EICMA 2019: cosa dobbiamo aspettarci?

Quali sono le moto che potrebbero essere svelate in anteprima durante la 77^ Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo in programma a Milano dal 7 al 10 novembre? Scopriamole insieme...

EICMA 2019: cosa dobbiamo aspettarci?

Mentre fervono i preparativi per la 77^ Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo in programma a Milano dal 7 al 10 novembre con le oramai consuete giornate dedicate alla stampa del 5 e del 6 novembre che vedranno come da tradizione la città di Milano diventare il punto di riferimento a livello internazionale dell'industria motociclistica, si rincorrono online rumors e indiscrezioni sulle novità e le anteprime mondiali che caratterizzeranno la tanto attesa kermesse meneghina.

Lo scorso anno la casa di Noale presentò il prototipo dell'Aprilia RS 660, la sportiva di media cilindrata che quest'anno dovrebbe abbandonare le vesti del concept e divenire, finalmente, un modello di serie e secondo i soliti ben informati, potrebbe essere equipaggiata con un bicilindrico capace di erogare ben 100 CV.

Tutto pronto in casa Ducati per il lancio della Streetfighter V4, il bolide tristemente noto dopo il fatale incidente di Carlin Dunne alla Pikes Peak 2019. La Streetfighter V4 dovrebbe essere presentata ufficialmente a Milano, si vocifera possa sprigionare una potenza compresa tra i 180 e i 190 CV. EICMA 2019 potrebbe essere il luogo deputato alla presentazione della Ducati Panigale V2, erede della Panigale 959 con potenza tra i 150 e i 160 CV e un pacchetto elettronico di tutto rispetto. Infine, attesa anche la nuova Multistrada V4 beccata qualche settimana fa sulle strade in fase di collaudo.

KTM presenterà al salone milanese la nuova KTM 390 Adventure, insieme alla KTM 1290 Super Duke R, ma non sono escluse altre sorprese dalla casa di Mattighofen. Yamaha svelerà la nuova versione della bicilindrica, attualmente impegnata in Romania per la realizzazione del nuovo spot pubblicitario, notizia confermata da fonti anonime vicine alla redazione di Motoblog.

Occhi puntati su quella che potrebbe essere la nuova Ninja 1000 ZX-10R. Kawasaki ha puntato tutto sulla SBK e EICMA 2019 potrebbe essere il luogo giusto dove presentare la nuova moto della casa di Akashi, un regalo speciale per Jonathan Rea volto a contrastare la Ducati Panigale V4R.

Suzuki potrebbe svelare la nuova DR Big, ultimamente immaginata dal visionario designer Oberdan Bezzi, che dovrebbe riproporre la meccanica già vista nella versione più stradale della V-Strom 1000, ma con tutte le caratteristiche che l'hanno resa una moto mitica nel panorama enduro ad iniziare dalle ruote tassellate.

Husqvarna potrebbe continuare per la sua strada di completo rinnovamento e dopo le innovative Vit e Svartpilen potrebbe svelare la 801 Adventure, una crossover dalle forme retrò, basata sulla piattaforma della 790 Adventure e alimentata da motore bicilindrico in linea da 799 cc in grado di sviluppare 95 cv a 8.000 giri e 88 Nm di coppia massima.

Il salone meneghino potrebbe essere il palcoscenico privilegiato da Honda per presentare in anteprima mondiale la nuova CRF1100L Africa Twin dotata del possente motore da 1.100 cc e di un serbatoio più capiente. Non solo sarà finalmente la volta dell'attesissima nuova CBR1000RR? Non è dato sapere, mentre quasi sicuramente potrebbe arrivare l'erede della crossover NC 750 X. Lato scooter, il marchio giapponese potrebbe svelare a sorpresa il nuovo X-ADV 300? Staremo a vedere.

Harley-Davidson ha già annunciato la sua gamma 2020 che sarà in bella mostra negli stand della kermesse milanese, ma c'è chi parla dell'arrivo di una nuova maxi enduro con motore bicilindrico da 1.250 cc e pneumatici tassellati, nonché la Bareknuckle e la Pan-America che potrebbero essere esposte in "modalità" concept. Non sono escluse poi altre sorprese sul fronte elettrico dopo la presentazione proprio ad EICMA 2018 della LiveWire, la prima moto a emissioni zero della casa di Milwaukee.

BMW potrebbe approfittare di EICMA per svelare al mondo la nuova BMW F 850 RS che dovrebbe sfoggiare il bicilindrico della linea GS da 853 cc a scoppi irregolari. Ma la casa tedesca potrebbe dar vita ad una nuova custom-cruiser equipaggiata con un nuovo propulsore bicilindrico boxer da ben 1.800 cc raffreddato ad aria per contrastare il dominio di Harley-Davidson nel particolare segmento delle cruiser.

Bocche cucite a Mandello del Lario, ma c'è chi parla già di una possibile sorpresa in casa Moto Guzzi: un ritorno in pompa magna, magari a livello di concept, della mitica Griso, la naked-roadster che potrebbe sfoggiare il bicilindrico della V85.

Infine, la nostra carrellata si conclude, per ora, con MV Agusta che dovrebbe presentare le versioni più "abbordabili" a livello di prezzo delle moto della "Serie Oro" svelate lo scorso anno che dovrebbero chiamarsi Brutale 1000RR e Brutale 1000RC, entrambe con motore da 208 cavalli.

EICMA 2019: cosa dobbiamo aspettarci?

  • shares
  • Mail