100 di questi giorni, Jorge!

Lorenzo conquista il 100° podio nella MotoGP, Rossi esce a testa alta da un circuito che non gli va a genio.

MotoGP 2013 - Austin - Sabato

Il 3° posto al Gran Premio di Austin, alle spalle di Marc Marquez e Dani Pedrosa, consente a Jorge Lorenzo di conquistare non solo punti preziosi in classifica, dove ora conduce appaiato assieme al giovane pilota Honda, ma anche di raggiungere lo storico risultato di 100 podi nella MotoGP.

Giornata di record quindi quella al CotA: se Marquez diventa il più giovane pilota di sempre a vincere un GP nella classe regina, Jorge entra in quel ristrettissimo club di leggende a "tre cifre", guidato, ovviamente, dal suo compagno di team Valentino Rossi, che dopo il 2° posto di Losail è apparso un po' in difficoltà sul tracciato texano, soprattutto a causa dei freni, dovendosi accontentare del 6° posto e di una manciata di punti.

Questi i commenti dei due piloti, a partire, vista l'occasione speciale, da quello di Jorge Lorenzo:

"Sabato eravamo così lontani da Marc e Dani ma la mattina di domenica durante il warm up abbiamo trovato qualcosa che ci ha dato una spinta in più: i tornantini che normalmente affrontavamo in prima abbiamo iniziato ad farli in seconda, migliorando moltissimo il feeling e l'accelerazione, ma non è stato abbastanza. Sarebbero bastati due decimi e avrei potuto lottare con Dani e Marc, ma oggi il terzo posto è il massimo che potevo ottenere. Voglio congratularmi con Cla, che non si è mai arreso fino alla fine e ovviamente con Marc che diventa il più giovane pilota a vincere un GP. E' un fenomeno.
Per me è un giorno importante, non avrei mai pensato di raggiungere questo incredibile numero di podi e quindi oggi per me è un giorno magico. Il tempo vola, troppo in fretta, sembra ieri quando ho conquistato la mia prima vittoria, che è stato il mio primo podio in Brasile nel 2003, ben dieci anni fa. E ora sono 100..."

Il mallorquino non ha dimenticato di esprimere le sue congratulazioni nemmeno agli altri piloti spagnoli (Terol e Rins) che ieri hanno dominato anche la Moto2 e la Moto3, rendendo Austin un feudo iberico:


MotoGP 2013 - Austin - Sabato
MotoGP 2013 - Austin - Sabato
MotoGP 2013 - Austin - Sabato
MotoGP 2013 - Austin - Sabato
MotoGP 2013 - Austin - Sabato
MotoGP 2013 - Austin - Sabato
MotoGP 2013 - Austin - Sabato

Rossi non ha mai apprezzato il CotA, sostenendo che sia una pista più bella da vedere che su cui gareggiare: ne è uscito con onore e ora deve solo guardare avanti, verso tracciati a lui più favorevoli:

"E' una pista difficile per noi, ci saremmo aspettati di fare meglio ma abbiamo avuto un sacco di problemi in gara, soprattutto ai freni: avevo una vibrazione in frenata perchè avevo perso un pezzo di un disco e questo non mi ha certo aiutato. Sapevamo che qui avremmo dovuto giocare in difesa, senza poter attaccare, tentando di arrivare nella top 5. Oggi sono arrivato 6° ma il bilancio delle prime due gare è comunque positivo e arriviamo a Jerez ottimisti per le prossime gare, che si correranno su tracciati a noi più favorevoli."

MEGA GALLERY COMPLETA MotoGP Austin 2013

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: