Test SBK Australia: Razgatlioglu lepre nel Day-1

L'asso turco della Yamaha precede Sykes, Baz e Rea nella giornata inaugurale del test SBK a Phillip Island. Honda meglio della Ducati.

La prima giornata di test della Superbike a Phillip Island ha visto splendere di nuovo la stella di Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha), già dominatore della precedente tornata di collaudi a Portimao e in grande forma anche sul particolare layout del tracciato australiano, che nel weekend ospiterà il primo round stagionale del massimo campionato per "derivate dalla serie".

Mettendo a referto il crono di 1:30.740, il veloce pilota turco ha preceduto il britannico Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK), distanziato di soli 22 millesimi, e il sempre arrembante francese Loris Baz (Ten Kate Yamaha), staccato di 15 millesimi da Sykes e di 37 da lui con una YZF-R1 "satellite".

Il Campione del Mondo in carica Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha lavorato principalmente su assetto e gomme, mettendo in mostra un grande passo prima di chiudere la giornata con il quarto tempo, a 2 decimi e mezzo dal best lap ma davanti alla miglior Honda di Leon Haslam (Team HRC, +0.456), presentata ufficialmente giusto alla vigilia del test australiano, e alla miglior Ducati di Scott Redding (Aruba.it Racing Ducati, +0.496), 4° pilota britannico nei primi 6.

Il miglior italiano del Day-1 australiano è stato Michael Ruben Rinaldi (Team GOELEVEN), 12° a oltre 1"5 da Razgatlioglu e giusto dietro al tedesco a Sandro Cortese (OUTDO Kawasaki TPR), oggi alla sua prima uscita ufficiale in sella alla Ninja 1000 del team Pedercini dopo la firma dell'accordo della scorsa settimana.

L'altro pilota tricolore impegnato in SBK, il rookie Federico Caricasulo (GRT Yamaha WorldSBK), ha invece terminato la giornata al 16° posto della graduatoria tempi, subito dietro all'attesissimo vice-iridato Alvaro Bautista (Team HRC) che l'anno scorso aveva firmato una sontuosa "tripletta" a Phillip Island al suo debutto nel Mondiale.

Da segnalare anche l'incendio scaturito dalla nuova Honda CBR1000RR-R di Takuma Takahashi (MIE Racing Honda), che il giapponese è riuscito a parcheggiare a bordo pista ma che ha comunque portato all'esposizione della bandiera rossa, sospendendo i lavori per alcuni minuti.

SBK 2020 | Test Australia | Risultati Day-1

1 T. RAZGATLIOGLU | TUR | Pata Yamaha 1'30.740
2 T. SYKES | GBR | BMW Motorrad WorldSBK 1'30.762 +0.022
3 L. BAZ | FRA | Ten Kate Racing Yamaha 1'30.777 +0.037
4 J. REA | GBR | Kawasaki Racing Team 1'30.996 +0.256
5 L. HASLAM | GBR | Team HRC 1'31.196 +0.456
6 S. REDDING | GBR | ARUBA.IT Racing - Ducati 1'31.236 +0.496
7 M. VAN DER MARK | NED | Pata Yamaha 1'31.440 +0.700
8 E. LAVERTY | IRL | BMW Motorrad WorldSBK 1'31.585 +0.845
9 A. LOWES | GBR | Kawasaki Racing Team 1'31.665 +0.925
10 C. DAVIES | GBR | ARUBA.IT Racing - Ducati 1'32.113 +1.373
11 S. CORTESE | GER | OUTDO Kawasaki TPR 1'32.264 +1.524
12 M. RINALDI | ITA | Team GOELEVEN Ducati R 1'32.272 +1.532
13 X. FORES | ESP | Kawasaki Puccetti Racing 1'32.487 +1.747
14 M. SCHEIB | CHI | ORELAC Racing VERDNATURA Kawasaki 1'32.498 +1.758
15 A. BAUTISTA | ESP | Team HRC 1'32.541 +1.801
16 F. CARICASULO | ITA | GRT Yamaha WorldSBK 1'32.706 +1.966
17 G. GERLOFF | USA | GRT Yamaha WorldSBK 1'32.829 +2.089
18 L. CAMIER | GBR | Barni Racing Team Ducati 1'33.629 +2.889
19 T. TAKAHASHI | JPN | MIE Racing Honda

  • shares
  • Mail