Cyril Despres e KTM pronti per la Dakar 2013 /video

La Dakar, un tempo Parigi - Dakar, è il rally per eccellenza: una prova eccezionale, un viaggio avventuroso, una sfida contro il tempo, gli avversari e soprattutto contro il terreno. Cyril Despres ha vinto il Rally Dakar ben 4 volte, tra cui l'ultima edizione 2012, sempre in sella alla sua KTM, stessa casa con la quale vinse due edizioni della competizione il compianto Fabrizio Meoni, scomparso nel 2005 in Mauritania a causa di un grave incidente, proprio mentre tentava di vincere la sua terza Dakar.

Ormai della capitale senegalese è rimasto solo il nome: anche quest'anno il rally si correrà in Sud America, con partenza da Lima in Perù, attraversando parte dell'Argentina e con arrivo (per chi arriva...) a Santiago del Cile. Il "Cono Sur" offre la stessa varietà di paesaggi del nord Africa, montagne, deserti, pianure stepposa, ma senza alcuni inconvenienti come i predoni mauritani e gli attentati terroristici.

"E' difficile spiegare che lavoro faccio" scherza Despres "e dov'è il mio ufficio. La Dakar è pericolosa? Forse il mondo è pericoloso...". Il francese ha preso parte a 95 rally, portandone a termine ben 90, ma le cicatrici non sono poche: la Dakar del 2012 è stata una battaglia epica contro Marc Coma, altro pilota KTM, nella quale, alla fine ha prevalso Cyril, ma non senza difficoltà e cadute.

Classe 1974, 1.80 cm di altezza per 83 kg di peso, sport preferiti MTB Downhill, trial, nuoto e trekking; ecco alcuni numeri di un campione che a 12 anni utilizzò i soldi donatigli in regalo per la sua comunione per comprare in segreto la prima moto, un 80 cc. Sicuramente un investimento che ha dato i suoi frutti.

Cyril Despres e KTM pronti per la Dakar 2013

  • shares
  • Mail