo perché sotto alle carene della Z1000SX my 2017 trova posto una elettronica decisamente più spinta, rispetto a quella del modello oggi in commercio. Si parte dalla piattaforma inerziale a sei assi (probabilmente comune a quella della ZX-10R) connessa al traction control ed all'ABS Bosch che dispone anche della funzionalità cornering.

17zx1000w_40rog1drf2cg_c.jpg

Completano il quadro il serbatoio da 19 litri,  la manopola per la regolazione del precarico del mono posteriore, gli attacchi a scomparsa delle valigie laterali, la frizione antisaltellamento, sei riding mode e la feature di partenza assistita. Non si tratta però del classico launch control delle moto sportive, ma di un ausilio per effettuare, ad esempio, partenze in salita a moto carica e con il passeggero a bordo. Prezzo al momento non ancora comunicato.

17zx1000w_40rgn1dorf00d_c.jpg

  • shares
  • Mail