Milano: 3.000 Euro d'incentivo per le "elettriche"

Dopo l'allarme Covid-19, il capoluogo meneghino stanzia nuovi fondi per promuovere la mobilità "zero emission" in città anche su due ruote

Il Comune di Milano ha messo a punto un nuovo piano di contributi per promuovere l'acquisto di nuovi veicoli a basso impatto ambientale, mossa che arriva in scia all'attenuarsi dell'emergenza Coronavirus e che punta ad offrire nuove forme di mobilità alla cittadinanza (che, per effetto delle direttive sul distanziamento sociale, non potrà sfruttare appieno le potenzialità del trasporto pubblico).

Tra le novità inserite nel bando comunale in via di pubblicazione - che prevede incentivi anche per autoveicoli ibridi, elettrici, bi-fuel e benzina Euro 6 - c'è infatti la possibilità per i privati di ottenere un contributo fino a 1.800 euro per l'acquisto di scooter ibridi o elettrici, che può arrivare fino a 3.000 Euro se si dispone di un veicolo da rottamare, e fino 1.500 Euro per le bici elettriche, senza obbligo di rottamazione.

Questi nuovi incentivi sono destinati ai cittadini maggiorenni, senza limitazioni ISEE, ma anche a micro, piccole e medie imprese, ai lavoratori autonomi titolari di partita IVA residenti a Milano, a enti del terzo settore e anche alle imprese artigiane "non milanesi", purché titolari di una licenza per l'esercizio della propria attività in aree pubbliche rilasciata dal comune stesso.

Per le imprese sono infatti previsti dei contributi per l'acquisto di scooter e cargobike ad alimentazione ibrida o elettrica se contestualmente provvederanno alla demolizione di un veicolo delle categorie N1, N2, N3, M1, M2 e M3 (fino agli Euro-2 inclusi se a benzina o fino ad Euro-5 inclusi se diesel) oppure di un motoveicolo o ciclomotore (classificati come categoria L).

I contributi saranno formalmente disponibili a partire dalla data di pubblicazione del bando sul sito ufficiale del Comune di Milano, attesa nelle prossime settimane, e fino all'esaurimento dei fondi disponibili, ma in ogni caso non si andrà oltre il 30 Novembre. Sarà comunque possibile presentare domanda anche per i veicoli già acquistati a partire dallo scorso 4 Maggio.

Secondo quanto predisposto dall'ente, l'erogazione degli incentivi sopra descritti avverrà una sola volta per ogni singolo veicolo, nel caso dei richiedenti privati, e una sola volta per un massimo di cinque veicoli per ogni singola impresa.

Marco Granelli, Assessore alla Mobilità del capoluogo lombardo, ha così spiegato gli obiettivi che la giunta Sala intende perseguire con il provvedimento:

"Vogliamo aiutare i cittadini che devono ricorrere all'uso di veicoli privati per gli spostamenti a farlo con mezzi meno inquinanti e più leggeri. Gli incentivi sono una delle strade che stiamo percorrendo per agevolare il ricambio del parco mezzi circolante a Milano."

"Sostituire un vecchio diesel, acquistare uno scooter o una bici elettrica sarà più facile e meno oneroso per tutte le famiglie e le imprese, anche del terzo settore, e consentirà di contenere le emissioni più inquinanti in città."

  • shares
  • Mail