MotoGP: Remy Gardner firma con KTM Tech3 per il 2022

Il 23enne australiano, figlio dell’ex-iridato della 500 cc Wayne Gardner, si assicura un posto nella Premier Class del 2022: “E siamo solo all’inizio …”

Il 23enne australiano Remy Gardner, attuale leader del Mondiale Moto2 con il team Red Bull KTM Ajo, effettuerà l’atteso salto in MotoGP la prossima stagione per correre sotto le insegne del team KTM Tech3 KTM Factory Racing, continuando così la già solida partnership con il costruttore austriaco.

Al suo 5° anno nella Middle Class, Gardner – figlio dell’ex-iridato della 500cc Wayne Gardner – è stato protagonista di un inizio di stagione estremamente positivo, che lo ha visto conquistare il podio in 5 gare su 6 di cui l’ultimo, il più prestigioso, coincide con la vittoria nel GP d’Italia del Mugello, sua prima affermazione personale del 2021. Questi risultati hanno evidentemente convinto KTM ad affidargli uno dei prototipi RC16 gestiti dal suo team “satellite” francese, anche se per ora non è chiaro se a fargli posto sarà lo spagnolo Iker Lecuona o il “nostro” Danilo Petrucci.

Remy Gardner ha debuttato nel Motomondiale a Misano, nel GP di San Marino del 2014, salendo per la prima volta sul podio della Moto2 nel 2019, in Argentina. Il suo debutto nella Premier Class avverrà a quasi tre decenni di distanza dal ritiro del padre, nel 1992, e la sua soddisfazione per questo avanzamento di carriera è palpabile sin dalle prime dichiarazioni:

“Sono davvero felice che KTM mi abbia dato questa opportunità: è un sogno che diventa realtà per me, è l’obiettivo per cui ho sempre lavorato fino a questo punto. È un’opportunità incredibile per me e già adesso non vedo l’ora di guidare la moto.”

“Voglio solo ringraziare KTM per aver creduto in me, anche se in questo momento dobbiamo restare concentrati per finire al meglio la stagione 2021. E voglio ringraziare anche tutti coloro che mi hanno supportato in un modo o nell’altro per raggiungere la MotoGP. Siamo solo all’inizio …”

Pit Beirer: “Per noi è un piacere portare Gardner in MotoGP”

Pit Beirer, “numero 1” delle attività sportive di KTM, ha sottolineato come la scelta di Gardner si inquadri nella ormai nota politica della casa di Mattighofen di “crescersi in casa” i proprio piloti, come accaduto per gli attuali piloti del team factory Miguel Oliveira e Brad Binder (che solo pochi giorni fa ha “incassato” il rinnovo fino al 2024):

“È un vero piacere per noi portare Remy in MotoGP: conoscevamo la sua velocità e la sua capacità di essere competitivo in Moto2, e lui ci ha dato conferma di avere questo potenziale. Crediamo che possa ottenere molto di più ed è importante che abbia questa opportunità per continuare a crescere.”

“Remy è un vero pilota, è super-determinato e non si arrende mai. È emozionante da guardare e noi siamo impazienti di lavorare con lui per compiere questo prossimo ‘step’. Per l’ennesima volta stiamo dimostrando che la KTM GP Academy è in grado di offrire la giusta opportunità ai piloti che vogliono andare fino in fondo.”

Herve Poncharal: “Abbiamo grande fiducia in Remy”

Ugualmente entusiasta della ‘promozione’ di Gardner è l’inossidabile Hervé Poncharal, storico Team Principal di Tech3 e rinomato “valorizzatore di talenti” della classe regina.

Dopo aver avuto il pilota australiano in squadra nelle stagioni 2017 e 2018, quando il suo team correva con un proprio telaio nella classe Moto2, il francese si è detto assolutamente convinto delle possibilità del suo pupillo anche nel massimo campionato di velocità su due ruote:

“Siamo orgogliosi e felici di accogliere Remy, abbiamo grande fiducia in lui e crediamo che sarà una risorsa importante per il nostro team. Inoltre, penso che l’aver preso questa decisione aiuterà lui a concentrarsi al 100% sul Mondiale Moto2 e aiuterà anche noi, come Tech3 KTM, a concentrarci meglio sulla nostra stagione 2021. Diamo quindi il bentornato a Remy: continua a spingere, poi ti unirai a noi per iniziare la tua avventura in MotoGP nel 2022!”

I Video di Motoblog

Ultime notizie su MotoGP

Tutto su MotoGP →