MotoGP, Andrea Iannone: "Nel 2014 sono migliorato su tutte le piste"

Il pilota di Vasto si dice totalmente pronto ad iniziare la nuova avventura nella Premier Class da pilota ufficiale Ducati

Andrea Iannone - Ducati Team MotoGP - Test Invernali 2014

Ducati MotoGP Team 2015 - Andrea Iannone è sicuramente uno dei piloti più attesi del 2015. Coronato il suo inseguimento ai gradi di 'pilota ufficiale' Ducati, il 25enne di Vasto sarà infatti chiamato a concretizzare le premesse di un 2014 che lo ha visto migliorare nettamente i suo rendimento rispetto alla precedente stagione d'esordio. Insieme al compagno Andrea Dovizioso e alla nuova GP15 firmata da Gigi Dall'Igna - attesa al debutto in pista a Febbraio nei test invernali di Sepang - Iannone avrà infatti il difficile compito di guidare la rinascita Ducati in MotoGP dopo una stagione 2014 comunque positiva per la Desmosedici.

In alcune recenti dichiarazioni raccolte dal tedesco Speedweek, il pilota abruzzese ha iniziato a rintuzzare le critiche relative alle cadute, che per qualcuno sarebbero ancora troppo frequenti nonostante la chiara inversioni di tendenza tra le stagioni 2013 e 2014:

"Se hai paura non puoi fare questo sport, perché non avresti la mente sgombra al 100%. A volte si ha paura quando si sa che si sta per cadere, quando ormai è troppo tardi, ma è molto importante non averla prima."

Per quanto riguarda le piste del Motomondiale, Iannone ha spiegato di non avere esattamente un tracciato a lui più gradito rispetto ad altri:

"Credo che il Mugello e Barcellona siano il massimo, ma tutte le piste sono belle. Mi piacciano tutte, non ho una 'preferita'. A me piacciono le curve veloci e le staccate violente, ma posso far bene anche in piste come il Sachsenring e Indianapolis. Per me è lo stesso. È importante che un pilota sia forte su tutte le piste, non solo due o tre".

Guarda le foto di Andrea Iannone (Ducati Team MotoGP - Test Invernali Valencia 2014)

Per quanto riguarda gli obiettivi per la stagione 2015, il tutto si può sintetizzare piuttosto brevemente: il primo podio in MotoGP. Nelle sue prime due stagioni in Premier Class con il team Ducati Pramac Racing, l'abruzzese non è mai riuscito a classificarsi oltre il 5° posto (tre volte quest'anno, al Sachsenring, Brno e Misano) e questo sarà quindi per lui il primo grosso traguardo da centrare sotto le indegne del Ducati Team. Ma lui stesso sa bene che non sarà affatto facile:

"Sarà molto difficile perché ci saranno di mezzo le Honda e le Yamaha. Sembrano più facili da guidare, ma io non posso saperlo con certezza perché finora ho corso solo con Ducati [in MotoGP]. Comunque io voglio concentrarmi sulla mia squadra e sulla Ducati, che mi permette di lavorare sullo sviluppo. Allo stesso tempo, cerco di migliorare il mio stile di guida e tutto il resto. Le corse richiedono uno sviluppo continuo ed io cerco sempre di dare il 100%, in modo da ottenere sempre il massimo risultato. Sono molto contento della mia stagione 2014 perché sono migliorato su tutte le piste, migliorando il mio feeling con la moto e con la squadra. Abbiamo fatto un buon lavoro con Ducati."

Guarda le foto di Andrea Iannone (Ducati Team MotoGP - Test Invernali Valencia 2014)

Interrogato sulla nuova Desmosedici GP15, Iannone non si è sbottonato troppo, ammettendo comunque il suo ottimismo:

"Mi aspetto che la moto sia migliore. Per me questo sarà importante, perché prima del mio passaggio in MotoGP lottavo per il podio quasi ogni domenica. E adesso è passato molto tempo da quando sono finito l'ultima volta nei primi tre."

Rispondendo alla domanda sui suoi maggiori punti di forza, il talento di Vasto ha brillantemente risposto:

"Non lo so. Credo che il mio punto di forza sia la frenata e ... [fa una pausa] ... e fare impennate [sorride]!"

Andrea Iannone - Ducati Team MotoGP - Test Invernali 2014

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: