Suzuki: in arrivo una "super" Katana in collaborazione con Yoshimura?

L'indiscrezione arriva dal Giappone: Suzuki starebbe pensando all'erede della mitica 1135R Yoshimura, versione anabolizzata della mitica Katana

Quando nel lontano 1981 Suzuki lanciò la Katana non passò molto tempo prima che il tuner Yoshimura, da sempre legato al marchio di Hamamatsu, decidesse di metterci le mani facendo ricorso ad una corposa dose di steroidi. Il risultato finale di anni di elaborazioni, sfornato nel 2001 quando la Katana si avviava verso la fine della produzione, fu la la Katana 1135R, versione pepata del classico giapponese che vantava ben 150 cv di potenza massima e 40 kg in meno della sorella "liscia", grazie all'abbondante ricorso al magnesio e ad altri materiali pregiati.

Ora, a distanza di quasi 20 anni, la Katana "anabolizzata" potrebbe avere un'erede: secondo l'autorevole rivista giapponese Young Machine, infatti, Suzuki starebbe lavorando a una versione "R" della moderna GSX-S1000S proprio in collaborazione con Yoshimura.

Secondo il magazine nipponico la nuova super Katana sarà equipaggiata sempre con il propulsore della GSX-R 1000 K5, aggiornato però con l'elettronica della Gixxer attuale e un impianto di scarico firmato da Yoshimura: ci si aspetta, ovviamente, anche un incremento di potenza, che dovrebbe sfondare il muro dei 180 cv (in luogo dei 150 della versione standard). Dalla Superbike di Hamamatsu dovrebbe arrivare anche il reparto sospensioni, con una forcella Showa Balance Free all'anteriore e un mono-ammortizzatore posteriore BFRC completamente regolabili.

Il render di Young Machine, infine, mostra un impianto frenante di alta gamma (dischi Brembo T-Drive abbinati a pinze monoblocco) ed esclusivi cerchioni in fibra di carbonio, ma anche una coppia di semi-manubri sportivi e due piccole alette in stile MotoGP sotto al cupolino. Al momento né Suzuki né Yoshimura hanno confermato ufficialmente il progetto, ma Young Machine ritiene che l'erede della Katana 1135R potrebbe essere presentata al pubblico già all'EICMA di Milano nel 2019.

  • shares
  • Mail