Home BMW Motorrad Days 2016: il nostro viaggio a Garmisch [Video]

BMW Motorrad Days 2016: il nostro viaggio a Garmisch [Video]

Abbiamo percorso 400 chilometri da Milano a Garmisch per partecipare alla XVI edizione dei BMW Motorrad Days, per scoprire cosa sono e perché vale la pena andarci

BMW Motorrad Days Garmisch 2016 – Tanto nel mondo delle auto, quanto in quello delle moto, BMW è senz’altro un marchio imprescindibile, tanto più nel nostro Paese, dove la R 1200 GS è ormai da tempo immemore la moto più venduta e, va da sé, più apprezzata; eppure, tutt’oggi sopravvive ancora uno stereotipo legato al marchio bavarese, soprattutto nel mondo delle due ruote. Un gruppo di irriducibili prevenuti, infatti, continua a considerare le BMW moto da dentisti o da avvocati, in termini localmente geografici, da Pariolini, volendo in tal senso intendere che sono belle, sì, ma che mancano di quella sana grettezza che una moto deve possedere per essere anche efficace ed indiscutibilmente valida.

Ma esiste un modo per mettere fine a questa lunga ed insensata credenza e porta il nome di una rinomata località sciistica bavarese: Garmisch. A dire il vero, anche se non appartenete a questa ristretta schiatta di prevenuti, ci sentiamo comunque di consigliarvi, qualora già non la conosceste, una bella gita nella cittadina tedesca, possibilmente in concomitanza con i BMW Motorrad Days che, a voler essere riduttivi, altro non sono se non il più importante e rinomato raduno motociclistico dedicato alle moto con “l’elica” sul serbatoio.

Tanto per cominciare, va tenuto presente che i BMW Motorrad Days si tengono solitamente i primi di luglio, nel corso del primo fine settimana per essere precisi, momento perfetto, quindi, per prendere la moto e fare un bellissimo giro in moto. Sembra lontana come meta, ma se partite dal nord Italia non è così proibitiva, mentre per gli altri si può prevedere una sosta durante il viaggio. Anche perché per arrivare in Baviera si devono obbligatoriamente passare dei valichi d’incredibile bellezza, indipendentemente da dove si voglia sconfinare, come ad esempio il Cervino, che abbiamo scelto come panorama per la nostra traversata alpina e che ci ha regalato scorci mozzafiato, con cascate che quasi lambiscono i tornanti che si inerpicano lungo le sue pareti. Ma torniamo alla manifestazione in sé.

Giunta ormai alla sua sedicesima edizione, s’è svolta anche quest’anno la kermesse che ha richiamato circa 35.000 motociclisti da tutto il mondo (abbiamo infatti avvistato anche BMW con targa coreana e giapponese) con un programma che vede indubbiamente al centro dell’attenzione le moto bavaresi, che siano boxer o con cilindri in linea, ma soprattutto un diffuso senso di goliardica fratellanza e di comune passione per il divertimento e le stranezze.

La piccola cittadina bavarese viene infatti trasformata con tensostrutture e campi di guida che, integrati con le splendide montagne di sfondo, creano un bel villaggio motociclistico. Su un piazzale si esibiscono gli stunt a due e quattro ruote, mentre sulle pendenze sterrate si vedono tanti motociclisti cimentarsi con un fettucciato fatto apposta per prendere dimestichezza con l’off road, o meglio con il Gelande Strasse, che è la stessa cosa detta in tedesco ed il cui acronimo ha reso tanto celebre la BMW più venduta.

Garmisch 2016: i BMW Motorrad Days

Al centro di questo villaggio, poi, tra una zona relax e tantissime tende che ospitano i più fantasiosi preparatori con moto incredibili, tutte rigorosamente su base BMW, si erge il famigerato Muro della Morte: un enorme tamburo di legno al cui interno sfrecciano impavidi centauri che vincono la forza di gravità, girando e facendo evoluzioni sulla parete circolare nonché verticale di questo strambo edificio: una sorta di Globe Theatre in versione motociclistica, insomma.

E ancora escursioni guidate per provare le BMW in catalogo, il museo con le moto tedesche di ogni epoca, il parco trial, la zona per i piccolissimi centauri del futuro, i rivenditori di merchandising, le sfilate di moto, ma soprattutto due cose che non si possono perdere: la mega tenda punto ristoro dove trovare fiumi di birra, Brezel e soprattutto un ottimo stinco di maiale è la prima, la seconda, forse ancora più importante, sono le tantissime persone che affollano Garmisch in occasione dei BMW Motorrad Days. Appassionatissimi, stravaganti, sporchi di fango, con birre in mano o baffi a manubrio, saranno anche avvocati o dentisti nella vita normale, ma di sicuro distruggono lo stereotipo che vorrebbe, secondo alcuni, le BMW come moto per persone sempre compite e un po’ snob, che non sanno divertirsi e senza autoironia.

Che siate possessori di una BMW o meno, almeno una volta a Garmisch dovete farci un salto, soprattutto considerando la bellissima strada che bisogna percorrere dall’Italia per arrivarci, lungo la quale si trovano fiumi di altri appassionati, tutti diretti nella medesima direzione, che colorano con le loro moto i tornanti di alcune delle strade più belle d’Europa, come avevamo già detto all’inizio.

Un’unica accortezza dovrete avere: andateci negli anni dispari, quando non si rischia di essere lì durante gli Europei di calcio o peggio ancora i mondiali, se non volete, come è successo a noi, ritrovarvi con la maglietta dell’Italia a brindare con simpaticissimi e sportivissimi alemanni, mentre in cuor vostro state meditando di inforcare subito la moto per correre a dare due sonore sberle a Zaza e Pellè!

Ultime notizie su Video

Video

Tutto su Video →