SBK Australia, Giugliano sul podio: "Grazie a Ducati"

Ducati di nuovo sul podio a Phillip Island con il terzo posto di Davide Giugliano. Sfortuna per Chaz Davies, scivolato all'ultimo giro.



wsbk-2016-australia-gara2-17.jpg

Bella soddisfazione e podio meritatissimo per Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati) nella Gara-2 di Phillip Island, primo round del Mondiale SBK 2016. Il pilota romano - che nella Gara-1 di ieri aveva chiuso quarto per una questione di centesimi - ha conquistato il terzo posto dietro a Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) e Michael Van der Mark (Honda World SBK) per tornare sul podio dopo i sette mesi di inattività per il noto infortunio alla schiena.

Giugliano è stato tra i protagonisti di una corsa ancora una volta combattutissima e caratterizzata da un finale in grande rimonta, che lo ha visto superare in sequenza Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), con cui è stato protagonista di un contatto al 16° giro, Sylvain Guintoli (Pata Yamaha) e, infine, un eccellente Nicky Hayden (Honda World SBK), infilato alla penultima curva e preceduto sul traguardo australiano di pochi millesimi.

giugliano.jpg

Grande ovviamente la soddisfazione del 26enne italiano, che lascia Phillip Island con il terzo posto nel Mondiale con 29 punti, dietro a Rea (50) e Van der Mark (36). Questo il suo commento nel dopo-gara:

“Oggi ho sofferto di più con il caldo, che ci ha fatto perdere un po’ grip. Me lo aspettavo e mi ero tenuto del margine per gli ultimi giri, ma il contatto con Sykes mi ha fatto perdere posizioni. Ci ho comunque creduto fino alla fine e sono molto contento, è un podio frutto del duro lavoro insieme alla squadra, e penso che il merito sia 60% loro e 40% mio. Voglio dedicarlo alla mia famiglia, che mi è stata vicino nei momenti difficili. Grazie anche a Ducati, che mi sta aiutando a migliorare ancora. Ora voglio restare concentrato sul presente e futuro”.

Generated by  IJG JPEG Library

Il compagno di box Chaz Davies - ieri secondo in Gara-1 per soli 63 millesimi - è stato a sua volta protagonista di una grande gara, ma dell'epilogo sfortunato. Il gallese è infatti scivolato a poche curve dalla bandiera a scacchi quando era in lotta per la vittoria con Rea.

Davies aveva anche guadagnato la testa della corsa, al penultimo giro, per essere ri-superato poco dopo dal nord-irlandese. Nel tentativo di passarlo a sua volta nella staccata della curva 4, Davies però scivolava e finiva così 'fuori dai giochi' per il podio. Il britannico si è poi classificato al decimo posto conquistando così 6 preziosi punti iridati.

2016-davies_griglia.jpg

Con 26 punti e il quarto posto in classifica, Davies ha comunque cercato di vedere il lato positivo di un weekend che lo ha visto comunque tra gli assoluti protagonisti in entrambe le gare con la sua Ducati Panigale R:

“Solitamente sono in grado di staccare in profondità, ma questa volta sfortunatamente ho trovato il limite con la gomma anteriore. Sapevo di rischiare, e idealmente non avrei dovuto tentare una mossa del genere, ma sfortunatamente Rea ha recuperato il piccolo margine che ero riuscito a costruirmi nel rettilineo. Comunque non sono dispiaciuto per la mia gara, ci siamo giocati la vittoria in entrambe le manche e la moto è migliorata rispetto allo scorso anno, soprattutto in termini di elettronica. Ci manca solo un po’ di velocità di punta”.

2016-davies_action.jpg

Ernesto Marinelli, Direttore del Progetto Superbike per Ducati Corse, si è detto a sua volta soddisfatto per quanto raccolto a Phillip Island. Non si è trattato di 'piena' soddisfazione, ma il fine settimana di Phillip Island ha comunque confermato che la moto è al livello delle Kawasaki:

“Dire che il bilancio è per il 75% positivo, sappiamo di essere competitivi ma dobbiamo colmare un gap in rettilineo per dare ai nostri piloti più margine, quindi ci aspetta ancora molto lavoro a casa. Chaz ha fatto due bellissime gare. Peccato per la scivolata, non avevo dubbi che ci avrebbe provato ma, in quelle condizioni, la linea che separa il successo dalla caduta è molto sottile. Inoltre, sono molto contento delle due gare di Davide, che ha mostrato grande freddezza e costanza, due aspetti sui quali abbiamo lavorato tanto in questi mesi. È stato molto bello rivederlo sul podio già al primo round”.

PHILLIP ISLAND, AUSTRALIA - FEBRUARY 28:  Nicky Hayden of USA and Honda World Superbike team  leads the field during the Superbike race2 of round one of the 2016 World Superbike Championship at Phillip Island Grand Prix Circuit on February 28, 2016 in Phillip Island, Australia.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: