Nuova Yamaha R7, la prova su strada e in pista (VIDEO)

Semplice, divertente e leggera. È la sportiva per i giovani piloti ma anche un esperto con lei può allenarsi e divertirsi

La nuova Yamaha R7 rappresenta un nuovo modo di pensare alle supersportive, creata per attirare un pubblico più giovane e realizzata per far provare alle nuove generazioni di piloti il brivido di una R-Series. È un nuovo concetto di moto e non rimpiazza nessun modello esistente; si posiziona a metà tra la R3 e la R6. È estremamente semplice ma per nulla basica. È facile, agile e molto divertente. Noi l’abbiamo provata per voi su strada e sul circuito di Andalucia, alla ricerca di pregi e difetti.

1

Nuova Yamaha R7, com’è fatta

Ha un design molto ricercato, che richiama quello tipico delle R-Series. Sposa le linee delle sorelle maggiori, mostrando grinta e personalità. Sfoggia un gruppo ottico “twin eye” con fari a LED e il sistema di aspirazione dell’aria a forma di M, nello stile della YZR-M1 MotoGP, oltre a una nuova strumentazione LCD con un display in modalità negativa ad alto contrasto. È spinta dal già noto bicilindrico CP2 Euro5 da 689 cc da 73,4 cv a 8750 giri/min e 67 Nm a 6.500 giri/min. Le modifiche dedicate al motore CP2 includono una nuova ECU, condotti di aspirazione ottimizzati, design dello scarico rivisto ed un nuovo setting iniezione del carburante.

Inoltre, sulla R7 – disponibile anche in configurazione per patente A2 – troviamo un rapporto di trasmissione più corto. La ciclistica prevede un telaio backbone in acciaio, con supporto centrale in alluminio, una nuova forcella KYB da 41 mm regolabile in compressione ed estensione, e un mono KYB regolabile. Infine, l’impianto frenante si avvale di un doppio disco anteriore da 298 mm con pompa e pinza radiale Brembo a quattro pistoncini. Per un peso complessivo in ordine di marcia di soli 188 kg: è la R-Series più snella di sempre.

Nuova Yamaha R7: come va

La nuova Yamaha R7 è una sportiva vera, a tutti gli effetti, pensata sia per la strada che per la pista. Personalmente è soprattutto tra i cordoli che l’ho trovata perfetta, nonostante non abbia grandi potenze da esprimere. Perché è precisa, equilibrata, agilissima e molto stabile al tempo stesso. Ha una ciclistica semplice ma estremamente efficace, molto ben tarata, anche quando si prova ad alzare il ritmo. E poi niente elettronica, mappe, regolazioni da gestire: tutto è nel polso del pilota, come i vecchi tempi.

D’altronde l’erogazione del bicilindrico non è mai brusca, è corposa ai medi e non spaventa chi ha poca esperienza e vuole avvicinarsi alla pista; in opzione c’è anche il cambio elettronico (funziona solo in salita), per passaggi da un rapporto all’altro più rapidi. La posizione di guida è da sportiva, si sta con il busto inclinato e il peso caricato sui polsi. I semimanubri sono bassi e piuttosto chiusi, al punto da renderla a mio avviso, come anticipato, più bella in pista che su strada, dove pure si comporta benissimo, in tutte le situazioni, ma magari alla lunga può stancare.

Non ho riscontrato particolari difetti, ma avrei preferito una risposta più decisa del freno anteriore, che va un po’ strizzato. A chi pensa che 73 CV siano troppo pochi, dico che il rapporto peso/potenza è ottimo e che in sella si percepisce sicuramente qualche cavallo in più. Poi è chiaro che siamo di fronte a una moto pensata soprattutto per chi vuole crescere e imparare. Ciononostante vi assicuro però che anche un esperto (più o meno veloce che sia) con a R7 può divertirsi tanto e soprattutto più allenarsi senza sottoporre il fisico ad uno stress eccessivo.

Nuova Yamaha R7: colori, prezzo e disponibilità

La nuova Yamaha R7 sarà disponibile in due nuove colorazioni: Icon Blue e Yamaha Black. Le consegne ai concessionari Yamaha inizieranno a partire da novembre 2021, con un prezzo d’attacco molto competitivo pari a 8.999 euro f.c.. Inoltre, Yamaha offre una vasta gamma di Accessori Originali che comprende una linea di prodotti performanti, protettivi ed estetici progettati sia per i piloti da circuito che a quelli orientati alla strada. La linea sport è destinata ai piloti che desiderano prestazioni extra e include un sistema di scarico in titanio Akrapovic oltre al Quick Shift System, alle protezioni motore ed altri componenti. Per il pilota che oltre alla prestazioni è attento alla estetica, Yamaha ha studiato anche dei componenti di design come porta targa, indicatori di direzione a LED, protezioni serbatoio oltre a una vasta gamma di articoli ricavati dal pieno per la personalizzazione della moto.

 

 

 

Ultime notizie su Yamaha

News e anteprime delle moto Yamaha. XJ6, R6, R1, FZ8, Super Ténéré 1200 e tutti i modelli storici, collezionismo, foto spia, concept, prezzi, prestazioni, schede tecniche, prove su strada, presentazioni, commenti e anteprime.

Tutto su Yamaha →