Motor Bike Expo 2012: anche special Ducati V2 e chopper giganti al salone veronese

Novità Motor Bike Expo 2012

Si avvicina il 2012, e come consuetudine ad aprire l'anno ci sarà il Motor Bike Expo di Verona, una manifestazione che anno dopo anno sta riscuotendo sempre più successo con la sua formula dedicata più al mondo delle preparazioni e delle special, mentre per la produzione c'è il sempre il Salone di Milano, che spadroneggia fra gli eventi internazionali dedicati alle due ruote.

dal 20 al 22 gennaio, presso i padiglioni di Verona Fiere, verrà presentata la nuova creatura di Giampiero Tamburini, realizzata nella sua Tamburini Factory di Bologna. Si chiamerà "Ad Maiora", e gran parte della moto è realizzata direttamente dalla Tamburini Factory, solo per alcuni componenti si è avvalsa della collaborazione di aziende leader del settore motociclistico, quali Paioli, Brembo e OZ, mentre il motore è il classico Ducati Desmo 2 valvole tanto caro all’ingegner Taglioni, altro romagnolo DOC.

La moto, al momento, nasce solo ed esclusivamente per gareggiare nei vari campionati nazionali dei paesi europei, anche se in futuro non è esclusa una versione stradale. Le sue caratteristiche peculiari sono il peso (appena 135 kg, dei quali oltre la metà è costituito dal motore), alte prestazioni, resistenza all’usura e maneggevolezza (questa derivante da un telaio in cromo molibdeno, leggerissimo e facile da mettere a punto in tutte le sue parti), ma soprattutto la bassissima spesa di manutenzione per essere una moto da gara.

Novità Motor Bike Expo 2012
Novità Motor Bike Expo 2012
Novità Motor Bike Expo 2012

La centralina racing dotata di traction e lunch control con tre mappe inserite già di serie, ovviamente il motore Ducati elaborato con pistoni speciali in grado di fornire una potenza alla ruota di 110 cavalli. Il prezzo non dovrebbe superare i 25.000 Euro. Sicuramente una cifra molto appetibile per piloti privati alle prese con ristrettezze economiche ma che non vogliono comunque rinunciare a un mezzo affidabile, tecnologicamente avanzato e sicuramente competitivo.

Ma non solo moto serie: ci sarà un chopper gigante che, nella prima giornata del salone, stabilirà il nuovo record mondiale per dimensioni ed entrerà nel Guinness World Records. Alla realizzazione di questo “mostro” meccanico sta lavorando un’equipe di quattro persone coordinata da Fabio Reggiani della Regio Design di Barco di Bibbiano (RE) che da quattro mesi si occupa del questo progetto, ormai in dirittura d’arrivo.

Reggiani spiega il perchè di questa follia: "l'idea è nata durante un viaggio in Nuova Zelanda, dove abbiamo visto circolare una bicicletta oversize, realizzata in ferro, che, nonostante la lavorazione molto artigianale ed essenziale, destava grande interesse e curiosità fra i passanti. Così abbiamo maturato il pensiero che avremmo potuto costruire un qualcosa di simile ma dotato di motore, visto che tutti noi siamo appassionati di moto”.

“L’ipotesi si è presto sviluppata fino a convincerci che avremmo potuto realizzare un pezzo unico, per entrare nel libro dei record. Così abbiamo scoperto che il primato della moto più grande è stato stabilito nel 2007 ed è detenuto da un costruttore americano che ha realizzato un mezzo lungo sei metri e alto tre. Allora abbiamo pensato a dimensioni molto più generose ma che al momento non precisiamo, per ovvi motivi. Possiamo però assicurare che quella statunitense, al cospetto della nostra, potrebbe apparire quasi come una minimoto”.

Sintetizzando la spiegazione del customizero, questo chopperone sarà dotato di ruote enormi da ruspa (quelle usate nelle cave) di due metri d'altezza e 1 di larghezza, motore V8 automobilistico con tanta coppia e soprattutto potrà muoversi liberamente, quindi avrà comandi e motore funzionanti, come richiesto dal Guinness World Record.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: