Mercato due ruote in lieve ripresa in Giugno (+2,8%)

Lieve ripresa del mercato due ruote in giugno (+2,8%). Crescono le moto (+9%), stabili gli scooter, male i cinquantini (-18,8%). Positivo il 1° semestre (+4,4%)

Yamaha MT-09

Il mercato delle due ruote ha dato in giugno un timido segnale di ripresa. Le immatricolazioni di veicoli motorizzati a due ruote (motociclette e scooter targati) hanno chiuso il sesto mese dell'anno con 19.437 unità immatricolate pari ad un incremento del +2,8% rispetto allo stesso mese del 2013. Il risultato è frutto della crescita delle moto pari al +9% (6.473 unità immatricolate) e della conferma degli scooter che confermano i volumi dell’anno scorso con 12.964 immatricolazioni. Ancora in calo (pesante) i 50cc (cinquantini) con 3.290 unità vendute ed un calo del -18,8%.

Da gennaio a giugno 2014 sono state vendute complessivamente 109.485 due ruote a motore (moto e scooter targati + veicoli 50cc), pari a una crescita del +1,1% rispetto al gennaio-giugno dell’anno scorso. Complessivamente nel primo semestre del 2014i targati hanno totalizzato 95.614 immatricolazioni (moto e scooter) pari ad un incremento del +4,4%: gli scooter arrivano a 59.296 (+2,7%), le moto arrivano a 36.318 unità vendute (+7,3%).

Il dettaglio per cilindrata consolida il segmento più importante degli scooter 300-500cc con 19.940 veicoli con un progresso del +8%; a seguire vi sono gli scooter 125cc con 18.395 unità e un +5,4%. Flessione contenuta per i 150-200cc con 13.296 pezzi e un -5,2%. Significativo recupero per i 250cc con 2.590 veicoli e un +9,6%. Ancora in discesa i maxi-scooter con 5.075 immatricolazioni e un -6%.

Bene le moto superiori ai 1000cc con 12.710 unità e una crescita pari al +18,4%, ai modelli tra 800 e 1000cc con 9.080 unità e un +9,5%. Le medie cilindrate, tra 650 e 750cc, hanno realizzato 7.448 vendite e un +6,1%; ormai ridotte a solo 504 vendite le moto 600cc pari al -64,4%. Ancora in crescita le 300-500cc con 3.493 moto e un +17,3%; sostanzialmente stabili le 150-250cc con 1.241 vendite e un +2%; infine in sofferenza le moto 125cc con 1.842 veicoli e una discesa del -16,4%.

In crescita interessante anche le naked con 12.188 unità vendute pari al +21,2% rispetto all'anno precedente. Le enduro stradali con 12.102 unità aumentano del +9,3%; proseguono in positivo anche le custom con 3.998 immatricolazioni e un +4,7%; in arretramento le moto da turismo con 3.273 unità e un -3,4%, e le supermotard con 1.796 moto e un -6,6%. Il dato progressivo nei primi sei mesi dell'anno per i ciclomotori (moto e scooter 50cc) si ferma a 13.871 registrazioni, pari al -16,9%.

Infine il commento di Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori):

“Non possiamo ancora parlare di un’effettiva ripresa, ma solo di parziale recupero rispetto ai minimi raggiunti nel 2013. L’aumento, seppur contenuto, della fiducia delle famiglie e le attese positive in termini di investimenti delle aziende ci fanno sperare per i prossimi mesi. Le misure espansive della BCE dovrebbero aiutare anche l’Italia a ripartire, ma è sul tema dell’impiego dei più giovani che si giocano i fattori di successo. Contiamo che dai lavori della Consulta dedicata all’automotive, di cui ANCMA è parte, scaturiscano azioni favorevoli allo sviluppo dei mercati, attraverso misure di defiscalizzazione che consentano una riduzione dei costi di gestione, minori tasse e accise, una chiara indicazione per il contenimento delle tariffe assicurative e a favore di un credito al consumo più accessibile. Il mercato dell’usato si conferma con volumi pari a oltre il triplo rispetto alle vendite del nuovo”.

  • shares
  • Mail