Kawasaki: nel 2013 debuttano in America le sportive Ninja 300 e 636

Kawasaki 2013 USA

A quanto pare, l'obiettivo che Kawasaki si è prefissata per il 2013 è quello di dominare il mercato nord-americano delle piccole e medie sportive. Il costruttore giapponese ha recentemente sottoposto la documentazione necessaria per l'immissione dei propri nuovi prodotti sul mercato USA alla EPA (Environmental Protection Agency, il principale ente di protezione ambientale degli Stati Uniti) da cui si evince che in nord America saranno introdotti tre nuovi modelli contraddistinti dalla dicitura 'Ninja': una versione completamente rinnovata della ZX-6R da 636cc, un'evoluzione della Ninja 250R che avrà un motore da 300cc e la Ninja 400R, che aveva già debuttato in Canada. Quest'ultima comunque, nonostante il prefisso 'Ninja', non è una sportiva ma bensì una piccola carenata sulla falsariga della ER-6f. E' inoltre stato ufficializzato che anche la Versys 1000 - già in vendita in Europa come m.y. 2012 - farà finalmente il suo sbarco negli USA.

Abbiamo già parlato della Ninja 636 poche settimane fa quando l'inglese MCN aveva pubblicato alcune foto spia della nuova versione scattate su un set promozionale all'Isola di Man, ma secondo quanto riportato dal sito americano motorcycledaily.com, il prossimo anno non ci sarà una nuova versione 600 cc, per lo meno in America.

Per questo motivo - sempre secondo quanto riportato dal sito americano - sembra che Kawasaki AMA Pro Racing (il 'braccio sportivo' di Kawasaki in America) chiederà una speciale deroga per consentire alla 636 di poter comunque gareggiare nella classe AMA Pro Daytona SportBike, come già accaduto in passato per altri modelli 'non-tradizionali' come la Triumph Daytona 675 e la Ducati 848. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche (della versione americana), non sembrano esserci grosse sorprese: la versione 2013 della ZX-6R dichiara una potenza di 129,4 CV a 13.500 giri al minuto, circa 5 CV in più della versione USA 2012. La nuova moto dovrebbe essere più leggera e vantare alcuni aggiornamenti, con l'ABS che dovrebbe essere reso disponibile come optional.

Kawasaki Ninja 250R 2013
Kawasaki Ninja 250R 2013
Kawasaki Ninja 250R 2013
Kawasaki Ninja 250R 2013

La Ninja 300 invece si propone come significativo step evolutivo della Ninja 250R, a 5 anni dal lancio di quest'ultima sul mercato. La potenza sale a 39 CV a 11.000 giri al minuto (contro i 33 CV della 250R a parità di giri), frutto non solo dell'aumento di cilindrata ma anche di una migliore messa a punto e di una componentisica più raffinata. Secondo quanto riportato dalla EPA, la versione americana del modello disporrà anche dell'iniezione elettronica. Nelle foto è riportato il design della futura Ninja 250R per il mercato asiatico pubblicato da Kawasaki Japan (di cui avevamo parlato in un post dedicato), su cui dovrebbe essere basato il design della 300.

La Ninja 400 si presenta come un'idea piuttosto interessante, ma alcune sue caratteristiche ne rendono difficile il posizionamento nel mercato attuale: essenzialmente dovrebbe essere una mini Ninja 650 (un modello simile alla già citata ER-6f in vendita in nord America, dove il nome 'Ninja' viene usato anche per modelli non apparteneti alla famiglia sportiva ZX), ma in termini di peso la differenza tra i modelli sarà meno rilevante di quanto sarebbe stato lecito aspettarsi, e sempre secondo motorcycledaily.com lo stesso discorso varrà per il prezzo. L'offerta di questo modello in termini di potenza sarà di soli 43 CV, contro i 71 della 650 (nell'immagine l'ultima versione della Ninja 400 per il mercato canadese).

Kawasaki 2013 USA

L'ente americano ha anche provveduto a mettere on-line sul proprio sito tutte le richieste di certificazione per il 2013, una lunga lista comprensiva di tutte le marche che per ogni modello comprende nome, costruttore, tipo di motore, potenza all'albero e tutta un'altra serie di parametri. Và comunque specificato che l'inclusione in questa lista non significa che il prodotto verrà poi effettivamente lanciato sul mercato, ma solo che il produttore in questione ha speso fior di quattrini per l'omologazione (un esempio in tal senso è la stessa Ninja 400, che era stato già certificata per gli USA della EPA ma poi non era stata immessa sul mercato a stelle estrisce).

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: