MotoGP: Casey Stoner e Nicky Hayden fiduciosi nella difficile pista di Le Mans

MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte

Non c'è dubbio sul fatto che il Ducati Marlboro Team ha iniziato una stagione a pronostici invertiti, ovvero trovando molta soddisfazione nelle performance di Nicky Hayden, e un po' di sfortuna per Casey Stoner, top rider assoluto e pretendente al mondiale, che in questa prima fase di campionato è costretto ad inseguire.

Arriva il GP di Francia, il prossimo weekend, sulla pista di Le Mans, che è sempre stata un po' infingarda per il desmodromico. Nel 2006 e 2007 a podio, poi nient'altro. Lo scorso anno, Casey ha chiuso la gara in quinta posizione, ma questa volta in Ducati contano su una D16 GP10 evoluta e più adatta anche a questo tipo di circuiti:

Casey ha commentato: “Per le sue caratteristiche di circuito “stop and go” a Le Mans la moto deve essere molto efficiente in frenata e nello stesso tempo agile e veloce in uscita di curva, soprattutto nei punti più lenti. In passato siamo riusciti ad essere abbastanza veloci, abbiamo lottato con i primi, ma alla fine non abbiamo ottenuto i risultati che avremmo voluto. Quest’anno penso che ci possiamo aspettare qualcosa di più rispetto alle ultime due stagioni e daremo il massimo per riuscirci”.

MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte
MotoGP 2010 - Jerez - 2a parte

Nicky Hayden è della stessa idea dell'australiano, confermando la poca simpatia per il circuito transalpino: “Probabilmente Le Mans per me è la pista più dura in calendario perché, in tutta la mia carriera, credo che sia l’unica in cui non sono mai salito sul podio e non sono mai partito dalla prima fila. Sarà interessante anche per questo. Come ho già detto altre volte, abbiamo cominciato bene la stagione, siamo reduci da due buone gare, ma dobbiamo tenere i piedi per terra e continuare a lavorare perché l’obiettivo è rimanere costantemente su un buon livello e provare a colmare il piccolo gap che abbiamo ancora. Quel paio di decimi da levare sono sicuramente i più duri ma mi sento a mio agio con la moto e con la squadra, mi sto divertendo e mi sento fiducioso per quanto riguarda il resto della stagione”.

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: