MotoGP, Andrea Iannone: "Suzuki mi vuole, ma la mia priorità è la Ducati ufficiale"

Il pilota di Vasto, in scadenza con il team Ducati Pramac, ammette la corte di Hamamatsu ma dichiara di puntare convinto a una Ducati Desmosedici ufficiale.

MotoGP 2014 - Andrea Iannone - Ducati Pramac Racing

Anche se il Mondiale MotoGP 2014 deve ancora arrivare al 'giro di boa' della stagione, dietro le quinte sono già in fermento le trattative per il mercato piloti che delineerà la griglia di partenza della Premier Class 2015. Come ormai risaputo, Suzuki è ancora alla caccia dei piloti che andranno a formare la line-up del suo nuovo team ufficiale - che l'anno prossimo segnerà il rientro del costruttore di Hamamatsu nel Motomondiale - e sono probabilmente questi i due tasselli più importanti da andare ad incastonare nel mosaico prima di dare il via al 'valzer' di piloti che darà un nuovo volto alla categoria.

Andrea Dovizioso e Dani Pedrosa - al momento rispettivamente in forza al Ducati Team e a Honda Repsol - sono due obiettivi dichiarati della casa giapponese, ma entrambi sono fortemente indiziati a rimanere dove stanno (anche se il forlivese è sembrato più 'aperto' a considerare l'opzione Suzuki rispetto al collega spagnolo). In questo scenario si inserisce anche Andrea Iannone, il cui futuro dipenderà in buona parte da quella che sarà la scelta finale del 'Dovi'.

MOTOGP 2014 - ANDREA IANNONE - DUCATI PRAMAC RACING

Iannone, al suo secondo anno in MotoGP, sta facendo una bella stagione con la Ducati Desmosedici GP14 del team 'satellite' Pramac Racing, ma anche il suo nome è finito sulla lista della spesa di Davide Brivio, Team Manager in pectore della nuova squadra Suzuki Factory. Il pilota di Vasto non nasconde il suo compiacimento per l'interesse di un team ufficiale, ma parlando con il britannico MCN ha dichiarato che la sua priorità per il 2015 sarebbe quella di trovare posto nel team ufficiale Ducati:

"Suzuki mi ha proposto una moto factory, e questo è molto importante per me, ma la mia priorità è quella di andare nel team 'factory' Ducati e avere una moto più competitiva. Voglio andare nel team ufficiale con un contratto da pilota 'factory'. Non è che non voglio rimanere nel team Pramac, ma il Ducati Team è il top per quanto riguarda Ducati, è dove le cose possono davvero migliorare. Io voglio questa opportunità, per essere un 'top rider' ed essere una priorità per Ducati. "

MOTOGP 2014 - ANDREA IANNONE - DUCATI PRAMAC RACING

Iannone avrebbe avuto un primo incontro con il top management Ducati a Montmelò, in occasione del recente Gran Premio di Catalunya. L'abruzzese non ha rivelato i contenuti del meeting, ma non ha escluso di poter rimanere ancora con Pramac nel caso Borgo Panigale decidesse di dargli una moto full-factory e più personale Ducati per la sua gestione:

"Sì, anche perché sono due anni che corro in questi condizioni. Ma se Ducati mi fornisse una moto ufficiale e maggior personale per il suo supporto, allora per me non sarebbe un problema rimanere con Pramac."

Anche se Dovizioso ha già intavolato dei negoziati con Suzuki, non è da escludere che possa essere Cal Crutchlow a fare eventualmente spazio a Iannone nel Ducati Team. A quanto sembra, il contratto biennale del britannico con la casa bolognese lascerebbe al pilota la possibilità di esercitare un'opzione per liberarsi dall'impegno già alla fine della prima stagione, e si dice che Suzuki sia anche sulle sue tracce...

MOTOGP 2014 - ANDREA IANNONE - DUCATI PRAMAC RACING

  • shares
  • Mail