UE contro moto illegali dalla Cina

Sono finite del mirino dell’UE le moto non conformi alle norme europee e contraffatte, molto pericolose che non rispettano le misure di sicurezza previste dall’Europa. “Solo nel 2005 – mette in guardia la Commissione europea – sono stati registrati cinque incidenti mortali in Gran Bretagna e uno in Svezia nel 2006″. In Italia due mesi

Sono finite del mirino dell’UE le moto non conformi alle norme europee e contraffatte, molto pericolose che non rispettano le misure di sicurezza previste dall’Europa.
“Solo nel 2005 – mette in guardia la Commissione europeasono stati registrati cinque incidenti mortali in Gran Bretagna e uno in Svezia nel 2006″.
In Italia due mesi fa ha perso la vita un bambino di 7 anni che con il cugino era in sella ad un mini-scooter a quattro ruote che non era abilitato alla circolazione su strada.
Bruxelles ha deciso quindi di lanciare una nuova battaglia in difesa della sicurezza dei consumatori e per salvaguardare la propria industria dalla contraffazione dei prodotti.
“Non conosciamo ancora l’ampiezza del fenomeno delle mini-moto che non rispettano le norme di sicurezza dell’Ue e che vengono importate illegalmente dalla Cina – ha spiegato Philip Tod, portavoce del commissario europeo alla saluta Markos Kyprianou – precisando che 14 autorità nazionali hanno avvertito la Commissione europea dei rischi che correvano i loro consumatori”.

La Commissione europea ha chiesto in particolare a tutti paesi dell’Unione “mettere sotto sorveglianza il mercato delle minimoto per poter avere alla fine dell’anno un quadro più preciso della situazione”.
L’iniziativa è stata presa dai commissari alla salute Kyprianou e dal vicepresidente della Commissione Ue e responsabile per l’industria Guenther Verheugen.
Il testo integrale e in inglese lo trovate qui.
via | Help Consumatori

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →