Ducati Multistrada 1200 2015: prova su strada

Prova Ducati Multistrada 1200 2015 - tutta nuova con il 1200 a doppia fasatura variabile da 160 CV la Multistrada 2015 è sempre cattiva e bella da guidare, ma più trattabile e perfetta per il turismo.

a:2:{s:5:"pages";a:4:{i:1;s:0:"";i:2;s:19:"Design ed ergonomia";i:3;s:49:"Ducati Multistrada 2015 Caratteristiche tecniche ";i:4;s:41:"Ducati Multistrada 2015, gallery completa";}s:7:"content";a:4:{i:1;s:10772:"

A volte ritornano. Per il lancio della Multistrada 2015, Ducati ha scelto di tornare a calcare le stesse strade del press test della Multistrada 2010. Lanzarote, location sensazionale per clima, paesaggi e per quell’asfalto nero e pulito che sembra quello di un circuito. Un ritorno in grande stile, ma senza nessun altro nesso con la presentazione della m.y. 2010. Sì, è vero la Multistrada mantiene i 4 Riding Mode, e il Testastretta 1200, ma la 2015 è una moto totalmente nuova, che condivide con la precedente solo la viteria del parafango anteriore.

Nuovo telaio, nuovo motore, nuove sospensioni, nuova piattaforma elettronica di controllo, il tutto confezionato in una nuova veste estetica che riprende quanto di buono fatto fino ad oggi estremizzando il concetto di family feeling al punto che per i meno esperti Multistrada potrebbe cambiare poco. E invece sotto la scocca si cela un nuovo mondo, una nuova interpretazione della moto totale, capace di fare tutto, senza impensierire mai. E’ più matura e più friendly da utilizzare, più comoda e veloce che mai.

E’ proposta in tre versioni tutte con cerchi neri; 1200 “base” solo rossa e 1200 S e S D-Air disponibile in rosso e nella nuova Iceberg White. Ha una ricca dotazione elettronica e parte dai 17.240 della Standard, passando per i 19.540 della "multiaccessoriata" S agli oltre 20.000 della S D-Air. Ecco la prova su strada.


La Guida: Multistrada S, superturismo tutto fare


Ducati Multistrada 2015 test

Lanzarote – Il press test comincia direttamente con la Multistrada 1200 S White Iceberg equipaggiata con il Touring Pack composto da cavalletto centrale, borse laterali, e manopole riscaldate. Sulla S abbiamo a disposizione l’ultima evoluzione elettronica e tecnologica Ducati. E partiamo proprio dall’elettronica, perché la nuova Multistrada ne ha talmente tanta che potrebbe quasi andare da sola. Il segreto dell’equilibrio dinamico è da ricercare altrove ovviamente, nuovo telaio, nuove sospensioni e nuova ergonomia, ma è indubbio che oggi il jolly, il vero asso nella manica, è tutto nella "S" e nella sua super dotazione elettronica.

Sviluppata in collaborazione con Bosch, la nuova piattaforma inerziale IMU, ha permesso alla Multistrada di affinare ulteriormente il lavoro del sistema DSS Ducati Skyhook Suspension e di compiere un balzo in avanti in tema di comfort, sfruttabilità, piacere di guida e sicurezza. Leggendo parametri quali angolo di rollio, beccheggio e imbardata il sistema è in grado di coordinare l’azione di sospensioni, traction control, impianto frenante e illuminazione led offrendo un livello di prestazioni e di sicurezza mai raggiunto prima su una Multistrada.

IMU, DSS, DTC, DWC, DMS, Cornering ABS e Cornering Light. Una quantità di sigle da far impazzire, ma non c’è da preoccuparsi... in sella, nella guida di tutti i giorni significa poter frenare con il Cornering ABS fin dentro alla curva, senza bloccaggi e senza pensieri, potendo contare sul lavoro delle sospensioni elettroniche che in tempo reale controllano l’assetto offrendo un effetto antiaffondamento che garantisce comunque il corretto trasferimento di carichi. Il Cornering Light del nuovo faro full led indirizza un fascio di luce verso l’interno, e quando in curva vado a riprendere in mano il gas il “cervellone”, conoscendo anche il mio angolo di piega, gestisce coppia e potenza nel migliore dei modi andando a chiudere la sospensione posteriore senza mettere in crisi aderenza e stabilità.

Se tutto ciò non bastasse, ci sono sempre DTC e DWC ampiamente regolabili, fermorestando i classici quattro Riding Mode Touring, Sport, Enduro e Urban che forniscono da subito un’ottima base sui cui poter creare la moto su misura per ogni utente e qualsiasi situazione.

Ma torniamo alla prova… chiavi Handsfree in tasca, premiamo Start e partiamo in Touring Mode con Skyhook attive, ABS 3, DTC 5 e DWC 3. Abbiamo quindi tutti i 160 CV e 137 Nm di coppia, ma le curva di potenza e coppia sono “ingentilite” fino ai medi regimi. La risposta al gas è morbida e scopriamo subito un 1200 molto trattabile ai bassi, disposto a riprendere con qualche vibrazione poco sopra ai 2.000 e senza strappi superati i 3.000. La progressione è energica, ma la rotondità di funzionamento la fa sembrare meno cattiva di quanto non sia realmente. Magie della doppia fasatura variabile che rende questo 1200 meno ruvido che in passato, senza picchi ne strappi.

Ducati Multistrada 2015 test

Se il motore stupisce per rotondità, le sospensioni Skyhook stupiscono per efficacia. In Touring Mode, la Multistrada divora senza pensieri qualsiasi asperità del terreno. In sella il comfort è eccellente, con sospensioni morbide e capaci di isolare il pilota dal fondo in ogni condizione. La guida è rilassata e fluida, un set-up piacevole e appagante nei percorsi misti ad andature medie.

Il manubrio montato su silent-block e i rivestimenti in gomma per le pedane contribuiscono a ridurre rispettivamente le vibrazioni di braccia e gambe. La posizione di guida è pressoché invariata con una triangolazione sella-pedane-manubrio che non affatica neanche dopo molti chilometri; grazie anche al nuovo parabrezza sempre regolabile con una mano sola, ma ora più protettivo.

L’altezza della sella è regolabile da 845 a 825 mm (smontando uno spessore), ci sono 20 mm in più per gli spostamenti longitudinali è ben imbottita e stretta rispetto al passato. Si tocca bene a terra anche senza essere degli spilungoni.

In marcia la prima sensazione è di bilanciamento e leggerezza. Alle basse velocità la Multistrada S è rotonda, facile e intuitiva, i 235 kg in ordine di marcia della S non sono certo un problema, anzi la percezione è di avere tra le mani una moto più leggera. Il manubrio largo offre naturalezza e grande controllo anche quando il ritmo si alza.

Azioniamo i nuovi tasti retroilluminati ed entriamo nel menù di controllo; il display TFT a colori da 5“ della S è chiaro e intuitivo e bastano due passaggi per selezionare il riding mode Sport. Le Skyhook si settano su una taratura più sostenuta e la Multistrada acquista immediatamente stabilità, maneggevolezza e precisione. Ora il contatto con il fondo stradale è più diretto, e il feeling con la moto istantaneo. In frenata l’anteriore affonda molto meno, con un inserimento in curva rigoroso e comunicativo; non appena si allentano i freni e si punta alla percorrenza le Skyhook aprono l’idraulica lasciando al pilota una buona percezione dell’aderenza in curva. I cambi di direzione sono rapidi e anche nei tornanti la Multistrada scende in piega morbida, con un avantreno che ispira fiducia anche quando l’andatura si fa più sostenuta.

Ducati Multistrada 2015 test

Lasciata la Multistrada S, è il turno della versione “standard”; qui non abbiamo la potenza e la modulabilità dei freni della Panigale montati sulla “S” e non ci sono le Skyhook a vigilare sulle nostre spalle. Le sospensioni convenzionali con forcella da 48 mm hanno taratura più turistica che sportiva, un valido compromesso che consente di sfruttare la moto a 360° ma non permette di avere una risposta precisa in ogni contesto. L’anteriore in frenata affonda abbastanza e quando si comincia a fare sul serio la Multistrada diventa più impegnativa. Già perché è pur vero che il Testastretta DVT è il bicilindrico made in Borgo Panigale più lineare mai provato prima, ma è anche vero che in ballo ci sono 160 Cv e quasi 14 chilogrammetri di coppia!

Senza le borse la Multistrada è ancora più reattiva agli input del pilota e sullo stretto evidenzia una grande maneggevolezza. Sul veloce e quando il ritmo cresce le sospensioni elettroniche però fanno una bella differenza e la standard richiede più attenzione. E’ sempre un gran bel guidare intendiamoci, ma quando lasci la “S” e guidi la normale il confronto è decisamente impari.

Stesso gusto in sella invece per quanto riguarda il nuovo motore DVT. Quando si scala il contagiri, il 1200 acquista tiro e consistenza già dai 5.000. Continuando a spingere, cambia anche il sound di aspirazione e scarico, più civile ai bassi e più coinvolgente agli alti. Man mano che ci si lancia verso il regime di coppia massima di 137 Nm a 7.500 la Multistrada inizia ad allungarti le braccia. Agli alti emerge tutta la cattiveria del Testastretta, capace di progressioni entusiasmanti e di un allungo da sportiva vera fino ai 10.500 giri.

In sostanza il nuovo Multistrada è un bel passo avanti, per guidabilità e piacere di guida. Le prestazioni sono sempre importanti, ma ora il Testastretta DVT è un diavolo addomesticato; consuma meno, fa meno rumore anche se quando spingi suona che è un piacere, e non disdegna la guida in relax. Un evoluzione importante che rende la Multistrada una tourer senza limiti. Rimangono in parte alcune vibrazioni “caratteristiche”, ma quello fa parte anche del gusto di cavalcare un bicilindrico con così tanto carattere. Tra la standard e la S, le sospensioni e la dotazione fanno la differenza, soprattutto esaltano al massimo il carattere poliedrico della Multistrada 2015 capace di trotterellare in città o nelle gite fuoriporta, come anche togliersi più di qualche soddisfazione sui passi di montagna.



Ducati Multistrada 2015 test



";i:2;s:5807:"

Design ed ergonomia


Ducati Multistrada 2015 test

Globalmente parrebbe essere cambiata poco, in realtà è tutta nuova. Il grande lavoro comincia proprio dal cucire un abitino snello a una Multistrada che di fatto ha un motore più ingombrante, un altezza da terra maggiorata di 60 mm e tanti sensori in più. Obiettivo riuscito, visto che la nuova Multi è più stretta e più alta da, ma più compatta e con una perfetta distribuzione dei pesi 50-50. Esteticamente riparte dalla linea della precedente versione, ma è stata affinata in molti dettagli. Ci sono più plastiche è vero, ma ci sono plastiche e plastiche e quelle della Multistrada sono di ottima fattura, ben verniciate e ben accoppiate. Globalmente sono più curate con grande attenzione al dettaglio e senza viti in vista. Il cupolino è sempre regolabile in altezza con una mano sola, ma è cresciuto in dimensioni e ora protegge ancora meglio testa e busto.

Lo step evolutivo continua con l’ergonomia e i comandi. I tasti di selezione dei riding mode e del cruise control sono più grandi, chiari e semplici da azionare, e per la prima volta sono retroilluminati. Certo, con così tanta elettronica non è sempre immediato trovare il set-up perfetto ma ora l’interfaccia è più semplice e i comandi più comodi. L’adozione dell’IMU ha permesso di introdurre insieme ai fari full led sulla versione S anche il sistema di cosiddetto cornering, che illumina l’interno della curva con un Led dedicato..


La tecnica: doppia fasatura variabile, una prima assoluta


Ducati Multistrada 2015 test

Per quanto riguarda il motore il Testastretta della Multistrada 2015 adotta per la prima volta nel settore moto un sistema denominato DVT Desmodromic Variable Timing, che consente di avere una doppia fasatura variabile su aspirazione e scarico. Il sistema funziona tramite un attuatore che varia in modo continuo la fase di apertura e incrocio delle valvole permettendo una risposta più lineare ai bassi e più consistente agli alti. Inoltre questo variatore, che si attiva tramite un sistema dell’olio, da qui anche la nuova pompa dell’olio maggiorata, consente di abbattere consumi ed emissioni, rendendo la nuova Multistrada più parca di circa l’8% rispetto alla precedente e soprattutto capace di rientrare nella nuova normativa Euro 4. Allungati anche gli intervalli di manutenzione, con l’ordinario fissato a 15.000 km o un anno e la registrazione delle valvole a 30.000 km.

Ma il DVT non è l’unico intervento operato sul Testastretta, che per l’occasione si è rifatto anche la linea di scarico e di aspirazione. Ora la Multistrada ha un suono molto più civile ai bassi regimi, garantendo un comfort maggiore quando si viaggia e si procede in ambito urbano, ma quando si forza riemerge tutto il carattere e il suond che l’ha sempre distinta con gustosi scoppiettii in rilascio e una gran bella tonalità.


Il telaio è stato riprogettato

per accogliere il più ingombrante Testastretta DVT e regalare 20 mm di luce a terra nell’off road, ma con le stesse quote ciclistiche della precedente: interasse di 1.530 mm, corsa sospensioni di 170 mm. Varia invece l’angolo di sterzo, aumentato di 4° a tutto vantaggio della manovrabilità e delle inversioni nel traffico più impegnativo.

A livello di sospensioni invece, il DSS (Ducati Skyhook Suspension) Evolution ha ricevuto un ulteriore perfezionamento e, in questa versione evoluta, comprende una nuova forcella Sachs con cartuccia pressurizzata e con scorrimento degli steli a basso attrito, un nuovo sensore che controlla il lavoro dell’ammortizzatore posteriore, un nuovo software che gestisce anche i dati che provengo dalla piattaforma inerziale (IMU) e che utilizza nuovi algoritmi di elaborazione. Questo sistema equipaggia di serie le versioni S della Multistrada 1200 ed è basato su una forcella da 48 mm e un ammortizzatore posteriore Sachs entrambi di tipo elettronico, con la possibilità di regolare il freno idraulico in compressione ed estensione maniera continua secondo un approccio di controllo semi-attivo per garantire l'equilibrio ideale del veicolo.


L’intera famiglia Multistrada 1200 è adotta impianto frenante Brembo con ABS Bosch 9.1ME Cornering, parte integrante del Ducati Safety Pack (DSP). L’ABS Cornering sfrutta la presenza della piattaforma inerziale IMU (Inertial Measurement Unit) Bosch per dosare in modo ottimale la potenza frenante della ruota anteriore e di quella posteriore anche in situazioni critiche e con la moto piegata.

La Multistrada 1200 adotta pinze radiali monoblocco Brembo a 4 pistoncini da 32 mm, pompe radiali con leve regolabili, doppio disco anteriore da 320 mm. Al posteriore troviamo invece un singolo disco da 265 mm di diametro su cui lavora una pinza flottante, sempre Brembo. Nella versione 1200 S l’impianto frenante è stato ulteriormente potenziato, mutuandolo direttamente dalle superbike di casa Ducati, adottando dischi da 330 mm di diametro all’avantreno abbinati a pinze Brembo M50, del tipo monoblocco radiale a 4 pistoncini.

";i:3;s:4302:"

Ducati Multistrada 2015 Caratteristiche tecniche


Ducati Multistrada 2015 test

Motore
Tipo: Ducati Testastretta DVT con sistema Desmodromic Variable Timing, Bicilindrico a L, 4 valve per cilindro, Dual Spark, raffreddato a liquido
Cilindrata: 1198,4 cc
Alesaggio per Corsa: 106x67,9 mm
Compressione: 12.5:1
Potenza: 117,7 kW ( 160CV ) @ 9500 giri/min
Coppia: 136 Nm (13,9 kgm) @ 7.500 giri/min
Alimentazione: Iniezione elettronica Bosch, corpi farfallati ellittici con sistema Ride-by-Wire, diametro equivalente 56 mm
Scarico: Monosilenziatore in acciaio inossidabile, terminali in alluminio; catalizzatore e 2 sonde lambda

Trasmissione
Cambio: 6 marce
Trasmissione primaria: Ingranaggi a denti dritti, Rapporto 1,84:1
Rapporti: 1=37/15 2=30/17 3=27/20 4=24/22 5=23/24 6=22/25
Trasmissione secondaria: Catena; Pignone 15; Corona 40
Frizione: Multidisco in bagno d'olio con comando idraulico, sistema di asservimento ed antisaltellamento

Veicolo
Telaio: Traliccio in tubi di acciaio
Sospensione anteriore: Forcella a steli rovesciati da 48 mm completamente regolabile
Ruota anteriore: Fusa in lega leggera a 3 razze ad Y 3,50" x 17"
Pneumatico anteriore: Pirelli Scorpion Trail II 120/70 17''
Sospensione posteriore: Progressiva con monoammortizzatore Sachs completamente regolabile. Regolazione remota del precarico molla. Forcellone monobraccio in alluminio
Ruota posteriore: Fusa in lega leggera a 3 razze ad Y 6.00" x 17"
Pneumatico posteriore: Pirelli Scorpion Trail II 190/55 17''
Escursione ruota anteriore: 170 mm
Escursione ruota posteriore: 170 mm
Freno anteriore: 2 dischi semiflottanti da 330 mm, pinze Brembo monoblocco Evo M50 ad attacco radiale a 4 pistoncini e 2 pastiglie, pompa radiale con cornering ABS di serie
Freno posteriore: Disco da 265 mm, pinza flottante a 2 pistoncini con cornering ABS di serie
Cruscotto: LCD display
Dimensioni e pesi
Peso a secco: 209kg
I valori del peso si riferiscono al peso a secco della moto esclusi batteria, lubrificanti e liquidi di raffreddamento per i modelli raffreddati a liquido.
Peso in ordine di marcia: 232 kg
I pesi in ordine di marcia sono considerati con tutti i liquidi di esercizio e il serbatoio carburante riempito al 90% della capacità utile (norma 93/93/CE).
Altezza sella: Regolabile 825 - 845 mm
Interasse: 1529 mm
Inclinazione cannotto: 24°
Avancorsa: 109mm
Capacità serbatoio carburante: 20 l
Numero dei posti: Biposto

Equipaggiamento
Equipaggiamento di serie: Riding Modes, Power Modes, Ducati Safety Pack (cornering ABS + DTC), Ducati Wheelie Control, Cruise control, Hands-Free, Pulsanti al manubrio retro-illuminati, Predisposizione antifurto

Garanzia
Garanzia:2 anni chilometraggio illimitato
Intervalli di manutenzione: 15.000km
Controllo gioco valvole: 30.000km

Emissioni e consumi
Standard: Euro 4

Multistrada 1200 Dotazioni
Nuovo motore Ducati Testastretta DVT
Inertial Measurement Unit (IMU) Bosch
Impianto frenante Bosch-Brembo ABS 9.1ME Cornering
Electronic cruise control
Riding Modes
Ride-by-Wire Power Modes (PM)
Ducati Wheelie Control (DWC)
Ducati Traction Control (DTC)
Sella pilota regolabile in altezza
Cruscotto LCD

Multistrada 1200 S (e 1200 S D-Air®) Dotazioni
Nuovo motore Ducati Testastretta DVT
Inertial Measurement Unit (IMU) Bosch
Impianto frenante Bosch-Brembo ABS 9.1ME Cornering
Dischi anteriori da 330 mm di diametro con pinze radiali a 4 pistoncini Brembo M50
Electronic cruise control
Ducati Multimedia System (DMS)
Riding Mode
Ride-by-Wire Power Modes (PM)
Ducati Wheelie Control (DWC)
Ducati Traction Control (DTC)
Sella pilota regolabile in altezza
Sospensioni elettroniche semi-attive Sachs (anteriore e posteriore): Sistema Ducati Skyhook Suspension (DSS) Evolution
Faro anteriore full LED con Ducati Cornering Lights (DCL)
Cruscotto con schermo full-TFT a colori da 5”
Sistema D-Air® (solo Multistrada 1200 S D-Air®)




";i:4;s:728:"

Ducati Multistrada 2015, gallery completa


Ducati Multistrada 2015 test




























";}}

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: