BMW F 750 GS: la nostra prova

Non un semplice restyling, ma una moto nuova a tutti gli effetti. BMW scava a fondo, ripercorre i 10 anni di carriera di F700 GS, fa tesoro di tutto quello ne ha decretato il successo e cerca di capire come migliorare una moto già abbastanza matura. Ecco come nasce BMW F 750 GS. 

Non un semplice restyling, ma una moto nuova a tutti gli effetti. BMW scava a fondo, ripercorre i 10 anni di carriera di F 700 GS, fa tesoro di tutto quello ne ha decretato il successo e cerca di capire come migliorare una moto già abbastanza matura. Ecco come nasce BMW F 750 GS.

Arriva un nuovo telaio in acciaio, cresce nella cilindrata e nella dotazione elettronica (adesso è più smart, più connessa) e non ha paura di affrontare i "milloni" più potenti. Non ha più quell'aspetto da sorella "povera" di F 850 GS ma si presenta come una vera e propria declinazione.

La "piccola 750" mette tutti subito a proprio agio; che sia per l'altezza della sella ridotta, per la vocazione prettamente stradale o per la capacità di BMW Motorrad di cogliere sempre nel segno, F750 GS conquista. Conquista fra le curve, in città. Conquista per quella coppia ereditata dalla sorella 850, per quel motore che sembra essere addirittura più fluido e rotondo del precedente. Conquista con il nuovo look che trasmette quella voglia di "apparire grande", di somigliare alla più grande, R1200 GS.

Rispetto a F 850 GS perde la ruota da 21" sull'anteriore, la forcella a steli rovesciati, 18 CV di potenza e circa 2.600 euro sul prezzo di listino. BMW F750 è disponibile nei concessionari al prezzo di 9.950 Euro chiavi in mano. Tre le colorazioni: bianco, giallo e verdone.

Nuova BMW F 750 GS: come è fatta


Solo la sigla GS in comune con il vecchio modello. Ogni singolo bullone è stato rivisto, cambiato e ridisegnato. Le novità partono dal motore: con l'obiettivo di far crescere potenza e coppia, BMW ne ha aumentato la cilindrata: dai 798 cc agli odierni 853 cc con una potenza che passa dai 70 ai 77 CV (57 kw) a 7.500 giri/min.

Nuovo anche l'albero a gomiti che, con lo sfasamento di 90° del supporto e un intervallo di accensione di 270/450° (adesso in linea con i moderni bicilindrici), ha "causato" il cambiamento di sound: non più simil-boxer ma simil-bicilindrico a V. Diminuiscono le vibrazioni grazie alla rivisitazione dei due alberi di equilibratura (percepibili minimamente solo sfiorando il fondo corsa del contagiri). Una frizione anti-saltellamento e auto-registrante richiede una minima applicazione della forza sulla leva e riduce la coppia frenante aumentando la sicurezza in marcia.

Per quanto riguarda il telaio, spariscono i tubi per dare il benvenuto ad una struttura in acciaio perimetrale che avvolge il motore e si abbina alla perfezione con il nuovo forcellone in alluminio. Cambiano così l'inclinazione del cannotto di sterzo e l'interasse in favore di una maggiore stabilità. Nuovo telaio e nuovo motore hanno portato ad un incremento del peso (224 kg), ma vi possiamo assicurare che è impercettibile: la moto è ben bilanciata, la sella bassa e la forma snella.

Strano ma vero, il serbatoio che per anni è stato ospitato dal codone della moto, torna in posizione tradizionale: il risultato è un retrotreno più filante e una migliore ripartizione dei pesi. La forcella, rispetto alla sorella 850 è tradizionale e non a steli rovesciati: il pacchetto Dynamic ESA consente, però, di regolare le sospensioni in base alle diverse condizioni di guida (ma solo del mono).

Giunti al pacchetto elettronico, BMW ci stupisce. La lista di optional compresa nell'allestimento Dynamic è praticamente infinita: ai classici riding mode Rain e Road vanno ad aggiungersi Dynamic ed Enduro, al classico ABS l'ABS Pro, l'ASC diventa DTC e arriva, infine, il cambio elettronico. La piattaforma inerziale è sfruttata perfettamente, gli interventi sono sempre puntuali e non mettono mai in difficoltà il pilota e, in caso di caduta, l’Intelligent Emergency Call, è in grado di effettuare una chiamata d'emergenza valutando la gravità della decelerazione tramite accelerometro.

Seduti in sella si può godere del display TFT a colori da 6,5" capace di interfacciarsi con lo smartphone tramite Bluetooth per avere accesso a notifiche, chiamate e ancora a informazioni aggiuntive sulla moto. Keyless l'avviamento e full-led il nuovo impianto fanali.

Nuova BMW F 750 GS: come va


Come va ve lo abbiamo già accennato dopo il nostro primo contatto (giugno 2018) ma, avere la moto in prova per diversi giorni, ci ha confermato la bontà del prodotto. BMW F 750 GS è facile, intuitiva, comoda, agile. Cosa volere di più? Forse una leggera protezione (cupolino basso, fin troppo sportivo).

La sella bassa (815 mm) e scavata, il motore dalle dimensioni ridotte, il manubrio che sembra volerci aiutare a stare dritti e comodi e le pedane perfettamente centrate. Trovarsi a disagio su questa middle size tedesca è veramente difficile. Sembra studiata per accogliere i piloti di tutte le taglie. Il nuovo e precisissimo comando Ride-by-Wire fa il resto. Due le mappature di serie (Road e Rain) e due optional comprese nel pacchetto Dynamic ESA (Dynamic ed Enduro).

È giunto il momento di mettere in moto e il nuovo sound si fa subito notare: è più rauco, coinvolge e suona quasi da bicilindrico a "V". Una volta lasciata la frizione si governa facilmente e il manubrio sembra avere una sterzata infinita. Pochi metri dopo ci accorgiamo che il bicilindrico chiede gas, o forse è il nuovo sound che ci spinge a farlo, ed ecco che viene fuori il nuovo 853 cc: più allegro, più vigoroso, sembra anche più fluido del precedente. Niente strappi o indecisioni, i giri salgono e il cambio elettronico accompagna volentieri (forse un po' troppo duro negli innesti).

Nel misto stretto gioca in casa. La ruota anteriore da 19" fa scordare quei 18 CV persi per strada nei confronti della sorella 850, e disegna le traiettorie con una facilità disarmante, senza mai allargare troppo in uscita, anche a gas spalancato. La forcella, che alla vista sembrerebbe un po' esile, fa il suo sporco lavoro anche nelle staccate più decise; certo affonda, ma progressivamente. La leva del freno va strizzata per ottenere il massimo, ma sappiamo che non è una moto studiata per la guida estrema. Nei curvoni più veloci una sorpresa: stabile e precisa come non mai nella storia dei GS di media cilindrata.

La ciclistica di F 750 GS non è adatta al fuoristrada ma noi abbiamo fatto finta di non sapere e ci siamo avventurati ugualmente. Ovvio che sono saltati subito fuori i limiti di questa moto: non è a suo agio come sull'asfalto e non è a suo agio come F 850 GS fuori dall'asfalto. I cerchi in lega da 19" la rendono rigida, la forcella con poca escursione non digerisce sassi e asperità. Nonostante ciò, non ha paura di affrontare sterrati e un leggero off-road. Certo, se per recarvi a lavoro dovete attraversare una foresta, inutile dirvi che è meglio indirizzarsi verso la sorella incline al fuoristrada.

Nuova BMW F 750 GS: scheda tecnica



Dimensioni
Lunghezza: 2.255 mm
Larghezza: 922 mm
Altezza sella da terra minima: 815 mm
Interasse: 1.559 mm
Peso in ordine di marcia: 224 Kg


Motore
Cilindrata: 853 cc
Tipo motore: termico
Tempi: 4
Cilindri: 2
Configurazione cilindri: in linea
Disposizione cilindri: trasversale
Raffreddamento: a liquido
Avviamento: elettrico
Alimentazione: iniezione
Alesaggio: 84 mm
Corsa: 77 mm
Frizione: multidisco (anti-saltellamento)
Numero valvole: 4
Distribuzione: bialbero
Ride by Wire: Sì
Controllo trazione: Sì
Potenza: 77 cv (57 kW) a 7.500 rpm
Coppia: 83 nm a 6.000 rpm
Emissioni: Euro 4
Tipologia cambio: 6 rapporti a prese continua
Presenza retromarcia: No
Capacità serbatoio carburante: 15 litri
Trasmissione finale: catena


Ciclistica
Telaio: acciaio monoscocca con motore portante
Sospensione anteriore: forcella telescopica da 41 mm
Escursione anteriore: 151 mm
Sospensione posteriore: doppio braccio oscillante
Escursione posteriore: 177 mm
Tipo freno anteriore: doppio disco
Misura freno anteriore: 305 mm
Tipo freno posteriore: disco
Misura freno posteriore: 265 mm
ABS: Sì
Misura cerchio anteriore: 19 pollici
Pneumatico anteriore: 110/80 R 19
Misura cerchio posteriore: 17 pollici
Pneumatico posteriore: 150/70 R17


Abbigliamento utilizzato

Casco: X-lite e Nolan
Giacca: Spidi
Guanti: Alpinestars
Pantaloni: OJ Jeans, Spidi
Stivali: TCX

  • shares
  • Mail