V-Strom Tour 2020: Suzuki riapre le iscrizioni

Le tappe del V-Strom Tour 2020, che si svolgerà dal 5 giugno al 27 settembre, coinvolgeranno molti concessionari Suzuki sparsi per il territorio nazionale

La nuova Suzuki V-Strom 1050XT per il V-Strom Tour 2020: riaprono le iscrizioni per prenotare l'esperienza di guida sulla nuova Sport Enduro Tourer giapponese. Le tappe, che si svolgeranno dal 5 giugno al 27 settembre, coinvolgeranno molti concessionari Suzuki sparsi per il territorio nazionale.

Parola d'ordine: rispetto. Così Suzuki incita i fan al ritorno alla normalità. Un concetto che riprendere il Kanji Kei, dal giapponese "rispettare con il cuore", e che riprende la filosofia di rispetto reciproco da parte di Suzuki con il cliente: le concessionarie, per offrire il massimo della sicurezza, controlleranno il flusso di persone garantendo tutte le norme igienico-sanitarie necessarie.



  • Mantenimento delle distanze di sicurezza;

  • Utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuali da parte dello staff e di tutti i partecipanti;

  • Messa a disposizione di una soluzione alcolica disinfettante all’interno dello show room;

  • Accesso e partecipazione consentiti solo a persone in buona salute, senza febbre o altri sintomi.




V-Strom Tour 2020: come si svolgerà


I test ride, della durata di circa 45 minuti complessivi, si svolgeranno nel weekend, salvo rare eccezioni: il test su strada durerà 30 minuti e si svolgerà sempre su strade aperte al pubblico, ma solo dopo aver assistito ad una breve lezione teorica, fondamentale per conoscere meglio la globe-trotter di Hamamatsu e utilizzarla a dovere. Sia il briefing che la fase di registrazione, si terranno in spazi che consentiranno il distanziamento fisico tra le persone, nel rispetto del DPCM del 26 aprile 2020.

Ogni moto, al termine del test ride, che si svolgerà senza passeggero a bordo, sarà igienizzata e pulita. Trattamento riservato anche ai desk, agli arredi e a tutti i materiali in uso durante il turno di prove. L'organizzazione farà in modo di non far mai venire a contatto nessun cliente con un altro della sessione precedente o successiva. I partecipanti dovranno necessariamente utilizzare casco e abbigliamento tecnico propri.


V-Strom Tour 2020: come partecipare


Per partecipare al V-Strom Tour 2020 basterà registrarsi online sul sito ufficiale dell'evento, selezionando la data e il luogo in cui si desidera effettuare il test ride. Il sito fornisce, per ogni appuntamento, la disponibilità e l'indirizzo esatto del luogo di partenza della prova: gli orari vanno dalle 9:30 alle 13 e dalle 14 alle 19. Alcune concessionarie metteranno a disposizione anche diverse moto demo da fare testare ai propri clienti.

La varie tappe potranno subire variazioni o cancellazioni, a causa delle condizioni avverse del meteo o di altre esigenze. Per testare altri modelli della gamma Suzuki, basterà andare sul sito ufficiale e cliccare sul tasto "Provala", selezionare la moto, la concessionaria e compilare il form apposito.


Suzuki V-Strom 1050XT


Conquista per quella linea anni '80, ereditata direttamente dall'antenata DR Big, la moto che introdusse la moda del becco, ancora oggi tanto apprezzata. Nel mese di febbraio, proprio qualche giorno prima che la pandemia fermasse tutto, abbiamo provato la Suzuki V-Strom 1050XT fra i colli senesi.

La posizione di guida permette di avere la padronanza totale in ogni situazione e di sfruttare al meglio le doti della ciclistica, che conta su un telaio a doppia trave in alluminio, con sospensioni regolabili, e 107 cv erogati dal motore bicilindrico a V. Il pilota può scegliere come sfruttare la sua coppia generosa selezionando una delle tre mappature disponibili con il Suzuki Drive Mode Selector.

La dotazione di serie della V-Strom 1050XT comprende diversi dispositivi elettronici che ne esaltano praticità e sicurezza alla guida. L’equipaggiamento standard include infatti il cruise control, il traction control regolabile su tre livelli e disattivabile, l’assistenza alle partenze in salita PartiFacile e i sistemi FrenaInPIega e FrenaSicuro. Tutti i sistemi sono gestiti dal Suzuki Intelligent Ride System, che dialoga con una piattaforma inerziale Bosch in grado di monitorare i movimenti della moto in sei direzioni lungo tre assi.

Cura maniacale per i dettagli: frecce a Led, telaio in alluminio per sorreggere il cupolino con parabrezza regolabile in altezza, cerchi a raggi con pneumatici tubeless. E ancora solide pedane rivestite in gomma, manubrio in alluminio a sezione variabile e la sella regolabile su due livelli per una posizione di guida perfetta per i piloti di tutte le corporature. Di serie anche i paracarter, il paramotore, i paramani e il cavalletto centrale.

  • shares
  • Mail