Carlo Fiorani di Honda Europa tra Superbike, Supersport e CIV

Carlo FioraniDomenica prossima 2 maggio a Monza si corre la seconda tappa del Campionato Italiano Velocità 2010 (CIV). Nella prima tappa di Vallelunga, grazie alle vittorie di Ilario Dionisi (Scuderia Improve) nella Supersport, affiancata dal terzo posto dell’altra CBR di Diego Ciavattini e dal secondo posto di Marco Bussolotti nella Stock 1000 con la CBR del Team All Service System by QDP hanno reso la Honda una delle Case protagoniste del CIV 2010.

Carlo Fiorani, manager Honda MotoGP fino al 2005 e dal 2006 responsabile dell'attività racing per la Honda Europa, impegnata nei mondiali Superbike e Supersport e nelle due Stock 1000 e 600, sarà probabilmente a Monza per seguire il CIV. Proprio oggi WorldSBK riporta una breve intervista al manager romano su chi sarà il nuovo Toseland della Honda Superbike.

"Al momento stiamo puntando su Jonathan Rea - ha detto Fiorani - Ha l'attitudine e il modo di fare del campione. Attualmente è ancora acerbo, molto sensibile ed emotivo e deve imparare a gestirsi. Per il resto, quanto ad aggressività e talento, Jonathan non ha nulla da invidiare agli altri top rider".

Per quanto riguarda i colori italiani Fiorani sembra puntare molto sul nuovo acquisto Honda della Supersport, il giovane Michele Pirro."Michele è un italiano diverso, perché è un pilota umile, disposto ad imparare e senza grilli per la testa. - ha aggiunto Fiorani - Si mette in discussione e ascolta molto ciò che gli si dice. In questi mesi ha fatto uno sforzo incredibile lavorando con una squadra straniera come quella di Ten Kate. In poco tempo è riuscito ad imparare la lingua inglese ed ora si relaziona al meglio con i tecnici. Si sta dimostrando veloce ma in queste prime tre gare è stato sfortunato, tra problemi di gomme e tamponamenti subiti. Potrebbe essere l'erede di Charpentier".

Tornando al CIV su sito ufficiale del campionato si legge dell'interessa della Honda verso il campionato tricolore italiano. “C’è una forte pressione su questo campionato da parte della Honda - dice lo stesso Fiorani, responsabile dell’attività sportiva di Honda Europa - Non c’è ancora da parte nostra un lavoro di prima fila ma attraverso la sede europea, che ha il compito supportare le filiali e i team locali, e la sede italiana siamo riusciti a mettere insieme nel CIV un gruppo di squadre superappassionate che nelle categorie Superbike, Supersport e Stock stanno portando a casa ottimi risultati”.

Risultati ottenuti in un campionato che, secondo il manager romano, sin dalla prima uscita si è rivelato in netta crescita rispetto al passato. “Il lavoro fatto dalla FMI per l’edizione di quest’anno è stato molto concreto, molto positivo. Ho visto il paddock di Vallelunga pieno e ben gestito, ho notato un notevole passo avanti a livello di immagine e comunicazione e considero positiva la scelta di far confluire nella Coppa Italia tutta l’attività giovanile e di promozione. Si vede dal numero dei partecipanti… l’idea della crescita, partendo dai monomarca, è un’idea vincente. Dopo critiche che ci siamo sentiti di fare negli anni scorsi, oggi alla Federazione va dato il merito di avere un piano di lavoro con obiettivi ben precisi e a questo piano la Honda guarda con molto interesse”.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: