NASA Motorcycle Concept by Andrew Fabishevskiy

Un’interessante concept grafico dalla Russia che ipotizza una moto in grado di muoversi in territori letteralmente alieni, sfruttando la trazione integrale

In osservanza dell’alta missione a loro assegnata, la NASA e le altre agenzie aerospaziali del mondo sono sempre al lavoro su idee e progetti mirati a futuribili insediamenti dell’umanità lontano dalla “Madre Terra”, motivo per cui l’idea di una “motocicletta spaziale” come quella ipotizzata dal designer russo Andrew Fabishevskiy potrebbe anche non essere poi così “campata per aria”.

Qualche anno fa avevamo già parlato di un effettivo progetto NASA riguardo a un motociclo lunare, studiato tra gli anni ’60 e ’70 nell’epoca d’oro delle missioni Apollo, ma la visione di Fabishevskiy, seppur esteticamente ispirata a quell’epopea, è molto più al passo con i tempi: si tratterebbe infatti di una moto elettrica estremamente semplice e leggera, pensata per i rigori di condizioni “extra-terrestri” senza atmosfera e dalla gravità variabile.

Il suo telaio è infatti un semplice traliccio che apparentemente ingloba il pacchetto batteria in un materiale riflettente, simile al mylar visto sugli originali lander lunari. Il veicolo sarebbe inoltre a trazione integrale, in quanto prevedrebbe la presenza un motore elettrico sui mozzi di entrambe le enormi ruote “all-terrain”, e dovrebbe essere pure in grado di ospitare anche due … astronauti (presumendo però delle tute spaziali molto meno ingombranti).

Trattandosi del puro concept grafico di un mezzo tutt’altro che convenzionale, questa NASA Motorcycle Concept si concede diverse e comprensibili “licenze poetiche” (la sella sembrerebbe essere composta da tre semplici strips sopra ad una misteriosa sfera dorata, non si vedono pedane etc …), ma rimane tuttavia un’idea intrigante per la quale il buon Fabishevskiy merita certamente il nostro plauso (cliccate qui per vedere il suo profilo su Behance). Speriamo solo che Elon Mask abbia preso nota…

Ultime notizie su Curiosità

Curiosità

Tutto su Curiosità →