Suzuki, pronto il ritorno in Superbike nel 2019?

La casa di Hamamatsu starebbe pensando ad un ritorno nel Mondiale Superbike, in collaborazione con Yoshimura e Hawk Racing

bradley_ray_suzuki-3.jpg

Dopo tre anni di assenza, Suzuki potrebbe decidere di ritornare a gareggiare in WSBK a partire dal 2019. A lanciare l'indiscrezione è il sito tedesco Speedweek, secondo il quale la casa di Hamamatsu sarebbe interessata a riprendere un discorso interrotto a fine 2015: a gestire le GSX-R 1000 con il supporto di Suzuki Japan sarebbe, nel caso in cui la voce venisse confermata, il team Hawk Racing di Stuart Hicken, formazione di punta del British Superbike e delle Road Races.

La squadra britannica, fondata nell'ormai lontano 1996, potrebbe compiere il grande salto nel Mondiale assieme al suo attuale pilota, il promettente Bradley Ray: il 21enne del Kent, autore di una straordinaria doppietta a Donington nel Campionato britannico, ha disputato quest'anno una wild card in WSBK proprio in occasione del recente round inglese, terminando entrambe le manche in zona punti con una moto priva del pacchetto elettronico delle moto "mondiali".

bradley_ray_suzuki-2.jpg

Suzuki potrebbe dunque decidere di supportare ufficialmente la formazione d'Oltremanica con la collaborazione del tuner Yoshimura, alla stregua di ciò che già fa con i team di MotoAmerica e Mondiale Endurance: sul piatto ci sarebbe una cifra di 500.000 euro all'anno, stanziata per riportare in alto la Gixxer anche nella massima serie delle derivate.

Se l'operazione dovesse andare in porto, Suzuki diventerebbe l'8° marchio presente nel Mondiale Superbike dopo Kawasaki, Ducati, Honda, Yamaha, Aprilia, BMW ed MV Agusta. Sempre che a Schiranna decidano di rimanere...

bradley_ray_suzuki-1.jpg

  • shares
  • Mail