Motoblog @ Elefantentreffen 2010: 3 giorni sottozero

Elefantentreffen 2010 ritorno

Fatta. Non si può certo dire che sia una passeggiata partecipare all’Elefantentreffen e questa 54esima edizione si farà ricordare per la tanta neve scesa. Venerdì ha cominciato a fioccare verso le 14 senza più smettere fino quasi all’alba creando non poche difficoltà. Basti pensare che senza pneumatici adatti (Metzeler Karoo T, nel mio caso) è stato per molti impossibile raggiungere il luogo del raduno da venerdì pomeriggio fino a sabato mattina.

“Ma la neve ci vuole” dicono i veterani dell’Elefante, perciò ci sentiamo pure dire di essere fortunati per i centimetri di manto bianco che hanno avvolto l’evento e sommerso tende, motociclette e tutto quanto fosse rimasto sotto i fiocchi mentre scendevano.

Per questa esperienza (la prima volta, nel mio caso) ho raggiunto Solla su una BMW R 1200 GS Adventure MY 2010 che si è rivelata un’ottima compagna, capace di comfort nelle trasferte autostradali ma anche di affrontare la neve in modo efficace.

Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno

Oltre all’abbigliamento tecnico (tuta BMW Streetguard, casco BMW Enduro, stivali TCX e guanti Alpinestars),temendo temperature siberiane ho montato sulla moto anche moffole e Termoscud della Tucano Urbano (che ringraziamo per averceli forniti), accessori rivelatisi determinanti per affrontare le temperature che non sono mai salite sopra lo zero e che hanno raggiunto anche i -10 gradi.

Difficile raccontare l’Elefantentreffen, difficile spiegare perché molti fra le migliaia di partecipanti ritornano, anno dopo anno, edizione dopo edizione. L’atmosfera è chiassosa, l’aria impregnata del fumo dei falò, si dorme poco e male, fa sempre freddo e i comfort non esistono. “Perché partecipare al Treffen?”: se qualcuno ha una risposta a questa domanda la scriva, io francamente non ne ho.

Però sono rimasto affascinato da questa accozzaglia umana e meccanica, di motociclisti di tutti i tipi provenienti da tutta Europa in sella a mezzi strani, spesso auto-costruiti nel garage di casa, ibridi assurdi dove si fatica anche a riconoscere il modello da cui nasce. Poi, oltre al raduno vero e proprio c’è il viaggio: centinaia di chilometri al freddo, con il rischio di trovarsi in mezzo ad una nevicata che impedisce di proseguire, stracarichi di bagagli e di tanta voglia di arrivare.

Infine, un saluto particolare al “vichingo” che è arrivato a Solla in sella ad un vecchio Aprilia SR 50 modificato da lui per affrontare il viaggio: 2 giorni per arrivare, 2 per tornare, tanta pazienza e nessuna fretta. L’Elefante lo fanno le persone che vi partecipano , nient’altro.

Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno
Elefantentreffen 2010 ritorno

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: