Kawasaki Z650 2017: primo contatto

Tra le strade del Sud della Spagna abbiamo messo alla prova la nuda entry level di Akashi. E siamo pronti a scommettere che sarà una bella concorrente per le rivali.


Quarant'anni e non sentirli. La serie Z di Akashi è sempre stata sinonimo di divertimento, passione, adrenalina. È quel brivido che cavalca il presente, senza rinnegare però il passato. Sarà per questo che a Huelva, nel sud della Spagna, nella Hall dell'Hotel, vicino alla nuova Z650, sfilano in bella mostra la sua antesignana del 1976 e la ER6N. Il cursus honorum insomma, la vecchia generazione che ha portato all'ultima arrivata. Già perché la Z650 è il ricongiungimento, l'anello finale di questo percorso. La Z apre di nuovo i suoi orizzonti. Ed ora diventa alla portata di tutti. Prezzo? 6790 euro. Nel tavolo da poker delle moto facili, delle entry level di media cilindrata, Kawasaki rilancia. Una ER6N con un nuovo vestito? Non proprio.

Kawasaki Z650: come va


Winter is coming verrebbe da dire. Anche in questa zona sperduta del sud della Spagna. Umidità, nebbia. C'è tutto quello che non vorresti vedere aprendo la finestra al mattino per andare in moto. Temperatura stimata? 5°. Le Z650 ci attendono. E ti colpiscono comunque per la cura di una moto entry level.

Il design, lo stile, la componenstistica sono da premiare in fatto di qualità ed ergonomia. Prima dentro e si va. Primo tratto di trasferimento come tante volte. Utile per prendere confidenza con il mezzo prima di metterlo alla frusta. La posizione in sella sembra leggermente costretta, così come la triangolazione. Pedane piuttosto raccolte, manubrio con un angolo abbastanza pronunciato. La Z650 vuole dar bene l'idea di un felino pronto a scattare. Missione riuscita in effetti.

La sensazione però è che questa sella, passati un centinaio di chilometri, ci farà un po' soffrire. Sensazione accentuata anche dalle vibrazioni che giungono copiose dal bicilindrico. Il 649 di Akashi promette bene, anche se un piccolo on-off alla prima apertura del gas parzializzato rende un poco fastidiose le rotonde che stiamo percorrendo. Però la sensazione è che il tiro sia veramente corposo, bello pieno dai 3000 giri.

Domande si, ma le risposte? Non tardano ad arrivare. Saliamo per la Palma del Condado, sulla HU-4103, dove c'è un tratto misto di montagna medio veloce. Bello, molto bello. Sale molto, tanto che ci lasciamo la nebbia sotto i piedi. Curve ad ampio raggio intervallate anche da rettilinei prima in piena campagna andalusa, poi di montagna vera. Peccato solo per l'asfalto umido in alcuni tratti. Che il grip in certi punti non sia il migliore del mondo me lo ricorda immediatamente il posteriore che decide di partire per la tangente un paio di volte. Ma come si fa a non lasciarsi andare subito dopo? Con il sole il gioco cambia, ed è evidente che si entra nel mondo della Z qui.

E questa entry level fa di tutto per mettersi a disposizione. Il motore gira fluido e forte subito dopo i 3000 giri, per arrivare a cambiare intorno agli 8000. Inutile andare oltre. Gas in mano - piuttosto diretto, un poco lungo nella sua escursione - si inizia ad affrontare questo toboga. Terza, quarta, quinta, il bicilindrico di Akashi tira bene e, con la rapportatura del cambio risulta veramente elastico.

Un punto in più per la frizione che lavora benissimo anche in staccata. La Z650 è un gioco tra le mani: Puoi lasciarla scorrere anche con una marcia "di troppo" che lei ti perdona e riprende bene i giri. Si muove molto, sopratutto in fase di frenata, ma è la sua indole, non puoi pretendere di più. Ti trasmette le sensazioni chiaramente. La forcella sostiene il giusto anche quando si entra in maniera più forzata con i freni in mano, ma comunque offre quella sensazione di appoggio che da sicurezza. Certo, affonda molto nella prima fase per poi smorzare progressivamente. Te ne accorgi ogni volta che pinzi deciso.

Già perchè i freni sono un qualcosa di sovradimensionato - passatemi il termine - rispetto alla moto. Il che non guasta mai, sopratutto se si parla di impianto frenante coadiuvato da un ABS che lavora bene, senza farsi notare troppo. E' una moto che mi diverte, sopratutto senza affaticare psicologicamente e men che meno fisicamente. Va esattamente dove la vuoi portare, si inserisce senza sussulti ed è una vera libellula nei cambi di direzione. Forse non la più veloce della categoria nei cambi di direzione si, ma ha il giusto compromesso tra stabilità e fluidità.

Certo, quando il ritmo si alza e la mettiamo alla frusta, l'equilibrio in fase di staccata tende ad andare un poco in crisi. Ma il bello di questa moto è che te la senti bene in mano. Puoi giocarci e farla andare dove vuoi. E' sincera: ti mostra i suoi limiti di una moto entry level, ma al contempo sai benissimo che per muovere i primi passi sulle due ruote, la Z650 è davvero un gran bel mezzo.

Kawasaki Z650: com'è

Kawasaki Z650 8 primo contatto

Quarant'anni e non sentirli dicevamo. Ed in effetti questo è un po' il leit motiv di questa moto. Perchè dalla Z del 1976 a quella odierna, l'idea alla base risulta sempre quella: moto di media cilindrata, leggera, potente il giusto e divertente. E lo noti comunque il suo animo a partire proprio dallo stile: quel corso stilistico chiamato Sugomi che abbiamo già avuto modo di vedere nelle sorelle maggiori e che riprende anche ora i suoi dettami.

Cupolino inglobato con il gruppo ottico decisamente appuntito, un serbatoio pronunciato con linee tese e nette, quasi a banana nella sua forma, plastiche contenitive per "chiudere e coprire" gli spazi, ed un codino che mira proprio verso l'alto. Oltretutto, bisogna sottolineare anche il telaio in traliccio. Ha personalità e carattere con quel verde Kawasaki, oltre alla tecnica - sia chiaro - che riprende la sua filosofia da quel mostro che si chiama H2.

Tecnica dicevamo, perchè al contempo la dieta sulla bilancia parla di un risparmio di 15 kg rispetto alla ER-6n. Anzi, a ben vedere il peso totale cala di 19 Kg, arrivando a toccare quota 187 kg. Ed allora l'ulteriore calo da cosa è dovuto? Sicuramente dal forcellone asimmetrico - 2,7 kg in meno - che si coordina con il mono posteriore Back-Link con nuovi leveraggi. All'anteriore forcella a steli tradizionali da 41 mm.

Il propulsore, il cuore di questa Z650? Si mostra più ai medi regimi che agli alti. La scelta da parte dei tecnici di Akashi infatti è stata chiara: 68 cv a 8000 giri di potenza massima, mentre la ER-6n ne mostrava 72. Una scelta voluta, anche per avere più brio all'attacco del gas e per uscire dalle curve, ma anche per affinare e allineare al meglio la nuda in verde alla normativa Euro4.

Piace e non Piace



Piace

il tiro ai medi
l'equilibrio dinamico complessivo
l'ingresso in curva
la potenza frenante

Non piace
Sella un po' dura
pochi movimenti in sella
vibrazioni eccessive

Kawasaki Z650: Scheda tecnica


MOTORE
Tipo motore: Bicilindrico parallelo 4 tempi raffreddato a liquido
Cilindrata: 649 cm³
Alesaggio x corsa: 83 x 60 mm
Rapporto di compressione: 10.8:1
Distribuzione: DOHC, 8 valvole
Sistema di alimentazione: Fuel injection: Ø 36 mm x 2
Sistema di avviamento: Elettrico
Lubrificazione: Lubrificazione forzata, carter semi-secco

PERFORMANCE & TRASMISSIONE
Potenza massima: 50.2 kW {68 CV} / 8,000 rpm
Coppia massima: 65.7 N•m {6.7 kgf•m} / 6,500 rpm
Consumo di carburante: 4.3l/100 km
Emissioni: CO2 103g/km
Trasmissione: 6 velocità
Trasmissione finale: Catena sigillata
Rapporto di riduzione primario: 2.095 (88/42)
Rapporti di trasmissione: 1° 2.438 (39/16)
Rapporti di trasmissione: 2° 1.714 (36/21)
Rapporti di trasmissione: 3° 1.333 (32/24)
Rapporti di trasmissione: 4° 1.111 (30/27)
Rapporti di trasmissione: 5° 0.966 (28/29)
Rapporti di trasmissione: 6° 0.852 (23/27)
Frizione: Multidisco in bagno d'olio, manuale

FRENI & SOSPENSIONI
Freni, anteriori: Doppi dischi a margherita semi-flottanti da 300 mm. Pinza: doppi pistoncini
Freni, posteriori: Disco singolo a margherita da 220 mm. Pinza: singolo pistoncino
Sospensione, anteriore: Forcella telescopica da 41 mm
Sospensione, posteriore: Back-link orizzontale con regolazione del precarico molla

TELAIO & DIMENSIONI
Tipo di telaio: Traliccio, acciaio ad alta resistenza
Avancorsa: 100 mm
Corsa della ruota anteriore: 125 mm
Corsa della ruota posteriore: 130 mm
Pneumatico, anteriore: 120/70ZR17M/C (58W)
Pneumatico, posteriore: 160/60ZR17M/C (69W)
L x L x A: 2,055 x 775 x 1,080 mm
Interasse: 1,410 mm
Altezza dal suolo: 130 mm
Altezza sella: 790 mm
Capacità serbatoio: 15 litri
Peso in ordine di marcia: 187 kg

  • shares
  • Mail