Rea sul podio in Australia: "Giornata positiva"

Il Campione del Mondo della Superbike chiude il weekend di Phillip Island con la vittoria nella Superpole Race e un 2° posto in Gara-2.

Dopo un sabato per lui piuttosto avaro di soddisfazioni, culminato con un mesto "zero" alla voce punti raccolti in Gara-1, il Campione del Mondo Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) si è parzialmente rifatto nella domenica della Superbike a Phillip Island centrando una bella vittoria nella Superpole Race mattutina, raggiunta grazie a un meraviglioso sorpasso finale ai danni di Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha), e un bel 2° posto in Gara-2, vinta dal compagno di box Alex Lowes per soli 37 millesimi.

Il fuoriclasse nord-irlandese della Kawasaki, comprensibilmente, non è del tutto soddisfatto del bilancio complessivo della sua trasferta in Australia, ma i risultati di oggi hanno certamente "messo una pezza" alla debacle di ieri, piazzandolo 4° nella classifica generale a quota 32 punti e con 19 lunghezze da recuperare proprio a Lowes, primo leader del campionato.

Commentando la sua giornata di lavoro in quel di Phillip Island, l'asso britannico ha sottolineato la sua particolare voglia di riscatto dopo quanto accaduto in Gara-1, che ha sfogato subito nella Superpole Race:

"Sono partito bene nella Superpole-Race, ho semplicemente abbassato la testa e dato il massimo. Sembrava che sarei davvero riuscito a dettare il ritmo nei pochi giri da percorrere, ma Toprak mi faceva sempre vedere la sua ruota anteriore, quindi sapevo bene che era subito lì dietro."

"All'ultimo giro, mi sono buttato con la moto su una traiettoria più interna perché sapevo di avere un po' più di trazione di lui, e così ho vinto! Volevo davvero vincere quella gara per dedicarla alla mia famiglia, e mi sarebbe piaciuto rifarlo in Gara-2, ma quest'ultima, alla fine, è stata una gara molto strana."

Il successo solo sfiorato in Gara-2 non ha comunque intaccato la fiducia di Rea nella sua Kawasaki ZX-10RR, da cui si attende conferme già nel prossimo round in Qatar del 13-15 Marzo (clicca qui per il calendario completo):

"Sabato non sono riuscito a completare i 22 giri di Gara-1 e per questo non ero sicuro di come si sarebbe comportata la moto sulla distanza di gara, senza contare che la temperatura della pista oggi è arrivata a 45°C. Nessuno sembrava voler fare il lavoro sporco e dettare il passo, così ho tentato di imporre il mio ritmo per provare a dare uno strappo a 5 giri dalla fine, ma già dopo il primo di questi ho notato un brutto calo della gomma."

"Alex quindi mi ha passato creando un piccolo margine... io sono riuscito a stargli vicino fino all'ultimo giro, ma quello che avevo non è stato sufficiente per tagliare per primo la linea del traguardo. Ora non ci resta che andare ​​in Qatar e vedere come andranno lì le cose, ma ieri eravamo in ritardo di 25 punti e oggi siamo a 19 punti dalla vetta, quindi direi che, tutto sommato, dopo quanto successo ieri, questa è stata una giornata positiva per noi."

  • shares
  • Mail