Internazionali d'Italia a Montevarchi: dominio Yamaha con Philippaerts e Paulin

David Philippaerts Montevarchi

A Montevarchi si è svolta la prima tappa degli Internazionali d'Italia MX. Bella la sfida nell’MX1 tra Philippaerts e Guarneri: il primo ha dimostrato ancora una volta tutta la sua solidità anche sulla sua nuova e rivoluzionata Yamaha, mentre il secondo ha sorpreso tutti per come è riuscito a tener testa all’ex campione del mondo. Dominio di Paulin nell’MX2, dove non ha incontrato rivali. Nell’Under 17 è Ciucci a imporsi davanti a Monticelli, in una gara tirata ed emozionante.

Nella MX1 Philippaerts rimane in testa per tutta gara 1, mentre dietro di lui Guarneri e Leok, Coppins e Aranda animano la lotta per il podio. Philippaerts è il più pronto all’abbassarsi del cancello di partenza davanti a Guarneri, Coppins, Leok, autore del giro più veloce in prova, Aranda e Monni. I primi 6 sono racchiusi in pochi secondi, poi Albertson, a lungo sesto, a 2 giri viene superato da Salvini, in rimonta dopo aver superato Monni, in calo fisico per il rientro dopo un infortunio al ginocchio.

Al via di gara 2 è il campione in carica, Tanel Leok, a prendere la testa della corsa, seguito dal compagno di squadra Davide Guarneri e da Philippaerts, che di un soffio precede il neozelandese Joshua Coppins. Il quartetto procede in quest’ordine per tre giri poi Guarneri rompe gli indugi e attacca Leok che molla improvvisamente, facendosi superare anche da Philippaerts. Nel finale di gara, Philippaerts riesce a riprendersi la testa della corsa e vince anche la seconda manche, realizzando una doppietta, che gli vale la vittoria assoluta nel Round #1 degli Internazionali d’Italia di Motocross per il secondo anno consecutivo.

Nella MX2, Paulin (Yamaha Rinaldi Monster Energy) vince dominando sia gara 1 che gara 2, dopo il trionfo del 2009. Nella prima il francese scatta al comando e guadagna terreno ad ogni giro, concludendo con oltre mezzo minuto sul tedesco Schiffer (KTM AXO Silver Action) e ancor di più sul connazionale Christophe Charlier (Yamaha Gariboldi Monster Energy). Prova a tenere il suo ritmo Cervellin (Husqvarna Factory), che precede Schiffer e Charlier al termine del primo passaggio, ma alla fine chiude ottavo. Dopo un inizio incerto, il transalpino Nicolas Aubin (Kawasaki – Rockstar Bud Racing), autore della pole position, si riporta sui fuggitivi, superando Charlier e poi Schiffer e portandosi alle spalle del solitario battistrada. Soddisfazione passegera per Aubin, il quale scivola nella parte alta del circuito, ritrovandosi nelle ultime posizioni.

Nella seconda manche Paulin parte di nuovo primo con Charlier in scia. Sfortunato Chicco Chiodi (Suzuki – Valenti), che rimane fermo dietro il blocco di partenza, e Alex Lupino (Yamaha – Ricci), il quale cade dopo un contatto sulla rampa dell’anfiteatro. In testa, Paulin viaggia verso il finish come un rullo compressore, precedendo Charlier e Aubin, stavolta fra i primi per tutta la gara. Per la quarta piazzaè battaglia tra il finlandese Kullas (Yamaha – Gariboldi) ed il tedesco Marcus Shiffer (KTM – Axo Silver Action). Da segnalare la bella prima manche di Rudy Moroni (Yamaha 3C Racing), miglior italiano di giornata, al quarto posto; mentre poca fortuna per il beniamino locale Marco Maddii (Suzuki – Delta Racing).

  • shares
  • Mail