MotoGP Argentina 2014: le novità Bridgestone

Le novità Bridgestone al GP di Argentina, 3° round del Campionato del Mondo MotoGP 2014 che si correrà sul nuovo Autodromo Termas de Rio Hondo.

2014-bridgestone-battlax-motogp-rear-slicks

Il prossimo weekend si svolgerà il Gran Premio Red Bull della Repubblica Argentina, terzo round del Motomondiale 2014 in programma all'Autodromo Termas de Río Hondo. Circuito lungo 4.806m metri, caratterizzato da nove curve a destra e cinque curve a sinistra, molte delle quali veloci e a lungo raggio che fanno prevedere una delle più alte velocità medie della stagione.

La velocità di punta, le lunghe percorrenze delle curve veloci e le staccate al limite ne fanno uno dei circuiti più impegnativi per gli pneumatici Bridgestone. Secondo gli organizzatori l'ideal time della MotoGP potrebbe essere sul tempo di 1'34 basso. Sono le cinque curve a sinistra ad impensierire gli ingegneri Bridgestone in particolare sono le curve 6 e la curva 11 a far registrare le piú alte temperature degli pneumatici, quindi i carichi complessivi sulle spalle sinistra e destra sono simili e la conformazione della ruota posteriore sarà simmetrica.

Autodromo Termas de Rio Hondo

Viste le caratteristiche del circuito Termas de Río Hondo, i piloti Honda e Yamaha avranno a disposizione una mescola posteriore hard ed intermedia, mentre alla Ducati e ai piloti della classe Open saranno riservate coperture con mescola intermedie e soft. Va tenuto presente che trattandosi di un circuito nuovo per la MotoGP le informazioni in possesso della Bridgestone si limitano ai dati raccolti in un test condotto l'anno scorso dai piloti Stefan Bradl, Cal Crutchlow e Alvaro Bautista.

Di conseguenza gli pneumatici anteriori stanziati da Bridgestone in questa tappa argentina passeranno eccezionalmente da due e tre (hard, medium, soft) proprio per permettere maggiormente a proprio agio i piloti per l’intero weekend di gara. Come dichiarato da Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport, sarà un weekend impegnativo per il colosso giapponese:

"Dalla prospettiva delle corse, nessuna delle squadre ufficiali ha testato su questo circuito l'anno scorso, quindi sarà interessante vedere quanto e come i piloti sono in grado di adattarsi alle esigenze. Questo fine settimana sarà particolarmente impegnativo per i nostri ingegneri che avranno il compito di aiutare i team ad ottenere il meglio dalle gomme in questo nuovo circuito."

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: