Nuovo Ducati Monster 2021: 111 CV e 166 kg di peso per la naked bolognese

Pesa 18 kg in meno rispetto al vecchio 821. Monta un bicilindrico da 937 cc più leggero e adotta un ricco pacchetto elettronico. Arriva nelle concessionarie ad aprile

111 CV e 166 kg di peso a secco. Sono i numeri principali del nuovo Ducati Monster 2021. Parliamo dell’evoluzione di una moto che ha segnato la storia del marchio Ducati: è il modello più venduto di sempre, ne sono stati prodotti più di 350.000 dalla sua presentazione. Arriverà nelle concessionarie ad aprile 2021 e rappresenta tutta l’essenza Ducati nella forma più compatta, essenziale e leggera possibile.

Snella e agile con un gran motore

Per realizzare il nuovo Monster progettisti e designer sono ripartiti da zero, avendo però chiari i punti cardine attorno a cui la nuova moto doveva essere costruita. Snella e agile, la moto riprende le linee guida del DNA di ogni Monster: serbatoio a “dorso di bisonte”, faro tondo “incassato nelle spalle” con proiettore a LED, coda pulita e motore al centro della scena. Il Monster monta il motore Testastretta 11° da 937 cc bicilindrico a L, con distribuzione desmodromica e omologato Euro 5. Rispetto al precedente 821 cresce in cilindrata, potenza, coppia e cala nel peso (-2,4 kg) per contribuire alla leggerezza della moto e offrire migliore guidabilità. Ora eroga 111 CV a 9.250 giri/minuto con una coppia massima di 95 Nm erogata a soli 6.500 giri/minuto (è disponibile anche in versione depotenziata). Grazie alla maggiorazione della cilindrata la coppia è migliorata a tutti i regimi. Di serie troviamo anche il nuovo cambio Ducati Quick Shift Up/Down montato di serie.

Dieta dimagrante: 18 kg in meno rispetto al vecchio

Addio traliccio. Il telaio in allumino è un front frame, stesso concetto della Panigale V4. È molto corto e fissato direttamente alle teste. Con un peso di soli 3 kg questo telaio è più leggero di 4,5 kg (ben il 60% in meno) rispetto al precedente traliccio e contribuisce a ridurre il peso della moto a soli 166 kg a secco. Ogni componente è stato riprogettato e alleggerito: i cerchi perdono 1,7 kg, il forcellone si alleggerisce di 1,6 kg. Il telaietto posteriore cala di 1,9 kg grazie anche alla tecnologia GFRP (Glass Fiber Reinforced Polymer) con cui è stato realizzato, che ha permesso l’ottimizzazione di forme e superfici a vantaggio della leggerezza e della compattezza dimensionale. Il risparmio di peso totale in ordine di marcia è di ben 18 kg rispetto al Monster 821.

Elettronica ed ergonomia

La dotazione di serie comprende ABS Cornering, Traction Control e Wheelie Control, tutti regolabili su diversi livelli di intervento. Il carattere sportivo della moto è sottolineato anche dal Launch Control che assicura partenze fulminee. È dotato di tre Riding Mode (Sport, Urban, Touring) che permettono di plasmare il carattere della moto secondo i gusti e le necessità. Tutto è facilmente gestibile attraverso i comandi al manubrio e il cruscotto TFT a colori da 4,3” caratterizzato da una grafica racing che riprende quella della Panigale V4. L’altezza da terra della sella del nuovo Monster è di 820 mm, ma è possibile ridurre l’altezza da terra fino a 775 mm (intervenendo anche sulle sospensioni). È stato aumentato l’angolo di sterzata (36°, ben 7° in più rispetto all’821). Il manubrio è stato avvicinato al busto del pilota di circa 7 cm per avere una posizione di guida più eretta che garantisce maggior comfort e controllo. Anche la posizione dei piedi è stata modificata, le gambe infatti ora sono meno rannicchiate.

Personalizzazione, colori e disponibilità

Come da tradizione, il nuovo Monster può essere ampiamente personalizzato attingendo dall’ampio catalogo Ducati. Sarà disponibile nei colori Rosso Ducati e Dark Stealth con ruote nere, Aviator Grey con ruote Rosso GP. Per chi volesse la moto con un’immagine ancora più sportiva è presente negli stessi colori la versione Plus con il cupolino aerodinamico e la cover per la sella del passeggero di serie.

 

 

 

 

I Video di Motoblog