TEST: Faccia a faccia con la KTM RC8 1190 R Track

Test KTM RC8 1190 R Track

Dopo aver pubblicato il Test della KTM RC8 1190 R Track, rispondiamo alle domande che ci avete fatto nel post Live da Valencia. Ecco le risposte redatte con la preziosissima e collaborazione di Mario Lega, tester d’eccezione per questa prova.

Brigio80: Allora, visto che mi incuriosisce come moto vorrei sapere: 1- erogazione, 2- sensazione in entrata di curva e risposta dei freni, 3- posizione in sella (in base all altezza del tester), 4- calore e vibrazione trasmessi dal motore e dallo scarico, 5- leggibilità della strumentazione, 6- risposta delle sospensioni
Motoblog: Erogazione lineare e dolcissima per un bicilindrico. Sensazione in entrata di curva e risposta dei freni: avantreno incollato, precisa e stabile, freni Brembo efficacissimi. Posizione in sella (in base all altezza del tester) comoda non esasperata ottima anche per un pilota alto 1,80m. Calore e vibrazione trasmessi dal motore e dallo scarico vibrazioni quasi assenti, calore inesistente in pista, scarico posizionato in basso e quindi ininfluente. Leggibilità della strumentazione elevata seppure adotti una strumentazione spartana, quello che c'è si legge bene. Risposta delle sospensioni ottima, grande qualità e setting perfetto, non siamo dovuti intervenire ma sono pluriregolabili, è poi presente un eccentrico sul leveraggio del mono maggiorato, per cambiare l'altezza del posteriore tra strada e pista.

Crai: Vorrei sapere se l’hanno raffinata un po’, perché un anno e mezzo fa ho provato la versione base (non R) e mi ha sconvolto per le vibrazioni devastanti. Inoltre il motore aveva un’erogazione troppo appuntita, strappava troppo ai bassi e aveva il minimo troppo alto (2000 giri, col risultato che spingeva in ingresso curva a gas chiuso)…
Motoblog: Migliorata moltissimo, assenza totale di vibrazioni, tolto il fastidioso on-off, ora gestibile dal comando del gas con una facilità incredibile, il minimo era normale (forse era regolato male quello che hai testato tu) faranno dei demo ride: partecipa rimarrai stupito.

Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track

Lazia: Impenna?
Motoblog: Si, ovviamente si impenna perchè ha una buona coppia, ma in pista non serve a molto impennare. Al di la del piacere ludico, in uscita di curva se non si cerca di sollevare l’anteriore sfrizionando la ruota resta ben incollata a terra e mantiene direzionalità anche scaricando a terra il massimo della potenza.

Reo 85: Vorrei sapere cosa aspetta ktm a buttarsi nel giro del mondiale superstock ed sbk
Motoblog: Stanno lavorando per entrare, ma fanno la politica dei piccoli passi per non fare brutte figure: però arriveranno a breve.

M749: La posizione in sella si avvicina più a quella ducati o ad una jap? che differenza c’è come posizione in sella con la stradale? La differenza di peso tra le due versioni è così avvertibile? l’ erogazione della versione libera è così diversa da quella stradale? (la stock di due anni fa con l’impianto di scarico libero perdeva cavalli rispetto alla stradale)
Motoblog: La posizione di guida è molto simile a quella di una KTM, nel senso che è diversa sia dalle japponesi (che tra loro non si somigliano poi molto) sia da una Ducati. Probabilmente la sella molto avanzata e il forcellone lungo regalano una posizione molto avanzata del pilota quindi simile alle più moderne giapponesi come Honda e altre. Però la posizione è meno stradale e più racing, sella relativamente dura seppure con i manubri abbastanza aperti. Rispetto alla versione standard (non alla stradale perché anche questo modello è stradale) le differenze sono in parte nel motore e in parte nella ciclistica, migliora l’allungo e la maneggevolezza.

Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track
Test KTM RC8 1190 R Track

Crisgas: Ma quella dove si vede mario lega non è la TRACK. La track non è omologata per la strada a differenza della R …..o sbaglio?
Motoblog: Giusto la track non è omologata per strada, invece la R è perfettamente omologata per uso stradale. Le principali differenze della versione Track sono: Motore Performance 180 PS, scarico Akrapovic EVO, guarnizione testate più sottile, mappatura Race, filtro aria Race, Sospensioni WP Racing, cambio elettronico quickshifter. Poi ancora Racing wiring harness, complete race cladding, pedane regolabili KTM PowerParts, semi manubri ricavati dal pieno KTM PowerParts, seduta Racing, pastiglie freno Racing, catena di trasmissione racing con corona posterior in alluminio. Serbatoio benzina KTM PowerParts racing, cavalleto posteriore KTM PowerParts, protezione talerali per il telaio e anti caduta KTM PowerParts, pneumatici Slick tires da 17 pollici, carenatura bianca con portanumero arancione.

The emperor: Io vorrei sapere se la versione stock ha senso solo per chi vuole correre o se potrebbe andare bene x il semplice appassionato che vuole una già pronto pista senza quindi spendere soldi per carene, scarichi, ciclistica e cose varie.
Motoblog: Questa moto è ideale per il semplice appassionato, anche poco esperto, trova una moto pronto pista divertentissima e facile e intuitiva. E nasce esattamente per chi vuole evitare di allestire una moto pronto pista spendendo soldi aggiuntivi a quelli del modello stradale, pagando componenti che poi non utilizza o deve sostituire e che non vuole avventurarsi nell’incognita della messa a punto finale di una moto che non è facile da regolare al meglio. Perché variando pesi altezze e rigidezza delle sospensioni molto spesso le moto preparate da pista perdono il loro equilibrio ciclistico che alla fine le rende meno efficaci di quelle di serie nell’uso in circuito (come ci è capitato più volte di verificare testando numerose moto preparate).

Winerider: Premesso che sono possessore, stracontento, di una RC8 del 2008, vorrei sapere quali differenze ci sono fra la R e la Track. L’anno scorso al Mugello ho provato la R e le differenze riscontrate con la mia erano sulla ciclistica, ovvero non ho avvertito quei 15 cv in più che doveva avere, ma grazie ai cerchi in magnesio e all’impianto frenante più affinato entravo e uscivo dalla curva molto più rapidamente. 1. La versione track, che ho visto anche con frecce e targa, cosa comprende (come dotazione)? Forcella, mono, scarico, centralina… Che gomme monta? Sempre Pirelli? Quali? Non ho visto altre modifiche sostanziali (telaio, carene e montaggio/ regolazione poggiapiedi mi sembrano come prima), ce n’è?; 2. L’erogazione del motore è sempre lineare?; 3. Effetto on-off
Motoblog: Ci sono vari kit da affiancare alla track a seconda del pacchetto che si sceglie alla configurazione finale che si vuole raggiungere (e ovviamente anche al budget che si ha a disposizione). Si parte con il pacchetto Club € 3.240(che comprende scarico Akrapovic e centralina evo 4 ), si passa poi al Super Stock €3.240 (senza Akrapovic), il pacchetto SBK è proposto a €9.600 e include anche le modifiche al motore unite a quelle alla ciclistica. Per la scelta dei pneumatici attualmente utilizzano coperture Dunlop (che sulla versione Track diventano slick), sulla versione da pista viene utilizzato anche un eccentrico per la regolazione del link del mono posteriore più grande, passa infatti da 4mm a 8 mm.

L’ammortizzatore posteriore invece viene modificato con l’adozione di una nuova valvola interna per alte e basse velocità, mentre la molla diventa più morbida passato dal diametro 9,5 a 8,5. Pure la forcella ha molle più morbide (a tal proposito è utile ricordare come tutte le informazioni per settaggio ottimale delle sospensioni siano già pronte e posizionate sotto la sella). L’erogazione infine è molto lineare anzi molto migliorata, con un effetto on-off totalmente assente.
La versione Clb Race invece comprende in dettaglio: scarico in titanio Akrapovic Evo 4, guarnizione testata ribassata, attrezzi per la diversa fasatura dell'albero a camme, infine durante il montaggio, il concessionario installa anche una nuova mappatura della centralina, dedicata per questo Kit.
Vi ricordiamo infine che con tutti i kit si perde l'omologazione su strada naturalmente.

The emperor: Io non credo che la rc8 sia talmente poco competitiva rispetto le rivali, penso che sia la mancanza di un team valido (se batta lascia suzuki potrebbe essere il team ideale per entrare in sbk)e tanti soldi che servono per fare un team competitivo che li freni dall’ entrare in sbk, visto quanto sono specialistiche e lontane dalla serie ora le sbk
Motoblog: Non sei lontano dalla verità, per ora vogliono accumulare esperienza, e per il futuro la loro intenzione è di provarci.

dirtsayeah: volevo sapere quali sono le differenze più evidenti tra la ktm rc8r e la sua rivale bicilindrica 1198sp o 1198s
Motoblog: Non sono differenze grandissime, certo non ha la castagna della Ducati, però ha una buona coppia e un bell'allungo, la maggior differenza è che la KTM è molto più facile intuitiva, non stanca anche dopo diversi minuti in pista, ha una guida anche più confortevole di Ducati, appare meno impegnativa e si può andare veloci senza un eccessivo impegno fisico. Il motore KTM ha un comportamento diverso dal Ducati, un tempo vibrava un po’ di più del bicilindrico ad L (ma ora tale aspetto è stato migliorato), ma la disposizione a V e il cambio spostato in alto consentono di realizzare una ciclistica diversa, un motore più raccolto e un forcellone più lungo.

Gen 55: Perchè è così brutta?
Motoblog: Non è affatto brutta, è si spigolosa (Teutonica) ma filante, ha una sua personalità, nell’estetica non ha ripreso le linee stilistiche Japponesi come fatto invece dalla più potente cugina BMW.

Aigor: Si sente la mancanza del traction control
Motoblog: No, perchè l'erogazione è molto lineare e progressiva, però stanno studiando con la Marelli un'elettronica, dedicata solo per le loro esigenze, piuttosto che usarne una già in circolazione. Questo è anche un esempio di serietà!

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: