Yamaha: approvato il piano biennale di riduzione dei costi

Yamaha nel 2009 ha vinto praticamente tutto: MotoGP, WSBK, WSS, Cross e chi più ne ha più ne metta. Benchè questo fattore abbia senza dubbio portato capitale fresco nelle casse, il 2009 è stato il peggior anno nella storia dei tre diapason: le perdite fatte segnare nell’ultimo bilancio sono le più importanti mai registrate nei


Yamaha nel 2009 ha vinto praticamente tutto: MotoGP, WSBK, WSS, Cross e chi più ne ha più ne metta. Benchè questo fattore abbia senza dubbio portato capitale fresco nelle casse, il 2009 è stato il peggior anno nella storia dei tre diapason: le perdite fatte segnare nell’ultimo bilancio sono le più importanti mai registrate nei 55 anni di storia; un piano biennale di ripresa è stato approvato ed entrerà in vigore da subito, per concludersi nel 2012.

Riduzione dei costi: questo è il leitmotif della nuova sfida Yamaha, che conta di ridurre le spese fino a 35 miliardi di Yen nel 2011 e 60 miliardi nel 2012. Come rendere tutto ciò possibile, lo spiega una lunga sequenza di nuovi progetti: riduzione dei siti di produzione, che passeranno da 12 a 7 in Giappone e da 10 a 7 nel resto del mondo; la chiusura delle fabbriche comporterà una riduzione della forza lavoro,e ai 1700 licenziamenti del 2009 seguiranno altri 1000 nell’anno in corso, precisamente 800 in Giappone e 200 in Europa.

Anche i manager verranno toccati dal provvedimento, e tutti i pezzi grossi dell’azienda troveranno un compenso mensile netto più basso nella busta paga: Bonus di produzione sospesi e una riduzione dal 15 al 30% della stipendio, a seconda della carica ricoperta. Putroppo anche molti dipendenti che non ricoprono ruoli importanti all’interno dell’azienda vedranno uno stipendio ridotto del 10%

Yamaha Motor Bike Expo 2010
Yamaha Motor Bike Expo 2010
Yamaha Motor Bike Expo 2010
Yamaha Motor Bike Expo 2010

Ridurre i costi vuol dire anche ridimensionare la produzione. Si punterà sempre più sui mercati emergenti dove la mobilità low cost fa da padrone: da una produzione di ciclomotori e motocicli leggeri del 20% nel 2009 si raggiungerà addirittura il 60% nel 2012. I motori a carburatori, antiquati ed esosi in fase di produzione, verranno abbandonati in favore dell’inieizione, e la ricerca continuerà a sviluppare, in maniera sempre più importante, il settore ibrido ed elettrico.

Nel provvedimento non si parla del settore “Racing”, che con tutte le vittorie dell’anno appena passato, dovrebbe riuscire a sostenersi economicamente, in maniera indipendente dalla casa madre.

Yamaha Motor Bike Expo 2010
Yamaha Motor Bike Expo 2010
Yamaha Motor Bike Expo 2010
Yamaha Motor Bike Expo 2010

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →