SBK, Locatelli sul podio ad Assen: “Sensazione incredibile!”

Il bergamasco della Yamaha centra il terzo posto nella Gara-2 olandese: “Sono andato subito in testa, ma alla fine ho dovuto fare i conti con la gomma”

Grande soddisfazione per Andrea Locatelli (Pata Yamaha Brixx) nella Gara-2 della Superbike 2021 ad Assen. Il pilota bergamasco, iridato uscente della Supersport, ha infatti centrato in Olanda il suo primo podio in carriera nella classe regina grazie a un brillante 3° posto in Gara-2, arrivato al termine di una gara da lui condotta in modo esemplare.

La domenica di Assen non era iniziata nel modo migliore per l’italiano, che nella Superpole-Race aveva tagliato il traguardo al 3° posto prima di essere retrocesso di una posizione per aver oltrepassato i limiti dell pista nel corso dell’ultimo giro. Locatelli aveva ricevuto la notizia mentre era già nel parco chiuso, pronto a celebrare quello che sarebbe stato il suo primo podio.

Il “Loca” si è comunque rifatto nella seconda gara della giornata, scattando bene dalla 4a casella dello schieramento e prendendo subito la testa della corsa approfittando anche del patatrac tra i due compagni di marca, Toprak Razgatlioglu e Garret Gerloff.

Locatelli ha condotto la corsa a lungo, ma alle sua spalle era in gran rimonta il Campione del Mondo in carica e leader del Mondiale Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), che riusciva a raggiungerlo e passarlo verso metà gara. Dopo i primi tentativi di mantenere il passo del fuoriclasse britannico, Locatelli ha iniziato ad avere problemi con la gomma posteriore e negli ultimi chilometri della corsa è stato passato anche da Scott Redding (Aruba.it Ducati), che si è aggiudicato la seconda piazza.

Ad ogni modo, Andrea Locatelli è riuscito a ottenere probabilmente il massimo dalla corsa, arrivando alla fine a festeggiare una nuova pietra miliare della sua carriera. E dopo quanto precedentemente successo nella Superpole-Race, la sua soddisfazione è ancora più grande:

“Ho dimenticato subito la situazione di questa mattina perché avevo un’altra possibilità di correre oggi e devi rimanere concentrato per ottenere il massimo quando sei in grado di farlo. Sono davvero contento perché abbiamo ottenuto il nostro primo podio, per giunta in una gara lunga, è davvero una sensazione incredibile!”

“Nella Superpole-Race bisogna spingere al massimo, ma è stato un vero peccato fare quel piccolo errore con i limiti della pista: erano solo pochi millimetri! Poi in Gara-2 sono andato subito in testa e sono riuscito a tenere un buon ritmo, ma alla fine ho dovuto faticare molto con la gomma posteriore più morbida.”

Il risultato di Assen sembra inoltre aver certificato la sua maturazione definitiva in Superbike, anche in virtù di un feeling con la sua Yamaha YZF-R1 che pare ormai essere consolidato:

“Con le condizioni di oggi e di ieri, con un po’ di sole, abbiamo potuto spingere in tutte le sessioni ed io ho imparato qualcosa ad ogni uscita: siamo migliorati, ora siamo più veloci e sono pure riuscito ad andare in testa! Siamo stati vicini ai primi per tutto il weekend e ne sono molto felice anche per la mia squadra.”

“Lavoriamo bene insieme e non facciamo errori, e anche la R1 sta andando alla grande. È sempre bello correre qui ad Assen e presto avremo un’altra possibilità per continuare su questo percorso, provando a ottenere altri podi!”

Ultime notizie su Superbike

Cronaca, live timing e live blogging della gare Campionato Mondiale Motul FIM Superbike 2019 riservato alle moto derivate dalla serie. Superbike 2019 - calendario 1- Australia – Phillip Island Grand Prix [...]

Tutto su Superbike →