Pirelli porta oltre 4000 pneumatici per Donington

Dopo la doppietta di Chaz Davies ad Imola, il campionato Mondiale Superbike fa tappa a Donington Park in Inghilterra

ambience-2.jpg
Dopo la doppietta di Chaz Davies ad Imola, il campionato Mondiale Superbike fa tappa a Donington Park per il sesto appuntamento stagionale dal 26 al 28 maggio prossimi.

Una pista che mostra un layout estremamente particolare, come oramai da tradizione: la prima parte tra la Redgate, passando per la Craner, la Old Hairpin, risalendo poi per la McLean's e la Coppice, e poi una seconda parte con allungo, ed i tornanti Melbourne e Goddards.

Serve buona stabilità all'avantreno nella prima parte. Il pneumatico deve mantenere il più possibile la propria conformazione e garantire il supporto necessario per gestire le curve in discesa. Al posteriore invece, serve resistenza per le accelerazioni brusche caratteristiche del tracciato.

A tutto questo bisogna aggiungere anche le basse temperature inglesi. In questi casi, la mescola - sopratutto la morbida - fatica ad entrare nel giusto range di temperatura per lavorare al meglio, subendo cosi delle lacerazioni e strappi in fase di apertura. Meglio quindi pensare a delle soluzioni con più robustezza meccanica, come quelle della mescola SC1.

Le soluzioni per la Superbike
chaz-davies-in-2016.jpg
Pirelli porterà un totale di 4815 pneumatici per poter far fronte a tutte le esigenze dei piloti di tutte le classi. Ovviamente si parla del campionato mondiale Superbike e Supersport, considerando come la Superstock1000 e la Supersport 300 utilizzano sempre le stesse soluzioni di gamma.

Otto slick dunque per la classe WorldSBK cinque all'anteriore e tre per il posteriore. All'anteriore i piloti avranno a disposizione la gamma completa: la morbida SC1, la media SC2 e la dura SC3, oltre a due soluzioni di sviluppo SC1 V0952, che ha dalla sua la stessa mescola di gamma ma con differenti soluzioni strutturali. Quest'ultima è stata la più utilizzata in gara 2 a Imola. Un'altra mescola di sviluppo è la V1271, utilizzata durante i test ufficiali di Aragon, ed utilizzata sia ad Assen che ad Imola.

Al posteriore invece, ecco la morbida SC0 con una soluzione di sviluppo accanto chiamata V0602. Terza opzione sarà la V1199, ovvero una mescola SC1 con particolari accorgimenti strutturali.

Le soluzioni per la SuperSport
kenan-sofuoglu.jpg
Alcune differenze rispetto ad Imola saranno presenti invece nel campionato Supersport. Cinque le scelte, con all'anteriore, oltre a SC1 e SC2 di gamma, ci sarà una soluzione di sviluppo, la V1267, che utilizza mescola SC1 di gamma con un diverso processo. Idem per la posteriore con SC0 di gamma e SC1 di sviluppo V0705, soluzione di sviluppo in mescola SC1 alternativa alla SC1 di gamma.

Le statistiche 2016 Pirelli per Donington Park

infografica-donington-park-2017.jpg

• Numero totale di pneumatici portati da Pirelli: 4356

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSBK: 6 anteriori e 6 posteriori

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSBK: 37 anteriori e 33 posteriori

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSSP: 4 anteriori e 4 posteriori

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSSP: 21 anteriori e 21 posteriori

• Best Lap Awards Superbike vinti entrambi da: Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team)in 1'27.988 (Gara 1, 5° giro) e in 1'27.605 (Gara 2, 2° giro)

• Best Lap Awards Supersport vinto da: Kyle Smith (CIA Landlord Insurance Honda), in 1'30.887 al 11° giro

• Temperatura in Gara 1: aria 17° C, asfalto 33° C

• Temperatura in Gara 2: aria 15° C, asfalto 27° C

• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 274,1 km/h, realizzata da Jordi Torres (Althea BMW Racing Team) al 5° giro di Gara 2

• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Supercorsa in gara: 247,1 km/h, realizzata da Axel Bassani (San Carlo Team Italia) al 3° giro

  • shares
  • Mail