Royal Enfield pronta ad acquisire Ducati?

Il colosso indiano Eicher Motors, che controlla Royal Enfield, avrebbe messo gli occhi sull'iconica casa di Borgo Panigale: Audi pronta a vendere?

ducati-motor-holding-factory.jpg

Dopo un articolo pubblicato in esclusiva qualche giorno fa dal The Times Of India, nelle ultime ore ha preso sempre più forza sugli organi di informazioni indiani che un'indiscrezione, se confermata, rappresenterebbe una nuova svolta "storica" per Ducati.

Il Gruppo Volkswagen, attuale "proprietario" della casa bolognese tramite Audi, avrebbe infatti preso contatti con il gruppo indiano Eicher Motors, che controlla Royal Enfield, per sondare le possibilità di una cessione di Ducati.

L'iniziativa del colosso tedesco - un'ipotesi per altro già paventata negli ultimi mesi - scaturirebbe dalla volontà di VW di "alleggerire" le proprie attività dopo lo scandalo noto come Dieselgate e le relative conseguenze, in primis i costi per la 'regolarizzazione' di 11 milioni di veicoli e la maxi-multa da 14,7 miliardi di dollari da versare alle autorità degli Stati Uniti.

dre2017-05.jpg

Il Gruppo Volkswagen avrebbe incaricato la società di consulenza per investimenti bancari Evercore di valutare le possibili opzioni per la vendita di Ducati disponibili sul mercato, operazione dalla quale si aspetterebbe di ricavare qualcosa come un miliardo e mezzo di Euro. Secondo i reports dell'epoca, Volkswagen aveva acquistato Ducati nella primavera 2012 per circa 860 milioni di Euro.

Negli ultimi anni, Royal Enfield è stata protagonista di una grande crescita in India (+31% nelle vendite nel 2016) e di un'aggressiva strategia di espansione all'estero - in Asia, Europa e Nord America - ed il gruppo Eicher Motors (che già ha delle forti partnerships con Volvo e Polaris) si sarebbe mostrato interessato all'acquisto, anche se al momento ci si troverebbe in una fase del tutto preliminare della trattativa.

Sarebbero invecec più 'fredde', almeno per il momento, le ipotesi legate ad altri possibili acquirenti come Suzuki, Honda, la stessa Polaris e Harley-Davidson.

LONDON, ENGLAND - MAY 13:  Siddhartha Lal attends the launch of the first Royal Enfield store outside of India on May 13, 2014 in London, England.  (Photo by Ben A. Pruchnie/Getty Images for Royal Enfield)

Interrogato sull'argomento da The Times Of India, il CEO di Eicher Motors Siddhartha Lal (nella foto sopra) ha dichiarato:

"Non posso parlare con voi di simili argomenti. Io ho una visione più generale su queste cose: siamo sempre aperti a pensieri e idee nuove ma, come sapete, siamo una società molto focalizzata e selettiva..."

"E così, fondamentalmente, senza assolutamente dire "no" a niente - perché non può mai dire mai - restiamo attenti alle opportunità ma senza farci distrarre dai nostri obiettivi"

LAND'S END, ENGLAND - MAY 11:  A Royal Enfield motorcycle in Land's End, England. Royal Enfield motorcycle riders took part in the 'Top to Tip' sprint ride to mark the 50th anniversary of the original ride and to celebrate the launch of the brand's first exclusive store launch in the UK.  (Photo by Matthew Horwood/Getty Images for Royal Enfield)

Lal ha comunque dichiarato che la sua società punta alla "leadership globale" nella medie cilindrate, tra 250 a 750cc, con l'attuale gamma Royal Enfield che comprende modelli quali Bullet, Thunderbird, Classic (tutte e tre da 350 e 500cc), Himalayan (410cc) e Continental GT (535cc) che in effetti rispecchiano questo orientamento.

L'azienda potrebbe comunque volersi espandere anche nelle cilindrate superiori e, in questa prospettiva, l'acquisizione di Ducati e di tutto il suo know-how tecnologico (e relativi propulsori d'alta fascia oltre gli 800cc) le sarebbe estremamente utile. Senza contare il fascino che il glorioso marchio Ducati esercita un po' ovunque...

dre2017-03.jpg

  • shares
  • Mail