Superstock 1000 FIM CUP: Savadori terzo e ad un passo dal titolo

Dopo il terzo posto di ieri all’ultimo appuntamento di Magny-Cours a Savadori basta solo un punto per laurearsi campione.

È stato un week end molto difficile per me. Sfortunatamente, mentre mi allenavo in bicicletta, una macchina mi ha toccato e cadendo mi sono rotto il primo metacarpo della mano destra. Ho preferito non dirlo a nessuno per gestire meglio il week end di gara", testimonia Lorenzo Savadori, "È stato doloroso finire la gara soprattutto negli ultimi giri, però sono molto felice perché, per come si erano messe le cose, siamo riusciti a portare a casa un ottimo risultato. Ho perso un po’ di tempo dietro a Massei e proprio in quel momento Raffaele è riuscito a prendere un po’ di margine che non sono riuscito a colmare. Ci voleva un buon risultato”.

superstock-1000-fim-cup-savadori-gara-jerez.jpg

La partenza dalla nona posizione costringe  Savadori a una impegnativa rimonta in gara in sella alla sua Aprilia RSV4 RF. Il pilota mette a segno almeno sette sorpassi nei confronti dei concorrenti che non gli rendono la vita facile. Il sorpasso a Massei è quello che fa perdere più tempo al cesenate che poi punta diretto al podio. Al traguardo Savadori conquista il terzo posto e ora guida la classifica generale con 25 punti di vantaggio sul diretto avversario. L'ottima notizia è il fatto che, all’ultimo appuntamento di Magny-Cours, gli basterà solo un punto per laurearsi campione.

superstock-1000-fim-cup-calia-jerez.jpg

Grande gara anche di Kevin Calia che in pochi giri, in sella alla sua RSV4 RF, si libera di tutti gli avversari e si mette all’inseguimento di Tamburini. Nel tentativo di passare in testa alla gara e superare il concorrente al titolo per Savadori, l’anteriore ha ceduto inaspettatamente e Calia è incappato in una scivolata che non gli ha permesso di portare a termine la gara. “Non sono stato capace di accontentarmi, ho provato fino all’ultimo di recuperare su Tamburini", spiega il pilota, "sono scivolato in un punto in cui non mi sentivo al limite, mi si è chiusa davanti e non ho potuto fare niente. Sarebbe stato bello salire sul podio ma comunque sono contento per come stavano andando le cose. È andata così e avremo modo di rifarci a Magny-Cours”.

superstock-1000-fim-cup-andreozzi-jerez.jpg Dopo l’ottima qualifica del sabato, il marchigiano Andreozzi partiva con ottimi propositi. È riuscito a chiudere la gara prendendo tre punti, nonostante un problema al freno anteriore e uno scivolamento difficilmente controllabile"Sono partito abbastanza bene, ma già al secondo giro ho avuto un problema al freno che mi ha costretto ad un lungo", sintetizza Alessandro Andreozzi, "sono riuscito ad allungare la leva del freno ma la moto scivolava molto e non sono riuscito a ripetere i tempi dei giorni scorsi”.

  • shares
  • Mail