BMW R 1200 R MY 2015: la roadster ringiovanita

"Ringiovanita" sembra essere la parola più azzeccata! Si perché la nuova R 1200 R 2015 ha abbandonato le forme classiche di un tempo per lasciarsi andare ad un dinamismo delle forme e della tecnica che rilancia con tantissimo carattere un classico del marchio bavarese.

BMW R 1200 R MY 2015: la roadster ringiovanita

Sono state tante e abbastanza importanti le novità per il 2015 presentate prima e durante il Salone EICMA Milano 2014. Tra le moto che aspettavamo con ansia di provare, c'era la rinnovata BMW R 1200 R 2015, la roadster bavarese che lascia le forme classiche e tradizionali di un modello nato all'inizio degli anni '90 per dare spazio ad un dinamismo generale che la "ringiovanisce".

Passano gli anni, più di 20, e oggi il MY 2015 della R 1200 R sembra voler rivolgersi ad un pubblico "più giovane" rispetto all'età media degli acquirenti dei passati modelli. Colpisce infatti il suo design completamente rinnovato, con un nuovo faro dalla forma inedita, nervature che scolpiscono le linee del serbatoio, una colorazione sportiva e una dotazione tecnica che non ha nulla da invidiare alle sorelle più muscolose della famiglia dell'Elica.

Alla base troviamo il bicilindrico boxer da 1170 cc raffreddato a liquido di ultima generazione, lo stesso che adottano le R 1200 GS ed RT, un propulsore capace di adattarsi egregiamente ad ogni tipologia di moto grazie ad una coppia e ad un carattere semplicemente straordinari. C'è poi la dotazione elettronica, fiore all'occhiello della casa bavarese. E' possibile arricchire la R 1200 R con il pacchetto di sospensioni dinamiche ESA, il cruise-control, l'ASC e tante altre "diavolerie" che tanto piacciono ai clienti BMW.

Tre le versioni disponibili, Base-Sport-Exclusive Sport, e un'ampia gamma di accessori che rendono questa nuova roadster una moto capace di adattarsi sia alla guida più sportiva che ai piacevoli viaggi in coppia con bagagli al seguito. Il prezzo è fissato a 13.950 euro per la versione, cifra che comprende il primo tagliando e i sistemi ABS e ASC. La versione Sport (telaio rosso e colorazione bianca/rossa) verrà venduta aggiungendo 420 euro al prezzo base, mentre ci vogliono 14.250 euro per la versione più classica Exclusive Sport.

La Guida: tanta coppia e precisione

BMW R 1200 R MY 2015: la roadster ringiovanita

"Non può piovere per sempre". E' quello che mi sono ripetuto in testa la mattina appena sveglio ad Alicante, Spagna, quando ho cominciato ad indossare l'attrezzatura (impermeabile) prima di scendere nel piazzale e montare sulla nuova R 1200 R 2015. Una settimana di beltempo è stata spezzata da una fastidiosissima giornata di pioggia che ci ha accompagnato lungo tutto il test in sella alla nuova roadster bavarese.

Con il morale grigio quasi come il cielo, abbasso la visiera tempestata di goccioline e mi accomodo sulla bella R 1200 R Sport. Le sue linee attuali e dinamiche mi lasciano immaginare con quale grazia questa moto sia in grado di accompagnarmi tra le curve. La seduta è davvero comoda: scelgo la sella più alta (optional) per mantenere una posizione di guida più reattiva e adatta alle mie esigenze. Il manubrio è largo il giusto e lascia caricare bene l'anteriore. Non troppo alte le pedane, vicine ai due cilindri facili da colpire dolorosamente con lo stinco durante le manovre da fermi.

Dopo aver settato il riding-mode "Rain" e aver preso confidenza con strumentazione e comandi, parto per il test lungo le meravigliose strade che si intersecano per le aride colline della Costa Bianca. Conosco fin troppo bene il boxer raffreddato a liquido, che si è lasciato apprezzare sulla R 1200 GS e sulla R 1200 RT. Ma non ho dubbi: il propulsore bavarese mi stupirà anche questa volta perché è una macchina versatile e appagante, capace di adattarsi al meglio a qualsiasi tipologia di moto.

Anche su questa nuova roadster dunque, la scelta del boxer sembra davvero azzeccata. La moto risponde benissimo ai 125 Nm di coppia scaricati a terra con vigore, anche nella modalità "Rain", la più sicura. Non si scompone sul bagnato quando si spalanca il gas e, anche se fosse, l'elettronica agisce immediatamente riportando il posteriore al suo posto con dolcezza.

La prima parte del test ci obbliga a passare in periferia, tra semafori e rotonde, prima di mettere le ruote nell'entroterra della Costa Bianca. Agile e reattiva nei movimenti, anche se il fondo è viscido, la R 1200 R trasmette sicurezza e stabilità, merito anche delle Metzler calzate per l'occasione. Il cambio è fluido e preciso, e non soffre dello stress delle eccessive cambiate (difetto rilevato sulle GS ed RT in precedenza).

Si arriva nel bel misto stretto spagnolo, ma purtroppo non posso pronunciare sotto il casco il classico "Finalmente!". La pioggia mi impedisce di divertirmi come voglio, e mi obbliga a rimanere concentratissimo per non esagerare e rimanere in traiettoria. Fortunatamente, dopo pochi chilometri e dopo aver capito "come funziona" la R 1200 R, mi lascio andare e apprezzo il carattere docile e rassicurante di questa nuova roadster rimanendo stupito dalla semplicità con la quale si lascia guidare e dalla sicurezza che trasmette anche in condizioni di intensa pioggia e fondo viscido.

Ingresso, percorrenza ed uscita di curva sono manovre che vengono eseguite rapidamente e con movimenti fluidi e precisi. In uscita, esagerando col gas, il posteriore scoda solo se si tocca la linea bianca che divide le carreggiate. Per il resto, la moto rimane stabile e segue chirurgicamente la traiettoria impostata. Potente e modulabile la frenata, anche sul bagnato, dove l'ABS entra in funzione dolcemente solo se strettamente necessario.

E' proprio qui che si nota la grande differenza rispetto alla precedente versione: l'assenza del classico Telelever nella sospensione anteriore ha cambiato nettamente il comportamento della R 1200 R. La nuova forcella telescopica è più intuitiva, precisa e reattiva rispetto al tradizionale sistema adottato su gran parte dei modelli BMW. Mentre sul posteriore, il validissimo Paralever, è in grado di copiare a dovere le sollecitazioni provenienti dall'asfalto.

Dopo circa 70 km, dalle nuvole fa capolino un improvviso sole, mentre una leggera brezza allontana il fronte temporalesco che insisteva sulla mia testa e comincia (con l'aiuto del sole) ad asciugare l'asfalto. Una manna dal cielo! Finalmente la R 1200 R comincia a sgranchirsi e ci invita a fare altrettanto lasciandosi mettere alla prova.

Si cambia riding-mode, adesso andiamo su Road, una mappatura che si adatta a qualsiasi condizioni di guida lasciando la moto libera di esprimere maggiore dinamicità. La spinta in basso si fa più vigorosa ma rimane pur sempre dolce e appagante. Dopo una dozzina di chilometri troviamo finalmente tratti d'asfalto asciutto. La voglia di spalancare il gas e piegare la moto verso l'interno curva è irrefrenabile ma non posso esagerare.

Cambio ancora riding-mode, "switcho" su Dynamic (optional) lasciando comunque il riding-mode del mio polso destro in modalità Rain. Il bicilindrico da 1170 cc si sfoga in uscita sbriciolando rapidamente i 125 Cv sull'asfalto semi asciutto. Dal manubrio trapela subito la sportività che difficilmente si nasconde dietro una roadster del genere. Appagante e fluido il cambio, qui dotato del sistema elettro assistito BMW Pro, che consente di cambiare tenendo il gas spalancato. Fulmineo il cambio marcia, che garantisce un'accelerazione repentina ed omogenea.

Tutto combacia alla perfezione: il telaio, le sospensioni, l'elettronica ed il motore lavorano in perfetta simbiosi e regalano il vero piacere di guida di una roadster anche quando le condizioni meteo e l'asfalto sono sfavorevoli. Modifico leggermente il mio stile di guida cercando di avvicinarmi a movimenti più repentini e veloci, sempre mantenendo la dovuta concentrazione per evitare dolorosi sbagli. La moto risponde bene facendosi più reattiva, anche se le pedane bagnate non garantiscono sempre il giusto grip.

Non mi aspettavo di divertirmi nonostante la pioggia e il freddo, eppure la R 1200 R mi ha saputo accontentare regalandomi belle emozioni e facendomi capire che è capace di affrontare a testa alta anche l'asfalto bagnato grazie ad un perfetto mix di componenti e sovrastrutture. Una cosa è certa: ci rivedremo presto con la R 1200 R 2015 perché merita di essere testata a dovere in condizioni ottimali, pertanto...Rimanete con noi!

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 191 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO