WSBK, Davide Giugliano: "Penso di essere pronto per il primo round"

WSBK 2013 - Aprilia Althea Racing - Test Phillip Island 2013

Le precarie condizioni meteo della mattinata hanno condizionato l'ultima giornata di test SBK a Phillip Island, ma Davide Giugliano è stato uno dei pochi piloti che si è avventurato in pista anche prima della pausa pranzo. Purtroppo, prima che la sessione del pomeriggio avesse inizio, il 23enne alfiere del team Aprilia Althea Racing è stato colpito da febbre e dolori allo stomaco che lo hanno costretto a ricorrere all'aiuto della Clinica Mobile. Le sue condizioni sono poi migliorate a tal punto da consentirgli di scendere in pista anche nel pomeriggio.

Nonostante le imperfette condizioni fisiche, il talentuoso pilota romano è riuscito comunque a far registrare un positivo 1:31.640 che lo ha posizionato al 7° posto nella classifica dei tempi di giornata. Ora Giugliano potrà godersi un paio di giorni di riposo prima di affrontare di scendere di nuovo in pista venerdì mattina per la prima sessione di prove libere per il GP di Australia. Questo il suo commento al termine della sessione odierna:

“Ad un’ora dall’inizio dell’ultima sessione di prove avevo quasi 38° di febbre e quindi sono contento di aver disputato le prove e di aver fatto segnare un buon tempo. Abbiamo lavorato molto e bene e penso di essere pronto per il primo round del mondiale Superbike. Resta l’incognita delle gomme che potremo utilizzare nel weekend in quanto non sappiamo quali temperature troveremo."

WSBK 2013 - Aprilia Althea Racing - Test Phillip Island 2013
WSBK 2013 - Aprilia Althea Racing - Test Phillip Island 2013

Giugliano comunque si è detto soddisfatto dei risultati ottenuti con la RSV4, moto nuova sia per lui che per il team:

"Per quanto riguarda la moto sono soddisfatto del livello raggiunto anche se abbiamo ancora alcuni aspetti che pensiamo di poter migliorare. Non sono contento del mio settimo posto odierno perché non è una posizione consona al valore del nostro team, ma abbiamo pensato più a lavorare sulla moto che non a cercare il tempo sul giro”.

Queste invece le considerazioni post-test di Genesio Bevilacqua, numero uno di Althea Racing:

“Considerando le precarie condizioni fisiche di Davide, debilitato dalla febbre, non possiamo che essere soddisfatti di come sono andati i nostri test. Il nostro obiettivo era quello di capire il comportamento delle gomme e non è stato facile vista la differenza di temperature tra ieri e oggi. In questi due giorni abbiamo visto che il divario tra i piloti delle prime posizioni è veramente minimo ma alla luce dei risultati che abbiamo ottenuto noi ci possiamo ritenere soddisfatti. Abbiamo raccolto tutti i dati che ci consentiranno di iniziare al meglio il prossimo weekend di gara. Siamo pronti e fiduciosi”.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: