Honda Africa Twin: si lavora ad una versione turbo. Perché?

I disegni parlano chiaro: Honda sta lavorando su una Africa Twin turbo. Ma perché sovralimentare una maxi enduro? Cerchiamo di scoprirlo

Honda e un nuovo brevetto che prevede una maxi enduro turbo: i disegni parlano chiaro, si tratta di una Africa Twin con un compressore montato sulla parte superiore del cambio, proprio dietro i cilindri.

L'aria viene convogliata attraverso il tubo (visibile nei disegni) che, dal cannotto di sterzo, scende verso il motore, e poi fatta circolare attraverso il compressore, fino alla miscelazione con il carburante e all'alimentazione vera e propria del motore. La sovralimentazione scelta da Honda dovrebbe essere a doppia vite, in cui le due viti si intrecciano in sincronia, aspirando l'aria dal lato del compressore, per poi lasciarla fuoriuscire dalla parte dello scarico.

Il perché della sovralimentazione sulla Africa Twin? Nulla di chiaro per il momento, visto che non stiamo parlando di una moto che si presta a diventare la maxi enduro più potente sul mercato, non è neanche nello stile di Honda. Potrebbe essere, infatti, un progetto che guarda al futuro, quando le norme anti-inquinamento diventeranno ancora più rigide e costringeranno le case a cercare soluzioni alternative.

Honda non è nuova all'utilizzo di questo tipo di tecnologia: sappiamo che in passato (negli anni '70) ha utilizzato la sovralimentazione sulla CX500 Turbo. Moto che oggi è parecchio ricercata dai collezionisti, ma che allora non ebbe molto successo, a causa della potenza poco modulabile, per via dell'imprecisione del turbo.

Certo, oggi la tecnologia ha fatto molti passi avanti, il turbo è molto più godibile che in passato, e a dimostrarlo è un altro colosso giapponese, Kawasaki, che può vantare in listino un'intera gamma sovralimentata. Non sappiamo se vedremo mai su strada una Honda Africa Twin Supercharged, ma lasciamo lavorare la casa giapponese... Qualcosa salterà fuori.

Fonte: visordown.com

  • shares
  • Mail