Intervista a Tony Cairoli: "gli americani? vengano loro a sfidare me!"

TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012

Il party organizzato nel paddock del Monte Coralli da KTM per festeggiare i suoi campioni Tony Cairoli e Jeffrey Herlings è difficile da descrivere e impossibile da dimenticare. Scordatevi il mondo patinato della MotoGP (che alla festa aveva come rappresentante il crossista per passione Andrea Dovizioso), lo champagne e le umbrella girl: fiumi di birra, carne alla griglia e la musica a palla di Dj Everts (si, proprio Stefan) sono gli ingredienti che illuminato la lunga notte di Tony e Jeffrey.

Sorridenti, scatenati, ubriachi (una volta all’anno concediamoglielo), estasiati: dopo i sacrifici, le gare, gli allenamenti e gli infortuni finalmente una notte liberatoria e senza freni. E’ stato emozionante vedere Tony circondato dai suoi tanti amici e dal suo team, che lo hanno portato in trionfo, coccolato e preso in giro strappandogli la maglietta, mettendogli ogni sorta di cappelli e dimostrandogli un affetto enorme e genuino, che non si conquista solo le vittorie, ma con l’umiltà.

Ho avuto la fortuna di esserci e di poter fare qualche domanda a Tony, avrei voluto farne molte di più, ma rubare troppo tempo al Campione nella sua serata sarebbe stato un delitto e avrebbe scatenato sul sottoscritto le pericolose ire di parenti, amici e meccanici...

TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012
TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012
TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012
TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012

E siamo a 6! Come ti senti?
E’ bellissimo, poi è ancora più bello aver potuto vincere e festeggiare qui, in Italia di fronte al mio pubblico, che oggi mi ha veramente spinto tanto, tutta la pista era circondata di tifosi che mi incitavano.

Tony, giornata trionfale ma con qualche difficoltà. Parlaci delle due manche di oggi.
Nella prima manche a tre quarti della gara ho avuto un po’ di problemi col freno posteriore, questo mi ha costretto ha guidare in maniera diversa e ha consentito a chi mi stava dietro di farsi più sotto.

Anche nella seconda manche hai avuto un po’ di problemi
Beh sai, dopo la vittoria mi hanno fatto bere mezza bottiglia di champagne per cui ho avuto qualche difficoltà in più (ridendo Ndr)

I tuoi parenti e amici oggi erano molto numerosi, quanto ti ha aiutato il loro supporto?
Tantissimo, sono molto legato alla mia famiglia ed è stato bello averli tutti qui a supportarmi e a festeggiare la vittoria. E’ stata una grossa sorpresa avere mio padre che mi consegna la coppa, non mi era mai capitato, ma questa volta la Youthstream ha fatto un eccezione.

A chi dedichi questa vittoria?
A mia madre che purtroppo è scomparsa esattamente un anno fa, sono sicuro però che mi abbia visto e che in questo momento sia orgogliosa di me.

Le tue vittorie pensi stiano contribuendo ad aumentare l’attenzione sul cross in Italia?
Ovviamente tutti noi piloti ci impegniamo a dare il meglio, per dare al pubblico gare spettacolari: oggi c’era veramente un sacco di gente e quindi penso che questo sia un segnale positivo.

Sono tanti i tifosi italiani che vorrebbero vederti correre in America…
I tifosi italiani sono i più esigenti di tutti! Quello che penso è che dovrebbero essere i piloti americani che dovrebbero provare a correre contro di noi in Europa. Come tutti sanno in America c’è il Supercross, che a me francamente non interessa.

Dopo la giornata di oggi il record di 10 mondiali detenuto da Everts non sembra più così lontano.
Non mi interessa più di tanto, ormai non guardo più tanto i numeri, l’unica cosa che importa è migliorare di anno in anno e trovare la motivazione per vincere ancora.

TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012
TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012
TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012
TONY CAIROLI CAMPIONE DEL MONDO MX1 2012

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: