Motomondiale 2015: il borsino dei crashers

Motomondiale: il borsino delle cadute del 2015

Le cadute sono sempre dietro l'angolo per chi in sella è sempre al limite delle proprie possibilità. Alcuni piloti cadono così spesso da guadagnarsi un posto in una speciale classifica e l'epiteto di "crashers", ovvero coloro che fanno degli incidenti. In tutte e tre le categorie del Campionato Mondiale sono state 471 le cadute, stop a volte utili perché è solo cadendo che è possibile trovare il proprio limite, capire quando mollare il gas.

andrea-iannone-crash-sachsenring.jpg

Ad aver appena abbandonato questa speciale classifica trovaiamo Andrea Iannone che quest’anno è passato al Team Ducati ufficiale. In passato, durante la sua stagione in Moto2 e nei primi due anni in MotoGP l’abruzzese si è fatto conoscere come un pilota veloce, ma con qualche caduta di troppo. Anche al suo debutto in MotoGP, nel 2013, Iannone cadde in 12 occasioni e in 14 nel corso del 2014. Alcuni nel team Ducati temevano che il suo rapporto "troppo stretto" con l'asfalto potesse compromettere lo sviluppo della due ruote, ma non è stato così.

dovizioso-caduta.jpg

Iannone invece in questa parte di stagione ha sorpreso tutti: è caduto una sola volta diventando uno dei più costanti in sella della sua categoria. L’anno scorso, negli stessi mesi, il pilota di Vasto era finito a terra sei volte, il suo progresso è il migliore tra tutti i piloti delle tre categorie e il terzo posto in classifica conferma la sua svolta. Solo due piloti hanno fatto meglio dell’abruzzese e fino ad ora non sono mai caduti: Jorge Lorenzo e Valentino Rossi.

caduta-asfalto.jpg

Anche il leader della Moto2 Johann Zarco (Ajo Motorsport) in questa stagione è caduto una sola volta e sta facendo di tutto per allontanarsi dalla fama di "crasher". Nel campionato di Moto3, Enea Bastianini (Gresini Racing Team Moto3) è quello che ha fatto maggiori progressi: ridotto di un terzo il numero di cadute rispetto l’anno scorso.

caduta-spettacolare.jpg

Tra i piloti che stanno facendo il percorso contrario troviamo Mike Di Meglio (Avintia Racing), Axel Pons (AGR Team) e Sam Lowes (Speed Up Racing), tre piloti che finora hanno accumulato dieci cadute in questa prima parte di stagione, più di quanto non abbiano fatto molti piloti nell’intera stagione 2014 e tutti e tre stanno consolidando la loro reputazione di "crashers".

marquez-caduta-2014.jpg

Anche il campione del mondo in carica, Marc Marquez (Repsol Honda Team), sta accumulando un numero di cadute simile a quello della sua stagione di debutto in MotoGP. Con 193 cadute la Moto3 è la categoria dove sono caduti il maggior numero di piloti. A Karel Hanika e Tatsuki Suzuki spetta invece il triste primato di "crashers" con 11 cadute ciascuno.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: