Redding sbanca Jerez: "Ottimo feeling con la moto"

Il nuovo leader del Mondiale Superbike commenta il suo weekend trionfale in Andalusia: "Felice di aver regalato due vittorie a Ducati"

Il weekend del Mondiale Superbike a Jerez de La Frontera ha sancito definitivamente lo status di Scott Redding (Aruba.it Ducati) quale legittimo pretendente al titolo iridato 2020. Il 27enne asso inglese, che nel primo round di Phillip Island aveva conquistato tre secondi posti, ha infatti "sbancato" il tracciato spagnolo conquistando le prime due vittorie in carriera in SBK nelle due gare principali, un secondo posto nella Superpole-Race e la sua prima Superpole.

Gli eccellenti risultati del fine settimana lo hanno inoltre proiettato in vetta alla classifica piloti con un margine di 24 punti sul campione uscente Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), poco incisivo in Andalusia, un vantaggio sicuramente importante dopo soli due appuntamenti del calendario e in una stagione che, a causa dello stop per pandemia da Coronavirus, dovrebbe comprendere solo 9 round (il condizionale è d'obbligo vista la natura ancora provvisoria dell'attuale calendario).

A differenza della Gara-1 di sabato, che aveva visto un Redding piuttosto sornione per i primi due terzi della corsa, in Gara-2 il britannico ha adottato una strategia decisamente più incisiva che gli ha permesso di conquistare la testa già al secondo giro, strappandola allo stesso Rea che, dopo la vittoria nella Superpole-Race, era partito davanti a tutti in griglia.

Da quel momento, Redding ha dato il via a una progressione irresistibile che lo gli ha permesso di staccare ben presto tutta la concorrenza e presentarsi da solo sotto la bandiera a scacchi al termine del 20° giro. L'unico ad avere il suo passo è stato il compagno di colori Chaz Davies, alla fine secondo dopo aver passato in sequenza tutti gli avversari più quotati.

A fine gara, uno Scott Redding decisamente sorridente non ha potuto che elogiare gli uomini del team Aruba.it Ducati per l'eccellente lavoro svolto sulla sua Panigale V4 R, moto che avrebbe potuto raggiungere la vittoria anche nella Superpole-Race:

"Sono molto contento di questo weekend: abbiamo conquistato due vittorie qui, oltre a una pole position e a un secondo posto, ed ovviamente questo mi rende molto felice. E' un grande risultato e per questo voglio ringraziare tutto il team Aruba.it Ducati, per avermi messo nelle condizioni di poter essere competitivo: mi hanno dato una grande moto per correre in queste condizioni, abbiamo fatto tutti un ottimo lavoro."

"Avrei potuto vincere anche la Superpole-Race: avevo il passo per riuscirci, ma sono rimasto invischiato nella lotta con Toprak [Razgatlioglu, di Pata Yamaha, poi 3° al traguardo] per troppo tempo. Ad ogni modo, così facendo, alla fine ero sicuro di avere il passo giusto per vincere Gara-2. Il feeling con la moto era ottimo e così sono riuscito a scappare via subito, prendendo un buon vantaggio nei primi giri senza pensare troppo ai tempi. Sono davvero felice di aver regalato due vittorie a Ducati."

  • shares
  • Mail