Incentivi moto 2022 per veicoli elettrici e non solo: ecco a chi spettano

Il Governo ha firmato il DPCM con i nuovi incentivi riservato ad auto e moto. Per quest’ultime c’è un contributo anche per i modelli termici

Ne avevamo parlato pochi giorni fa ed ora è finalmente arrivata l’ufficialità. Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato il DPCM con i nuovi incentivi riservati ad auto, moto e veicoli elettrici, per i quali ci sono 650 milioni di euro complessivi da destinare ogni anno, fino al 2024, alla mobilità (sostenibile). Si tratta di una cifra che rientra tra le risorse che il Governo ha stanziato nel Fondo automotive, per cui è prevista una spesa complessiva di 8,7 miliardi di euro fino al 2030.

Incentivi moto: per elettrici e non

Per quanto riguarda gli incentivi auto, vi rimandiamo a leggere tutte le specifiche su autoblog.it. Guardiamo invece come funzionano quelli destinati alle moto. Dunque, per ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) è previsto un contributo – finanziato con 15 milioni di euro per gli anni 2022, 2023 e 2024 – del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo 3.000 euro e del 40% fino a 4.000 mila euro, in caso di rottamazione di una moto da Euro 0 a 3. Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2500 euro con rottamazione. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024.

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →