WSBK: Michel Fabrizio conclude due giorni di test al Mugello, "abbiamo trovato il problema, ora sono veloce"

Superbike 2010 - Valencia - 2a parte

Michel Fabrizio non ci sta, non vuole che si ripetano due manches come quelle di Valencia, un pretendente al mondiale non può commettere tali errori e una moto da mondiale non può avere così poco feeling con il pilota. Il doppio risultato negativo (che l'ha fatto entrare di diritto nella nostra classifica degli outsider illustri) l'ha convinto a svolgere due giorni di test al Mugello per ritrovare se stesso e il problema che affligge la 1198 Xerox

La leva freno anteriore, sarebbe la causa di tutto. Una scarsa modulabilità dell'impianto e un'incostanza di performance ha trasformato entrambe le gare in un piccolo incubo, che ad Assen, fra 10 giorni, non si ripeterà. I test del martedì, con l'asfalto bagnato, non sono serviti a granchè, ma nel pomeriggio si sono potute provare diverse soluzioni di pompe freno e pinze trovando finalmente il giusto feedback ed efficienza.

Una modifichina al setup ha reso la moto più reattiva, e i tempi sono stati costantemente veloci con il miglior crono di 1'52"6, con gomma da gara. Nella mattinata del secondo giorno, Michel ha avuto qualche dolore fisico che ha sospeso i test del pomeriggio, il problema però sembra risolto:

Superbike 2010 - Valencia - 2a parte
Superbike 2010 - Valencia - 2a parte
Superbike 2010 - Valencia - 2a parte
Superbike 2010 - Valencia - 1a parte

“E’ andato molto bene, siamo contenti direi. - dichiara Michel - I miei tecnici hanno identificato quasi subito il problema che avevo lo scorso weekend a Valencia. Hanno fatto delle modifiche al freno anteriore e questo mi ha permesso di girare forte con un feeling molto migliorato all’anteriore. Sembra che siamo tornati sulla strada giusta e non vedo l’ora di tornare in pista ad Assen.”

Ernesto Marinelli, team manager del pilota romano: “Questo test ha sicuramente definito una svolta; la confidenza di un pilota è tutto per le sue prestazioni . Sono molto felice che il problema al freno sia stato individuato e risolto e sono altresì convinto che ad Assen rivedremo Michel brillare ai livelli che merita e riaffermare il suo riconosciuto talento.”

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: