La Honda ha “spinto fuori” Max Biaggi

Pesantissime le accuse del presidente della Federazione Motociclistica Internazionale, Francesco Zerbi rilasciate al quotidiano QS e apparse oggi su Tgcom, rivolte verso la Honda in primis e poi verso il binomio Rossi & Yamaha. “La Honda ha scatenato un vero e proprio cartello contro Biaggi – ha detto al “QS” – Anche Valentino Rossi ha

Pesantissime le accuse del presidente della Federazione Motociclistica Internazionale, Francesco Zerbi rilasciate al quotidiano QS e apparse oggi su Tgcom, rivolte verso la Honda in primis e poi verso il binomio Rossi & Yamaha.
“La Honda ha scatenato un vero e proprio cartello contro Biaggi – ha detto al “QS” – Anche Valentino Rossi ha protestato con la Yamaha affinché non desse una moto al rivale di sempre”.
“In un primo tempo io e Carmelo Ezpelata, CEO della Dorna, abbiamo collaborato per cercare di convincere Honda e Yamaha a dargli una mano, ma è stato un tentativo andato a vuoto e che personalmente mi si è ritorto contro. Perché Kanazawa presidente della Honda HRC, mi ha telefonato dicendomi di non ingerire sulle aziende.
Chi ha deciso la fine di Max? La Honda è nera per tutte le dichiarazioni fatte da Biaggi sulla loro moto. I giapponesi sono molto orgogliosi dei loro prodotti. La Honda ha scatenato un vero e proprio cartello contro Biaggi. Anche Valentino Rossi ha protestato con la Yamaha affinché non desse una moto al rivale di sempre. La Federmoto? Non posso influire sulla parte commerciale dello sport”.

Ad un possibile passaggio di Biaggi in SuperBike ha detto la sua anche Paolo Fiammini, patron ed organizzatore della SBK : “Se dovesse venire a correre da noi credo che sarebbe bello per lui e per la Superbike. Sono certo che dimostrerebbe di essere veloce e si potrebbe togliere molte soddisfazioni. Ritengo che abbia ancora molto da dare al motociclismo”.

Stando a quanto dichiarato da Francesco Zerbi, è indiscutibile lo strapotere decisionale della Honda nel motociclismo mondiale…. Biaggi potrà piacere o non piacere, ma nessuno a mio avviso, ne tanto meno la Honda, ha il diritto di escludere un pilota come Max dalla MotoGP solo a fronte di alcune dichiarazioni che per di più sono venute dopo l’ennesimo weekend travagliato privo di risultati. Mi sta bene, lo capisco e lo accetto, che abbiano negato a Max la propria moto per la prossima stagione, ma “fare pressioni” affinchè Max venisse escluso dalla MotoGP non lo accetto! Ma non lo accetto non perchè tifo Max Biaggi ma come semplice appassionato del motociclismo.

Carmelo Ezpelata, in una lunga intervista, al Corriere dello Sport, ripresa oggi da GPone, ha rivelato come molto importanti: “Un pilota come lui – dice Ezpeleta riferendosi al fuoriclasse romano – non può gareggiare per arrivare quindicesimo. E’ meglio che si ritiri”.
“Sì, non mi sarei mai immaginato una cosa simile, all’inizio dell’anno. Devo dire che, in questa storia ognuno ha le sue responsabilità: Biaggi è un pilota meraviglioso, ma a volte parla troppo; Sito, dal canto suo, se avesse accettato a Motegi le proposte della Camel, ora non sarebbe in questo guaio. Non ha fatto il suo lavoro bene al 100%. Le persone, comunque, vanno prese nella loro interezza: non posso separare Max dal suo modo di essere, né Sito dal suo”.
Facendo poi riferimento alla situazione Bridgestone ha rivelato particolari inediti e mai emersi fino ad oggi : “La Bridgestone ha un problema di produzione, ed è un problema reale che nulla a che vedere con Biaggi. Già nel 2004 io avevo provato ad intercedere per il team di Roberts senior, e prima che scoppiasse il caso di Max avevo mandato loro una lettera per chiedergli un impegno maggiore. Già, perchè prima della Kawasaki, c’era stata la richiesta di Tamada e poi quella del team D’Antin. Non ho ancora ricevuto risposta”.
A questo punto, le speranze di vedere Biaggi al via delle MotoGP 2006 si riducono ogni giorno sempre più sino a scomparire.

I Video di Motoblog

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →