Ducati Scrambler Enduro: spiata durate i collaudi!

A Borgo Panigale sembrano avere in cantiere una nuova declinazione dell'apprezzatissima Scrambler: è la versione Enduro, pronta a sfidare la GS800 anche laddove l'asfalto finisce

ducati_scrambler-enduro.jpg

Qualcosa bolle in pentola a Borgo Panigale, e riguarda una delle più chiacchierate moto degli ultimi tempi: la Ducati Scrambler, erede spirituale della mitica monocilindrica nata negli anni '60 e molto apprezzata da clienti e customizzatori.

A quanto si può intuire dalle foto apparse in rete negli ultimi giorni, Ducati starebbe preparando il lancio di una versione della Scrambler spiccatamente orientata al fuoristrada: la foto pubblicata da Bennets non è il massimo in quanto a qualità e visibilità, ma mostra quanto basta per capire che abbiamo davanti una possibile futura rivale di BMW GS800 & Co.

Prima della recentissima Multistrada Enduro, bisogna risalire alla mitica Cagiva Elefant per trovare una off-road motorizzata con il bicilindrico bolognese: in quel caso però sul serbatoio c'era il marchio varesino, e solo il propulsore desmodromico richiamava il DNA emiliano del modello.

Ora però in Ducati sembrano volersi buttare a capofitto in un segmento che appare sempre più prolifico: a giudicare dalla foto, tutte le modifiche apportate sono orientate a una destinazione chiaramente all-terrain del nuovo modello. All'avantreno, una forcella upside-down dall'escursione maggiorata ha preso il posto di quella "a corsa corta" presente sulla Scrambler standard, e il cerchione più grande (probabilmente un 19") ha rimpiazzato quello da 17" per un maggior feeling sui fondi sconnessi.

Al posteriore, si nota un portatarga convenzionale in luogo di quello utilizzato sulla versione "liscia", soluzione decisamente più adatta ad un uso fuoristradistico. Poco si vede del retrotreno, ma sebbene il forcellone sia rimasto quello della sorella stradista, un monoammortizzatore Ohlins e un'aumentata altezza da terra sembrano essere le novità più succulente del comparto ciclistico retrostante. Il telaietto posteriore sembra essere stato adeguatamente modificato per l'installazione di borse da viaggio, caratteristica quasi essenziale vista la destinazione d'uso di questa nuova creatura.

E' plausibile che anche il telaio sia stato rinforzato in modo da assorbire più efficacemente le urti e le sollecitazioni derivanti da un uso off-road: pare infatti che siano stati aggiunti alcuni elementi per irrigidire l'intera struttura tubolare e renderla idonea ad un utilizzo più estremo. Il parafango anteriore alto è simile a quello già visto sulla versione Urban Enduro, ma il design del serbatoio sembra stravolgerne i riferimenti stilistici portandoli alle endurone degli anni '80, anzichè fermarsi ad un look "in the Sixties" come le sorelle.

ducati-scrambler-2015-12jpg

Nonostante le numerosi speculazioni riguardanti una possibile versione "maggiorata" della popolare retrò Ducati, possiamo affermare che, salvo grossi equivoci, siamo di fronte a un esemplare dotato del medesimo V-Twin da 803 cc delle sorelle: il disco anteriore singolo pare essere abbastanza per escludere cilindrate maggiori, che avrebbero invece richiesto impianti frenanti più... energici.

Se siete impazienti di scoprirla, c'è una buona notizia per voi: ci sono buone possibilità che la nuova Scrambler Enduro venga presentata già all'Eicma di Milano del prossimo Novembre. Staremo a vedere!

Via Bennets

  • shares
  • Mail