MotoGP: Doppio podio (Lorenzo secondo e Rossi terzo) per il Fiat Yamaha Team a Misano

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi

Il Team Fiat Yamaha lascia Misano con un doppio podio in una giornata resa buia dalla morte del giovane pilota giapponese Shoya Tomizawa. Jorge Lorenzo ha concluso al secondo posto e Valentino Rossi al terzo, entrambi dietro a Dani Pedrosa. La Yamaha esprime le più sentite condoglianze alla famiglia del pilota, agli amici ed alla squadra.

Alla partenza, Lorenzo ha perso una posizione, scivolando al terzo posto. Prima che il giro di apertura fosse concluso, aveva però già sorpassato Casey Stoner, tornando secondo. Nonostante Lorenzo spingesse al massimo, è risultato subito chiaro che il leader del campionato non era in grado di viaggiare allo stesso ritmo di Pedrosa. Così, ha preferito limitarsi a mantenere la seconda posizione, conquistando altri 20 punti, importantissimi nella rincorsa al titolo mondiale e conservando intatto il record che lo vede sul podio ad ogni gara, in questa stagione.

Valentino Rossi, eroe di casa, mirava a tornare sul podio. E' partito bene, mantenendo la quarta posizione, e viaggiando al ritmo dei leader nelle prime tornate. Gradatamente ha poi iniziato a recuperare su Casey Stoner, passandolo al secondo tentativo, quando si era all'undicesimo dei ventotto giri previsti. Nell'ultima parte della gara, è stato costretto a far fronte alla minaccia portatagli da Andrea Dovizioso. E' riuscito a resistere, mettendo a segno il proprio miglior crono a tre giri dal termine, tagliando il traguardo ad un secondo appena dal compagno di squadra. Lorenzo conduce in classifica di campionato con 63 punti, mentre Rossi è quarto, a pari punti con Stoner, ma in vantaggio quanto a numero di vittorie. A seguire le parole dei due piloti Yamaha.

"Non c'è molto da discutere di gara, in una giornata come questa. - ha detto Lorenzo - Sono partito bene, ma non ero in grado di tallonare Pedrosa. Il secondo posto va bene; non eravamo veloci a sufficienza per giocarci la vittoria, ma in termini di campionato è un risultato importante. Ad ogni gara il nostro obiettivo è il podio, anche se speriamo di migliorare ancora la M1. Mi spiace tantissimo per Shoya; era una brava persona, ed un bel pilota. Mi sento tristissimo; tutto quello che mi va, è esprimere quanto mi dispiaccia alla sua famiglia ed ai suoi amici. Quando succede una tale tragedia, null'altro interessa".

"Un grande risultato, per me. Non solo per il podio in sé, ma per come è stato ottenuto. - ha detto Rossi - Nella parte finale della gara ero piuttosto veloce. E' la dimostrazione di quanto siamo riusciti a migliorare, visto che sono stato in grado di spingere fino all'ultimo. Abbiamo fatto un buon lavoro, questo weekend. Di fronte alla tristezza per ciò che è accaduto, tutto il resto vale però zero ed il risultato non conta. Mi dispiace per Shoya; era un gran bravo pilota, ma soprattutto molto simpatico. Era divertente, con il sorriso sempre sulle labbra. Aveva sempre parole belle per tutti. Era giovanissimo, con tutta una carriera davanti. Siamo tutti tristissimi".

  • shares
  • Mail
71 commenti Aggiorna
Ordina: