Toyota I-Road: anche le Case auto sperimentano le tre ruote

Toyota sperimenta la I-Road, la propria auto a tre ruote

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:28:"Toyota i-Road: tutte le foto";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:4627:" Toyota i-Road

Il concetto di tre ruote può arrivare partendo da uno scooter aggiungendo una ruota anteriore e un nuovo sistema di sospensioni, o può anche arrivare da una piccola auto togliendo una ruota posteriore. Così se Piaggio per prima ha lanciato il tre ruote verso il mondo della grande distribuzione, poi seguita da altri costruttori come Peugeot, Quadro e altri. La Toyota pensa la sua mini car per uso urbano sposando la filosofia del tre ruote, due all'anteriore e una sterzante al posteriore. la I-Road in curva si inclina proprio come uno scooter, ma mantiene all'interno un volante automobilistico e una copertura totale sia per il guidatore che per il passeggero. Il motore è totalmente elettrici e gli ingobri sono leggermente supeiori a quelli di un maxi scooter, mentre i due posti sono rigorosamente "in linea.

Come start up del suo progetto a tre ruote la Toyota ha presentato a Grenoble il suo muovo piano congiunto di mobilità urbana e multimodale, studiato assieme a EDF, Sodetrel e Cité Lib ed allo stesso comune di Grenoble. Questo progetto prende il nome di Ha:mo, un sistema di car sharing gestito tramite una app che consente all’utente di progettare un itinerario e muoversi con i mezzi pubblici ma anche (e soprattutto) di accedere a 27 parcheggi con colonnine di ricarica, che ospitano ben 70 mezzi di trasporto elettrici.

35 di questi sono i piccoli Toyota COMS, veicoli monoposto con un buon vano di carico, pensati per commercianti e professionisti. I restanti 35 sono le innovative Toyota i-ROAD, un mezzo a tre ruote biposto. Pilota e passeggero stanno al sicuro e al coperto dentro l’abitacolo, ma gli ingombri sono ridottissimi: meno di 2,5m di lunghezza e 89cm di larghezza, meglio di molte moto.

Le Toyota i-ROAD hanno un motore elettrico che consente un'autonomia di 50km a velocità urbane (al massimo 45km/h). Sono silenziosissime, sicure e, come si può vedere dalle foto, estremamente particolari. Nonostante le proporzioni motociclistiche, una volta all’interno ci si trova davanti a un volante, un cambio automatico e dei pedali. L’auto piega come una moto per mantenere la stabilità e spiazza un po’ perché la ruota sterzante è quella posteriore. Le curve si affrontano come se si stesse facendo manovra per infilare l’auto in un parcheggio in retro: anticipare molto e andare con coraggio, tanto l’auto ruota su se stessa, quasi come se il muso fosse inchiodato a terra. Attenzione al suo retro, però, perché è quello a girare, e sebbene richieda uno spazio modesto, va tenuto sempre in considerazione.

Toyota i-Road: primo contatto con il nuovo tre ruote elettrico

La Toyota i-ROAD non ha scatti brucianti ed è l’anima stessa dell’utilitaria. Un po’ cigolante ma robusta, si muove con disinvoltura nel traffico cittadino, dove non si sente mai a disagio. Akihiro Yamada, capo progettista del progetto Toyota i-ROAD lo definisce un mezzo pratico e robusto, sicuro anche in situazioni di emergenza e capace di affrontare vento, pioggia e salite fino al 40%.

I cittadini di Grenoble l’hanno accolta con meraviglia e interesse: dal primo ottobre potranno iniziare a noleggiarla a prezzi che si piazzano a metà tra i tram e i taxi: 3 euro i primi 15 minuti, 2 euro i secondi 15 minuti, 1 euro i “blocchi” da 15 minuti successivi. Più caro di un parcheggio al centro, ma comunque accessibile e soprattutto efficiente per sbrigare i propri affari, riconsegnare il mezzo alla prima colonnina disponibile e continuare la giornata senza pensare a posti auto e tassametri.

Toyota crede molto in questo esperimento, anche perché fornisce al brand giapponese un'occasione per testare in meno di un paio d’anni i concept di mobilità alternativa che sta studiando in vista dei giochi olimpici di Tokyo nel 2020. I cittadini di Grenoble invece dovranno essere educati a comprendere di avere a disposizione un mezzo alternativo per fare “l’ultimo chilometro” e integrare così la propria mobilità urbana. Il tutto con un mezzo pratico, economico e super ecologico.




";i:2;s:1060:"

Toyota i-Road: tutte le foto





























";}}

  • shares
  • Mail