V-Strom Academy 2020: vi raccontiamo la nostra esperienza

All'accoglienza, ad attenderci, c'era un "branco di Suzuki V-Strom gialle": più aggressive del solito (merito dei tasselli delle Anlas Capra X), impazienti di sgasare nel fango, ma solo dopo una intera mattinata passata nel campo, fra qualche lezione di teoria e poi l'immancabile pratica

Una Suzuki V-Strom 1050XT, degli pneumatici tassellati Anlas Capra X, un intero campo a disposizione e un istruttore molto paziente. Siamo reduci dalla V-Strom Academy 2020, il corso ideato da Suzuki per permettere a curiosi, appassionati, possessori (e non) di V-Strom di avvicinarsi all'affascinante mondo del fuoristrada e dell'Adventouring a 360 gradi.

Ci eravamo lasciati a febbraio con il test in anteprima della globetrotter di Hamamatsu e ci ritroviamo, mesi dopo, ancora in sella alla V-Strom, questa volta, per scoprire "the dark side of the Adventouring". Un lato oscuro che la maggiore parte dei possessori sconosce, il lato che nasce quando l'asfalto finisce e bisogna farsi spazio nei boschi, su strade bianche ma anche in mezzo al fango, un lato fatto di salite e discese da affrontare con la massima cautela, ma anche in piena sicurezza, grazie alla ricca dotazione di serie di V-Strom 1050XT.

V-Strom Academy: l'approccio didattico secondo Suzuki


All'accoglienza, ad attenderci, c'era un "branco di V-Strom gialle": più aggressive del solito (merito dei tasselli delle Anlas Capra X), impazienti di sgasare in fuoristrada, ma solo dopo una intera mattinata passata nel campo, fra qualche lezione di teoria e poi l'immancabile pratica.

A meno di un mese dal via ai corsi, abbiamo vissuto la giornata tipo della V-Strom Academy, presso l'apprezzatissima location del Castello di Luzzano, a Rovescala, in provincia di Pavia. A fare da istruttore, Andrea Beconi, Campione Europeo di Enduro nel 2009 (con Suzuki, ovviamente) e portacolori della Maglia Azzurra della Nazionale Enduro: Andrea ci ha, inizialmente, messi alla prova all'interno di un fettucciato, per studiarci bene e correggere eventuali posture o tecniche errate, per poi avviarci agli esercizi, man mano, sempre più difficili e tecnici, prima di mettere in pratica il tutto fra gli splendidi sentieri della location scelta da Suzuki, al centro della Pianura Padana.

Un approccio didattico a tutti gli effetti, quello proposto dalla V-Strom Academy, utile ad affinare le tecniche (per chi le basi le ha già) o per creare da zero il giusto feeling con la moto, quando finisce l'asfalto e comincia l'avventura. Esercizi creati ad hoc, rapporto con lo staff continuo e proficuo e una moto che aiuta tantissimo, anche nella manovre più difficili.

V-Strom Academy: il campo


Dopo il welcome coffe, un interessante briefing e la "vestizione", è il momento di mettere in moto le imponenti bicilindriche giapponesi e scendere giù al campo. Qualche giro nel fettucciato per "farci studiare" da Andrea Beconi e capire come funziona questa Sport Enduro Tourer in fuoristrada. Con la configurazione standard, la padronanza del mezzo è assicurata, l'ABS consente di strizzare i freni senza problemi, la ripartizione intelligente della frenata permette anche di non utilizzare il freno posteriore, in favore della leva anteriore che gestisce perfettamente la potenza frenante, il controllo trazione (settabile su tre livelli) perdona tutto, mentre il Low Rpm Assist System mantiene regolari i giri del motore, evitando fastidiosi e pericolosi spegnimenti alle bassissime andature.

Insomma, il pacchetto Suzuki Intelligent Ride System riesce a far sembrare semplice ogni manovra, grazie all'aiuto della piattaforma inerziale IMU fornita da BoschTutto sembra facile, sì, ma siamo solo all'inizio. L'istruttore, dopo aver corretto la mia posizione di guida (troppo tesa, per via dell'inesperienza in fuoristrada), ci propone diversi esercizi. I coni: un "semplice" slalom da fare stringendo fra le gambe la moto e giocando d'equilibrio. Primo tentativo fallito, attendo istruzioni da Andrea. Secondo tentativo quasi riuscito, il terzo è quello giusto!

Continuiamo con i tronchi, il mio incubo!

"Braccia morbide, gambe leggermente piegate e bilanciate la moto con il corpo in avanti e indietro" - dice Andrea.

Cerco di seguire le sue dritte, do appena un filo di gas quando mi trovo davanti il tronco, corpo indietro e il gioco è fatto. Più semplice del previsto. Si continua con la scala poggiata per terra, ma per quella basta seguire una traiettoria ben precisa, stare morbidi in sella per assorbire meglio le vibrazioni e via la paura.

Prima del pranzo, saliamo su una collinetta per testare a dovere il sistema Hill Holder (o Parti Facile) e la ripartizione della frenata (Frena Sicuro). Fermi in salita, mantenendo la moto in prima marcia, due click sul freno anteriore e, magicamente, la moto non va indietro: V-Strom rimane frenata fino alla ripartenza. Un dispositivo utilissimo quando la fatica in fuoristrada comincia a farsi sentire, o magari si ha bisogno di liberare momentaneamente la mano destra, durante una sosta in salita. Al momento di scendere dalla collina, lo staff ci invita ad inchiodare con il freno anteriore e così facciamo, in piena fiducia: la forcella non affonda, la moto si "siede", ripartendo la frenata anche al freno posteriore. Stabile, sicura, adatta anche ai neofiti in preda al panico.

V-Strom Academy: l'Adventouring


Passata la mattinata, recuperate le energie con il pranzo, ci accingiamo ad affrontare i percorsi scelti da Suzuki per mettere in pratica quanto imparato al campo. L'intero staff ci guida attraverso paesaggi mai visti prima, dove il tempo pare si sia fermato a 50 anni fa, dove le nonne raccolgono i frutti della terra in compagnia dei nipotini, dove le fattorie familiari la fanno ancora da padrone, dove i "palazzoni" non sono mai arrivati. Proprio lì, in mezzo a questi paesaggi, arriva un bel temporale a rendere tutto un po' più... fangoso.


Fra boschi, strade bianche, terreni fangosi, ciottoli alquanto scomodi, cerco di farmi strada, con il buon Andrea alle calcagna a ricordarmi la posizione da assumere affinché quel passaggio non diventi un incubo, affinché le mie ruote non diventino un tutt'uno con il fango. Rimango appeso alla moto mentre cerco di affrontare una salita, ripida e fangosa, ma basta il grido di Andrea ("Metti almeno un piede sulle pedane!!!") a farmi uscire fuori vittorioso e soddisfatto (e anche un po' stanco)!


Continuiamo così per circa 60 km, con un percorso misto, fatto dal 40% di fuoristrada e 60% asfalto. Salite, discese, infiniti tornanti pieni di ghiaia, poi asfalto, ancora il bosco e di nuovo l'asfalto. Ed è grazie a questa alternanza di terreni che abbiamo avuto modo di apprezzare le Anlas Capra X: il tassello riesce a liberarsi immediatamente dalla terra, dal fango accumulato, garantendo un grip eccezionale anche su asfalto, mentre il disegno smussato dei tasselli diminuisce il rumore provocato dal rotolamento della gomma alle alte velocità, rendendo i tratti stradali godibilissimi.


V-Strom Academy: la soddisfazione


Ma chi se l'aspettava di riuscire a governare una moto da oltre 200 kg in fuoristrada, su terreni ostici e sconnessi? Alla fine della giornata, abbiamo portato a casa tanta soddisfazione: lo staff ci ha trasmesso dei "trucchetti" utilissimi, adatti a neofiti del fuoristrada, come me, ma anche ad esperti che vogliono migliorare la tecnica, contando sul supporto di professionisti del settore. Tantissimo merito va, però, al lavoro svolto da Suzuki sulla nuova arrivata, V-Strom 1050XT.

1037 cc e 107 cv di potenza e 247 kg di peso: sono numeri che fanno paura, quando si tratta di mettere le ruote fuori dall'asfalto, ma la dotazione elettronica ha fatto più di quanto si potesse immaginare inizialmente, la piattaforma inerziale ha gestito tutto alla perfezione, anche quando la situazione si è fatta complessa, quando i tasselli delle mie Capra X sono stati completamente ricoperti dal fango.

E allora, se il vostro sogno nel cassetto è quello di conoscere il lato oscuro della vostra globetrotter, se volete scoprire cosa, effettivamente, è in grado di fare una maxi enduro, non possiamo che consigliarvi di partecipare alla V-Strom Academy.

  • shares
  • Mail